Passa ai contenuti principali

Sally - Vasco Rossi

Significato del testo della Canzone di Vasco Rossi Sally

Chi è Sally.

Non tutti hanno capito che quando Vasco scrive una canzone autobiografica si nasconde sempre dentro un alter ego femminile. Ne sono esempi canzoni come Albachiara (prima delle critiche andatevi a leggere il mio post "Albachiara non è una canzone d'amore), Jenny è pazza o brava Giulia, tanto per citarne qualcuna. Sally è uno di questi alter ego. Si tratta di una delle canzoni più riuscite del rocker di Zocca, tanto che egli stesso ha dichiarato in un'intervista che a volte vorrebbe fare un concerto solo per poter cantare questa canzone.

Vasco si guarda indietro.

Questa volta Vasco non guarda dentro di se, ma guarda al suo passato. Rivive i violenti sentimenti dell'adolescenza, le scelte del passato e cerca anche di tirare una qualche conclusione, o, almeno, di dare un senso a tutti quei tormenti. A rendere questa canzone diversa da tutte le altre ci sono il finale quasi ottimistico e una specie di morale. Cose molto rare, o forse uniche, nel suo repertorio musicale (disperazione e pessimismo cosmico dominano la sua produzione). Vediamo la prima strofa:
Sally cammina per la strada senza nemmeno....
....guardare per terra
Sally è una donna che non ha più voglia
....di fare la guerra
Sally ha patito troppo
Sally ha già visto che cosa....
"ti può crollare addosso"!
Questo è il Vasco di fine anni 80. Un Vasco proveniente da una giovinezza travagliata: droga, carcere e ripetuti fallimenti musicali. Un Vasco svuotato, che ha perso la voglia di lottare, che ha perso completamente l'interesse per il mondo, quasi come uno zombi (camminare senza nemmeno guardare per terra = deambulare come uno zombi).

Sally è già stata "punita"...
per ogni sua distrazione o debolezza...
per ogni "candida carezza"...
"data" per non sentire....l'amarezza!
senti che fuori piove
senti che bel rumore...
Sally (d'ora in poi chiameremo così l'autore) è cosciente di avere fatto errori nel suo passato, ma sente di essere stata punita troppo per questo. In particolare ha incontrato un mondo freddo, che nei momenti di difficoltà, anziché aiutarlo, lo ha ulteriormente castigato. "Senti che fuori piove, senti che bel rumore" è una vera perla, bisogna aver sofferto nella vita per capirla! Quando si soffre il rischio più grave è quello di alienarsi dal mondo e torturarsi ripensando a tutto il male che ci sta accadendo. In quei momenti è bellissimo fermarsi, e "ascoltare la natura". Poco importa che sia la pioggia, piuttosto che il vento o il rumore di un ruscello. È un modo per non pensare ai problemi e godersi la bellezza della natura, che l'agonia ci ha fatto dimenticare. La natura è piena di cose belle, è l'uomo ad aver trasformato il mondo in una macchina impazzita dalla quale non possiamo scendere. Se per un momento dimentichi il male, puoi gioire delle bellezze del mondo (che non sono solo la pioggia naturalmente, ma anche il sole, la natura, l'arte, un sorriso, un tramonto...). È un tema molto ricorrente nelle sue canzoni, la solitudine e la gente che ti fa del male, specialmente quando ti vede debole.

Sally cammina per la strada sicura
senza pensare a niente!
....ormai guarda la gente
con aria indifferente...
....sono lontani quei "momenti"...
quando "uno sguardo" provocava "turbamenti"..
quando la vita era più facile...
La sicurezza di Sally viene proprio da qui, dall'aver compreso che la vita può essere bella se la smetti di curarti degli altri. Imparare a stare da soli è il primo passo per vivere bene. Si potrebbe parafrasare quanto detto sopra usando la classica espressione "imparare a stare bene con se stessi". Cosa che il Vasco sosterrà in diverse occasioni di non saper fare (ad esempio stupido Hotel o siamo soli). Certo, tutto questo è possibile se riesci a sopportare la nostalgia, se riesci a fare a meno di uno "sguardo che provoca turbamenti" .Quando la vita era più facile si riferisce all'adolescenza.
quando la vita era più facile...
e si potevano mangiare anche le fragole....
perché la vita è un brivido che vola via
è tutt'un equilibrio sopra la follia....
..........sopra follia!
senti che fuori piove
senti che bel rumore... 
"La vita era più facile" e "mangiare le fragole" si riferiscono sempre all'adolescenza, periodo in cui non dovevi temere la cattiveria delle persone. Ho letto da qualche parte che il discorso fragole si riferisce alla sua allergia, motivo per cui le doveva mangiare di nascosto. "L'equilibrio sopra la follia" è Sally che deve riuscire a vivere in bilico tra droga, eccessi, arresti, fallimenti musicali, amici che la tradiscono, ... la follia è il mondo che si è scelto, nel quale puoi facilmente affondare se non tieni un equilibrio. Si capirà meglio con la canzone "dannate nuvole". È uno "stato mentale" dentro il quale l'autore si nasconde quando cerca l'ispirazione. Un modo per alienarsi dal mondo.

Ma forse Sally è proprio questo il senso...il senso...
del tuo "vagare"...
forse davvero ci si deve sentire....
alla fine....un Po' male!....
Forse alla fine di questa "triste storia"
qualcuno troverà il coraggio
per affrontare "i sensi di colpa"...
e cancellarli da questo "viaggio"....
per vivere davvero ogni momento.....
con ogni suo "turbamento"!....
e come se fosse l'ultimo! 
C'è poco da spiegare. Le sofferenze di gioventù servono a formare il nostro carattere.  Se non soffri non cresci e, se soffri in maniera speciale, allora forse diventerai una persona speciale. Il grande Guccini usò una bellissima espressione al riguardo: "la paghi tutta e a prezzo di inflazione quella che chiaman la maturità". Ma la parte davvero difficile è metabolizzare queste sofferenze. Non piangersi addosso e vivere male. Dobbiamo ammettere i nostri errori, capire che fanno parte della nostra crescita, cancellare i sensi di colpa e godere di ogni momento, bello e brutto, e capire che fanno tutti parte della vita, magari trasformandoli in una canzone.

Sally cammina per la strada..."leggera"...
ormai è sera...
"si accendono le luci dei lampioni"...
"tutta la gente corre a casa davanti alle televisioni"..
ed un pensiero le passa per la testa
"forse la vita non è stata tutta persa"...
forse qualcosa "s'è salvato"!!...
forse davvero!...non è stato "poi tutto sbagliato"!
"forse era giusto così!?!"....
Questa è la parte più bella e significativa del testo. È sera, viene il buio e la gente corre davanti alla televisione. Un'immagine, unita al fatto che fuori piove, assai squallida. Sally capisce che questa è l'alternativa. Vivere la pienezza della vita con tutti i suoi turbamenti, o guardare la vita attraverso un teleschermo. E allora si domanda se forse non fosse giusto vivere la vita come lei, malgrado tutte le sofferenze.

forse ma forse ma si....
cosa vuoi che ti dica io
senti che bel rumore

 Il "forse, ma forse, ma si..." ha un doppio significato. Un semplice "si, meglio vivere la vita con la sue sofferenze che stare in casa a guardare la tv", ma anche un rifermento al fatto che alla fine lui c'è l'ha fatta. Cancellati i sensi di colpa, quello che resta è il Vasco Rossi di Fronte del Palco. Il suo cammino difficile alla fine è riuscito a farlo diventare una rockstar. "cosa vuoi che ti dica io... senti che bel rumore..." significa: non aspettarti che ti dica io come si fa, che con questa canzone voglia insegnarti la vita, che voglia scrivere una nuova religione, ... ascolta con me la pioggia, ovvero spegni la tv e comincia a "sentire" il mondo reale. Il rumore potrebbe essere anche la sua musica.

Commenti

  1. un giorno Vasco si studierà nella scuole e nelle università...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gia' piuttosto che studiare cose' la chiave di sol, si studiera' Vasco...

      Elimina
  2. Riguardo all'università non so, ma alle superiori si studia già.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. allora dimmi dov'è che ci vengo anch'io! =)

      Elimina
    2. Ho scritto superiori, ma in realtà alle scuole medie di Latisana. O, almeno, così mi ha detto un'insegnante di lettere dell'Istituto. Comunque ti dirò, mi piace il Blaso, ma non tanto da tornare a scuola per lui ;)

      Elimina
  3. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  4. Il precedente commento e'frutto di un errore...scusate tutti!

    RispondiElimina
  5. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  6. Quanta fantasia nella "versione in prosa" di questa bella canzone. Ma un conto è quello che l'autore intendeva, un altro quello che in questa recensione, se così si può chiamare, il recensore ha espresso. Ovvero i suoi desideri e convincimenti circa il significato del testo.
    Ma c'è una differenza tra le proprie idee e quelle altrui: le prime sono ipotesi e come tali andrebbero espresse, le seconde sono il reale pensiero dell'altro.
    Un saluto
    A. M.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma va?
      Ad ogni modo il Vasco ha confermato in pieno la mia interpretazione (cosa comunque poco rilevante). Resta il fatto che le interpretazioni restano interpretazioni!!!

      Elimina
    2. Mi chiamo Angelica, vorrei tanto mettermi in contatto con A. M.
      La mia mail è angelica.mazzolari @gmail.com
      Grazie

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Classifica delle 100 migliori canzoni italiane di sempre

Disclamer: fare una simile classifica è sempre una cosa sciocca. Il risultato sarà sempre e comunque sindacabile. Allora perché la faccio? Così, per ingannare il tempo e divertirmi un po. Bello sarebbe anche se desse l'inizio ad un sano dibattito. Non cadiamo nel tranello di dare il via a sterili litigi. Per chi volesse esistono già numerosi siti dove litigare.
Stilare una simile classifica non è facile ed il risultato dipende esclusivamente dai parametri che si intendono utilizzare. Quelli a cui mi andrò a riferire sono:

successo della canzoneimpatto sociale nel momento in cui è stata pubblicatalongevità del successouniversalità del messaggio e del suonoprofondità del testocapacità di superare le barriere del tempo. Ogni volta che rileggo la classifica ci farei dei cambiamenti. Questo perché certi fenomeni sociali riescono a far tornare verde un messaggio mentre altri, col tempo, perdono la loro forza. Di fronte all'attuale crisi europea, chi non ha trovato attuali le canzoni…

Stupendo - Vasco Rossi

Il testamento spirituale di Massimo Riva. Stupendo è una delle mie canzoni preferite del grande Blasco! La musica è sua, ma, questa volta, al testo ci ha messo le mani un immenso Massimo Riva. Autore già di altri testi capolavoro come "dormi dormi" e "non mi va". La canzone assume un significato ancora più forte se si considera che di li a poco il grande autore/chitarrista morirà di overdose. Morire di overdose nel 1999, più che una morte accidentale, sembra un suicidio. Questo da ancora più forza e credibilità ad un testo che parla del male di vivere e del sentirsi inadeguati per questa società marcia e corrotta. Lo voglio sottolineare perché troppo spesso abbiamo scoperto che presunti artisti maledetti, una volta spente le telecamere, facevano una vita da yuppies. Mi viene in mente qualcuno che fino a ieri cantava canzoni come "nessuno" e oggi "comunisti col rolex". Una brutta ipocrisia che rafforza ancor di più la, già sgradevole, sensazione…