Passa ai contenuti principali

Like a Virgin - Madonna

Madonna Like a Virgin
È davvero una canzone sulla fava grossa? Impossibile, dopo aver visto il capolavoro di Tarantino "le iene", non andare a vedere il testo della canzone. L'idea del grande regista è senza dubbio geniale, come sempre d'altronde, ma questa volta credo sia andato, se pur coscientemente fuori strada.

Il testo è semplice, ma non del tutto banale, come si addiceva alla maggior parte delle canzoni degli anni '80. All'epoca infatti il qualunquismo non aveva ancora permeato le nostre coscienze, e si aveva la sensazione che anche una semplice canzone dovesse portare con se un qualche messaggio.



Ma, come dicono gli spagnoli, veniamo al sugo. La pop star è ormai una donna emancipata, ovvero ha già vissuto numerose esperienze sessuali. Trovandosi poi single vive l'insicurezza e la depressione tipica della donna che malgrado tutto non ha ancora trovato la sua stella polare.

Poi finalmente trova un uomo che le fa bettere il cuore, la fa sentire bene, le da la sicurezza di cui una donna ha sempre bisogno. E decide di darsi a lui completamente, senza mentire, senza recitare una parte. Decide persino di fidarsi di lui, cosa che tutte le donne fanno con l'uomo che le ruba la verginità, ma che, una volta deluse, decidono di non fare mai più.

Qui sta il senso del titolo della canzone: "decido di fidarmi completamente di te, come solo una vergine potrebbe fare". Ancora una nota, dopo aver visto il film di Tarantino, Madonna ha mandato una lettera al regista scrivendo "non era una metafora sulla fava grossa".


Commenti

Post popolari in questo blog

Sally - Vasco Rossi

Chi è Sally. Non tutti hanno capito che quando Vasco scrive una canzone autobiografica si nasconde sempre dentro un alter ego femminile. Ne sono esempi canzoni come Albachiara (prima delle critiche andatevi a leggere il mio post "Albachiara non è una canzone d'amore), Jenny è pazza o brava Giulia, tanto per citarne qualcuna. Sally è uno di questi alter ego. Si tratta di una delle canzoni più riuscite del rocker di Zocca, tanto che egli stesso ha dichiarato in un'intervista che a volte vorrebbe fare un concerto solo per poter cantare questa canzone.

Classifica delle 100 migliori canzoni italiane di sempre

Disclamer: fare una simile classifica è sempre una cosa sciocca. Il risultato sarà sempre e comunque sindacabile. Allora perché la faccio? Così, per ingannare il tempo e divertirmi un po. Bello sarebbe anche se desse l'inizio ad un sano dibattito. Non cadiamo nel tranello di dare il via a sterili litigi. Per chi volesse esistono già numerosi siti dove litigare.
Stilare una simile classifica non è facile ed il risultato dipende esclusivamente dai parametri che si intendono utilizzare. Quelli a cui mi andrò a riferire sono:

successo della canzoneimpatto sociale nel momento in cui è stata pubblicatalongevità del successouniversalità del messaggio e del suonoprofondità del testocapacità di superare le barriere del tempo. Ogni volta che rileggo la classifica ci farei dei cambiamenti. Questo perché certi fenomeni sociali riescono a far tornare verde un messaggio mentre altri, col tempo, perdono la loro forza. Di fronte all'attuale crisi europea, chi non ha trovato attuali le canzoni…

Stupendo - Vasco Rossi

Il testamento spirituale di Massimo Riva. Stupendo è una delle mie canzoni preferite del grande Blasco! La musica è sua, ma, questa volta, al testo ci ha messo le mani un immenso Massimo Riva. Autore già di altri testi capolavoro come "dormi dormi" e "non mi va". La canzone assume un significato ancora più forte se si considera che di li a poco il grande autore/chitarrista morirà di overdose. Morire di overdose nel 1999, più che una morte accidentale, sembra un suicidio. Questo da ancora più forza e credibilità ad un testo che parla del male di vivere e del sentirsi inadeguati per questa società marcia e corrotta. Lo voglio sottolineare perché troppo spesso abbiamo scoperto che presunti artisti maledetti, una volta spente le telecamere, facevano una vita da yuppies. Mi viene in mente qualcuno che fino a ieri cantava canzoni come "nessuno" e oggi "comunisti col rolex". Una brutta ipocrisia che rafforza ancor di più la, già sgradevole, sensazione…