Passa ai contenuti principali

Sola - Francesca Michielin

Francesca Michielin- Sola

Dopo la bellissima canzone “Distratto” Francesca Michielin ritorna con “Sola” un testo veramente molto bello e toccante.

Il testo della canzone è rivolto a se stessa, si stia raccontando del suo grande amore che ormai se ne è andato lasciandole le tracce del suo passaggio dentro al cuore. Ci racconta del dolore e della solitudine che ha provato per un lungo periodo della sua vita. Ma passiamo alla spiegazione del testo passo per passo così potremo capire perché sono giunta a questa conclusione.

E ti si legge negli occhi perché
Non c’è alcun peso da nascondere
E quel vestito da stringere un po’
Buone intenzioni che non bastano
Sta dicendo che le si può leggere tutto negli occhi perché non ha nessun segreto da nascondere. Decide di reinventarsi cambiare certe cose ma non sempre le buone intenzioni bastano.
E tieni a mente le parole
Solo le più belle
Rotta è la tua voce
Mentre il cielo piange
Nel reinventarsi dovrà tenere a mente le parole più belle che ha detto, di modo da non portare rancore, parole che sono state interrotte dalla sua voce tremante, presa dalle emozioni che la portavano a sentirsi piangere il cielo addosso.
Sei sola, sola, sola
Ti senti sola, sola, sola
Quando stiamo male spesso vogliamo che il dolere contini a cullarci finché non siamo pronti a ricominciare perciò ci si autoisola e si finisce per pensare che si è soli ed è proprio questo che sta dicendo, sei solo perché ti vuoi  sentire sola.
E ti si legge negli occhi perché
Sempre più rare le tue lacrime
La nostalgia per chi non rivedrai
Sta dicendo che le si può leggere negli occhi, stanchi di versare lacrime, che la nostalgia per chi non rivedrà più sta passando.
E l’allegria che poi ritroverai
Nei gesti e nei dettagli
Piccoli e importanti
Anche se oggi vedi
Solo amori infranti
Sei sola, sola, sola
Ti senti ancora troppo sola, sola, sola
Qui dice che l’allegria ritornerà, e la ritroverai nei gesti e nei dettagli più piccoli ed importanti anche se adesso ricorda solo storie d’amore in cui le hanno spezzato, perciò continuerà a sentirsi sempre più sola, troppo sola.
E continui a domandarti
Quale senso possa avere il tuo dolore
Risposte troverai prima o poi
In fondo all’amore
Che ti renderà più forte
E sarà una buona amica anche
La solitudine
Sola, sola, sola
Tu non sei sola, sola, sola.
Il tempo passa e lei continua ancora a domandarsi che senso abbia ancora tutto il dolore che sente. Ma un giorno troverà la risposta alle sue domande quando troverà il grande amore che la rendere più forte e si accorgerà che la solitudine può rivelarsi una buona amica e non sarà più sola.



Commenti

  1. Il testo riportato è inesatto:
    qui quello ufficiale di Roberto Casalino: http://www.facebook.com/pages/Roberto-Casalino-Pagina-Ufficiale/32430340204?sk=app_160430850678443

    Inoltre a mio modesto parere "mentre il cielo piange" è un modo poetico per rappresentare una giornata uggiosa, di pioggia (anche interiore).
    Ciao e grazie
    Pino

    RispondiElimina
  2. Hai ragione, ho preso un testo incompleto e mal riportato. Procederò nel più breve tempo possibile ad apportare le modifiche che ho trovato nel tuo profilo.
    Per quanto riguarda "mentre il cielo piange" potresti avere ragione definendola una giornata uggiosa, ma io la interpreto più come un pianto interiore

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Sally - Vasco Rossi

Chi è Sally. Non tutti hanno capito che quando Vasco scrive una canzone autobiografica si nasconde sempre dentro un alter ego femminile. Ne sono esempi canzoni come Albachiara (prima delle critiche andatevi a leggere il mio post "Albachiara non è una canzone d'amore), Jenny è pazza o brava Giulia, tanto per citarne qualcuna. Sally è uno di questi alter ego. Si tratta di una delle canzoni più riuscite del rocker di Zocca, tanto che egli stesso ha dichiarato in un'intervista che a volte vorrebbe fare un concerto solo per poter cantare questa canzone.

Classifica delle 100 migliori canzoni italiane di sempre

Disclamer: fare una simile classifica è sempre una cosa sciocca. Il risultato sarà sempre e comunque sindacabile. Allora perché la faccio? Così, per ingannare il tempo e divertirmi un po. Bello sarebbe anche se desse l'inizio ad un sano dibattito. Non cadiamo nel tranello di dare il via a sterili litigi. Per chi volesse esistono già numerosi siti dove litigare.
Stilare una simile classifica non è facile ed il risultato dipende esclusivamente dai parametri che si intendono utilizzare. Quelli a cui mi andrò a riferire sono:

successo della canzoneimpatto sociale nel momento in cui è stata pubblicatalongevità del successouniversalità del messaggio e del suonoprofondità del testocapacità di superare le barriere del tempo. Ogni volta che rileggo la classifica ci farei dei cambiamenti. Questo perché certi fenomeni sociali riescono a far tornare verde un messaggio mentre altri, col tempo, perdono la loro forza. Di fronte all'attuale crisi europea, chi non ha trovato attuali le canzoni…

Stupendo - Vasco Rossi

Il testamento spirituale di Massimo Riva. Stupendo è una delle mie canzoni preferite del grande Blasco! La musica è sua, ma, questa volta, al testo ci ha messo le mani un immenso Massimo Riva. Autore già di altri testi capolavoro come "dormi dormi" e "non mi va". La canzone assume un significato ancora più forte se si considera che di li a poco il grande autore/chitarrista morirà di overdose. Morire di overdose nel 1999, più che una morte accidentale, sembra un suicidio. Questo da ancora più forza e credibilità ad un testo che parla del male di vivere e del sentirsi inadeguati per questa società marcia e corrotta. Lo voglio sottolineare perché troppo spesso abbiamo scoperto che presunti artisti maledetti, una volta spente le telecamere, facevano una vita da yuppies. Mi viene in mente qualcuno che fino a ieri cantava canzoni come "nessuno" e oggi "comunisti col rolex". Una brutta ipocrisia che rafforza ancor di più la, già sgradevole, sensazione…