Passa ai contenuti principali

Cenere - Roberto Angelini

Roberto Angelini - CenereIl cantautore romano Roberto Angelini presenta l’inedito Cenere tratto dal’album che sarà in vendita da autunno.  Egli offre un testo e un ritornello che sicuramente memorizzeremo facilmente.
Il titolo della canzone è al quanto esauriente, lui si sente come la cenere, al momento bruciato dentro ma appena il vento soffierà sarà pronto a mescolarsi con la terra e a rinascere di nuovo, un po’ come l’araba fenice. Ma passiamo all'analisi del testo. 
Amily, Carola, Gilua, Vale, Silvia…sono i nomi e le storie della ragazze con cui ha avuto una storia, qualcuna sa che la loro storia è finita, qualcuna non se ne è ancora accorta, qualcuna lo odia, qualcuno cambia strada.


Tutte hanno due cosa in comune l’amore che provano o hanno provato per questo ragazzo e il fatto che sono le vittime di una persona troppo innamorata dell’amore, troppo legato al fuoco che sente ardere dentro quando incontra ciò che desidera. Ma il cantautore è combattuto dai sensi di colpa, infatti sente che questo fuoco che lo fa sentire vivo allo stesso tempo lo porterà ad essere solo, lo ridurrà in cenere e chi gli starà accanato verrà ridoto in cenere insieme a lui, non ci saranno superstiti. Tutte le donne che sono entrate nella sua vita sono state solo parte di una scena il cui sipario è già stato chiuso.
Ma come ho detto sopra lui è un’araba fenice e risorgerà da un’altra parte con un’altra persona, infatti le ultime parole sono che lui c’è ancora.
Ci ho messo un po’ a  capirlo, bravo Roberto! Mi dispiace solo che probabilmente non potrai  mai capire cosa vuol dire avere accanto una persona che ti ama con tutti i difetti di fabbrica e anche con quelli che si sono creati crescendo.

Commenti

Post popolari in questo blog

Sally - Vasco Rossi

Chi è Sally. Non tutti hanno capito che quando Vasco scrive una canzone autobiografica si nasconde sempre dentro un alter ego femminile. Ne sono esempi canzoni come Albachiara (prima delle critiche andatevi a leggere il mio post "Albachiara non è una canzone d'amore), Jenny è pazza o brava Giulia, tanto per citarne qualcuna. Sally è uno di questi alter ego. Si tratta di una delle canzoni più riuscite del rocker di Zocca, tanto che egli stesso ha dichiarato in un'intervista che a volte vorrebbe fare un concerto solo per poter cantare questa canzone.

Classifica delle 100 migliori canzoni italiane di sempre

Disclamer: fare una simile classifica è sempre una cosa sciocca. Il risultato sarà sempre e comunque sindacabile. Allora perché la faccio? Così, per ingannare il tempo e divertirmi un po. Bello sarebbe anche se desse l'inizio ad un sano dibattito. Non cadiamo nel tranello di dare il via a sterili litigi. Per chi volesse esistono già numerosi siti dove litigare.
Stilare una simile classifica non è facile ed il risultato dipende esclusivamente dai parametri che si intendono utilizzare. Quelli a cui mi andrò a riferire sono:

successo della canzoneimpatto sociale nel momento in cui è stata pubblicatalongevità del successouniversalità del messaggio e del suonoprofondità del testocapacità di superare le barriere del tempo. Ogni volta che rileggo la classifica ci farei dei cambiamenti. Questo perché certi fenomeni sociali riescono a far tornare verde un messaggio mentre altri, col tempo, perdono la loro forza. Di fronte all'attuale crisi europea, chi non ha trovato attuali le canzoni…

Stupendo - Vasco Rossi

Il testamento spirituale di Massimo Riva. Stupendo è una delle mie canzoni preferite del grande Blasco! La musica è sua, ma, questa volta, al testo ci ha messo le mani un immenso Massimo Riva. Autore già di altri testi capolavoro come "dormi dormi" e "non mi va". La canzone assume un significato ancora più forte se si considera che di li a poco il grande autore/chitarrista morirà di overdose. Morire di overdose nel 1999, più che una morte accidentale, sembra un suicidio. Questo da ancora più forza e credibilità ad un testo che parla del male di vivere e del sentirsi inadeguati per questa società marcia e corrotta. Lo voglio sottolineare perché troppo spesso abbiamo scoperto che presunti artisti maledetti, una volta spente le telecamere, facevano una vita da yuppies. Mi viene in mente qualcuno che fino a ieri cantava canzoni come "nessuno" e oggi "comunisti col rolex". Una brutta ipocrisia che rafforza ancor di più la, già sgradevole, sensazione…