Passa ai contenuti principali

Hall of fame - The Script


The Script - Hall of fame
I The Script sono un gruppo musicale irlandese che ogni tanto ci degnano di qualche capolavoro come l’ormai famosissima “Hall of the fame” che letteralmente significa la stanza della gloria.
Mi piace il testo di questa canzone percè non va a parare nei soliti volgari doppi sensi ma bensì invita a pensare.
Dice a chiunque stia ascoltando la canzone che potrebbe essere tutto quello che vuole ma… e sì, c’è sempre un ma! A meno che tu non sia un miliardario, aggiungo io, e vuoi essere qualcuno devi alzarti e iniziare e darti da fare e solo allora vedrai il sacrifico ripagato con la gloria.

Infatti nella canzone richiamano l’attenzione con un famigliare hei, sì proprio tu, lo sai che potresti essere il più grande, il migliore, un king kong, colui che sconfigge la guerra, il mondo.
Potresti parlare con Dio, essere un orologio, cioè padrone di decidere come impiegare il tuo tempo, essere una montagna, spaccare le pietre o essere un maestro. Non aspettare la fortuna però, impegnati a trovare te stesso, ricerca quello che vuoi essere nella stanza della gloria e il mondo imparerà il tuo nome perché tu vali più di chiunque altro e sarai anche tu nella stanza delle persone che vivono con gloria.
Dopo di ché riparte dicendo che potresti fare la differenza, essere superiore, essere un eroe e conquistare l’oro.
Grande sferzata di positività, grazie Script!


Commenti

  1. bellissima canzone con un bellissimo significato

    RispondiElimina
  2. p.s:è anche molto difficile da imparare perke le parole passano in fretta.grazie hai the script abbiamo una testimonianza dei sogni che si realizzano

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non è vero io la so a memoria...comunque gli script sono unici <3

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Sally - Vasco Rossi

Chi è Sally. Non tutti hanno capito che quando Vasco scrive una canzone autobiografica si nasconde sempre dentro un alter ego femminile. Ne sono esempi canzoni come Albachiara (prima delle critiche andatevi a leggere il mio post "Albachiara non è una canzone d'amore), Jenny è pazza o brava Giulia, tanto per citarne qualcuna. Sally è uno di questi alter ego. Si tratta di una delle canzoni più riuscite del rocker di Zocca, tanto che egli stesso ha dichiarato in un'intervista che a volte vorrebbe fare un concerto solo per poter cantare questa canzone.

Classifica delle 100 migliori canzoni italiane di sempre

Disclamer: fare una simile classifica è sempre una cosa sciocca. Il risultato sarà sempre e comunque sindacabile. Allora perché la faccio? Così, per ingannare il tempo e divertirmi un po. Bello sarebbe anche se desse l'inizio ad un sano dibattito. Non cadiamo nel tranello di dare il via a sterili litigi. Per chi volesse esistono già numerosi siti dove litigare.
Stilare una simile classifica non è facile ed il risultato dipende esclusivamente dai parametri che si intendono utilizzare. Quelli a cui mi andrò a riferire sono:

successo della canzoneimpatto sociale nel momento in cui è stata pubblicatalongevità del successouniversalità del messaggio e del suonoprofondità del testocapacità di superare le barriere del tempo. Ogni volta che rileggo la classifica ci farei dei cambiamenti. Questo perché certi fenomeni sociali riescono a far tornare verde un messaggio mentre altri, col tempo, perdono la loro forza. Di fronte all'attuale crisi europea, chi non ha trovato attuali le canzoni…

Stupendo - Vasco Rossi

Il testamento spirituale di Massimo Riva. Stupendo è una delle mie canzoni preferite del grande Blasco! La musica è sua, ma, questa volta, al testo ci ha messo le mani un immenso Massimo Riva. Autore già di altri testi capolavoro come "dormi dormi" e "non mi va". La canzone assume un significato ancora più forte se si considera che di li a poco il grande autore/chitarrista morirà di overdose. Morire di overdose nel 1999, più che una morte accidentale, sembra un suicidio. Questo da ancora più forza e credibilità ad un testo che parla del male di vivere e del sentirsi inadeguati per questa società marcia e corrotta. Lo voglio sottolineare perché troppo spesso abbiamo scoperto che presunti artisti maledetti, una volta spente le telecamere, facevano una vita da yuppies. Mi viene in mente qualcuno che fino a ieri cantava canzoni come "nessuno" e oggi "comunisti col rolex". Una brutta ipocrisia che rafforza ancor di più la, già sgradevole, sensazione…