Passa ai contenuti principali

Chi è PSY e cos'è il GANGNAM

psy - gangnam style - k-rap
Visto che questo rapper sudcoreano sembra voler abbattere tutte i guinnes dei primati, magari val la pena sapere chi è. Innanzitutto non è una nuova voce, PSY, all'anagrafe Park Jae-Sang, ha inciso il suo primo singolo nel 2000 ed ha pubblicato il primo LP nel 2001 (si usa ancora il termine LP?). Da allora ha già 6 dischi all'attivo. E' sempre stato pesantemente criticato nel suo paese per aver proposto un genere musicale filo-americano, in contrasto con la musica tradizionale coreana. Il suo rap-pop si caratterizza, oltre che per le musiche, anche per le coreografie molto curate (cosa per altro tipica nei video orientali) e per una certa dose di autoironia. In passato le sue canzoni hanno subito censure per i contenuti troppo forti (lui sostiene per motivi politici) ed ha avuto pure un'arresto per possesso di Marijuana.


La potente industria del rap coreano prende il nome di k-rap. Il ballo, il gangnam appunto, da un quartiere d'elite di Seul, stile Beverly Hills. Non che PSY si consideri un VIP, anzi, ma proprio per sbeffeggiarli. Tutto il suo rap è autoironico, ed in particolare i suoi balli e le sue pose, sono una buffa imitazione dei modi marziali dei rapper neri americani.

Il successo planetario è arrivato ormai da qualche mese, in Italia invece si comincia a solo sentire adesso. Il motivo è semplice: il successo non è arrivato grazie a massicce campagne pubblicitarie, ma, piuttosto, grazie al successo chi il suo video che ha ottenuto su youtube, raggiungendo in breve tempo 200 milioni di click. Qui da noi a governare il mercato discografico sono sempre i mass media tradizionali che, come è noto, sono piuttosto stitici a dare attenzione ai nuovi fenomeni. Che aspettarsi ora? Un'inondazione di k-rap? Un Fabri Fibra che dopo aver dedicato anni ad imitare i neri americani si mette a imitare i musici coreani? Vedremo, comunque era ora che dall'estremo oriente ci giungessero, oltre ai manufatti, delle belle opere artistiche!

Commenti

Post popolari in questo blog

Sally - Vasco Rossi

Chi è Sally. Non tutti hanno capito che quando Vasco scrive una canzone autobiografica si nasconde sempre dentro un alter ego femminile. Ne sono esempi canzoni come Albachiara (prima delle critiche andatevi a leggere il mio post "Albachiara non è una canzone d'amore), Jenny è pazza o brava Giulia, tanto per citarne qualcuna. Sally è uno di questi alter ego. Si tratta di una delle canzoni più riuscite del rocker di Zocca, tanto che egli stesso ha dichiarato in un'intervista che a volte vorrebbe fare un concerto solo per poter cantare questa canzone.

Classifica delle 100 migliori canzoni italiane di sempre

Disclamer: fare una simile classifica è sempre una cosa sciocca. Il risultato sarà sempre e comunque sindacabile. Allora perché la faccio? Così, per ingannare il tempo e divertirmi un po. Bello sarebbe anche se desse l'inizio ad un sano dibattito. Non cadiamo nel tranello di dare il via a sterili litigi. Per chi volesse esistono già numerosi siti dove litigare.
Stilare una simile classifica non è facile ed il risultato dipende esclusivamente dai parametri che si intendono utilizzare. Quelli a cui mi andrò a riferire sono:

successo della canzoneimpatto sociale nel momento in cui è stata pubblicatalongevità del successouniversalità del messaggio e del suonoprofondità del testocapacità di superare le barriere del tempo. Ogni volta che rileggo la classifica ci farei dei cambiamenti. Questo perché certi fenomeni sociali riescono a far tornare verde un messaggio mentre altri, col tempo, perdono la loro forza. Di fronte all'attuale crisi europea, chi non ha trovato attuali le canzoni…

Stupendo - Vasco Rossi

Il testamento spirituale di Massimo Riva. Stupendo è una delle mie canzoni preferite del grande Blasco! La musica è sua, ma, questa volta, al testo ci ha messo le mani un immenso Massimo Riva. Autore già di altri testi capolavoro come "dormi dormi" e "non mi va". La canzone assume un significato ancora più forte se si considera che di li a poco il grande autore/chitarrista morirà di overdose. Morire di overdose nel 1999, più che una morte accidentale, sembra un suicidio. Questo da ancora più forza e credibilità ad un testo che parla del male di vivere e del sentirsi inadeguati per questa società marcia e corrotta. Lo voglio sottolineare perché troppo spesso abbiamo scoperto che presunti artisti maledetti, una volta spente le telecamere, facevano una vita da yuppies. Mi viene in mente qualcuno che fino a ieri cantava canzoni come "nessuno" e oggi "comunisti col rolex". Una brutta ipocrisia che rafforza ancor di più la, già sgradevole, sensazione…