Passa ai contenuti principali

Insieme finire - Biagio Antonacci


Biagio Antonacci - Insieme finire
Il grande Biagio Antonacci ci regala sempre emozioni meravigliose con i testi delle sue canzoni e anche questa volta, tanto per cambiare, non ha deluso le aspettative del pubblico. Sì, certo forse un po’ malinconica ma andiamo, quando non siamo di buon umore una canzone che rispecchia il nostro stato d’animo è tutto ciò che vogliamo.
Il titolo della canzone “Insieme finire” potrebbe assumere diversi spiegazioni ma leggendo il testo mi sento di dire che altro non è che un sinonimo per dire “viviamo tutti i giorni che ci rimangono insieme”.
Biagio in questo canzone parla di amore e lo fa sempre con un gran tocco di classe e lo si può notare già nelle prime strofe.
Biagio Antonacci - Insieme finire
Si rivolge a lei dicendole che se lo vuole può prenderlo e sarà facile perché lo potrà trovare in qualunque dei punti cardinali lei lo cerchie. Se lei lo vuole lui nascerà come un sole nella sua testa. Non le mendica attenzione perché sa che sarebbe in grado di ottenerla, le chiede solo di scegliere lui e insieme avranno una vita felice fino al loro ultimo giorno.
La canzone riparte con un testo al quanto triste ma altro non è che una spiegazione del fatto che la vita di coppia non potrà essere sempre rosa e fiori e lo fa dicendo che a volta bisogna fermarsi per ricominciare. Questa è il modo migliore perché quando si sta male dentro è allora che bisogna fare i conti con se stessi per non cascarci più. Le dice che se lei lo vuole lui è disposto a piegarsi davanti al suo onore che lei difende ancora, anche se questo lo porterà a versare molto lacrime. Le dice che non la vuole spingerla a fare niente ma le chiede, solo se le va, di scegliere lui tra i tanti e farlo diventare la sua virtù così che possano vivere insieme fino all’ultimo giorno della loro vita.


Commenti

  1. Impara l'italiano.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E tu impara l'educazione. se ci capisci di piu' allora spiegacelo, senno tira giu' la tapparella.

      Elimina
  2. Aspetto di ricevere lezioni private e gratuite!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Complimenti una bellissima e profonda interpretazione...non capisco il commento precedente! Grazie comunque! Federica

      Elimina
    2. Grazie a te Federica per il complimento. Ho solo messo giù quello che mi sembrava stesse dicendo con parole un po' più complicate.

      Elimina
  3. è invidia. lascia stare gli anonimi e guarda oltre le apparenze, sempre. spero ke anke x me questa canzone voglia significare fermarsi, ma per ripartire INSIEME.
    grazie per la tua interpretazione.
    ci sta sempre un modo diverso x guardare l'orizzonte :)

    gianni

    RispondiElimina
  4. Cosa significa nel testo "Se lo vuoi, posso vendermi?". Intende che si prostituisce x soldi? Poveri noi...

    RispondiElimina
  5. Magari sbaglio, anzi sicuramente...ma a me la prima volta che l' ho sentita, ho subito pensato ad un bambino che deve ancora nascere, che pensa dalla pancia queste parole, perche' la madre non sa se tenerlo o no........lo so e' un po contorto come pensiero.....ma la prima volta che ho sentito questa canzone ,ho pensato a questo.......sicuramente la tua interpretazione ha piu senso. Ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Potresti avere ragione, ma non torna molto quando dice "scegli me, tra i tanti scegli me" diciamo che un figlio non si può scegliere ma arriva come è destino che arrivi..

      Elimina
    2. Dipende dal punto di vista...pure tu potresti avere ragione. cmq bella interpretazione

      Elimina
  6. No, infatti non ha molto senso....era solo una mia impressione iniziale.

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Sally - Vasco Rossi

Chi è Sally. Non tutti hanno capito che quando Vasco scrive una canzone autobiografica si nasconde sempre dentro un alter ego femminile. Ne sono esempi canzoni come Albachiara (prima delle critiche andatevi a leggere il mio post "Albachiara non è una canzone d'amore), Jenny è pazza o brava Giulia, tanto per citarne qualcuna. Sally è uno di questi alter ego. Si tratta di una delle canzoni più riuscite del rocker di Zocca, tanto che egli stesso ha dichiarato in un'intervista che a volte vorrebbe fare un concerto solo per poter cantare questa canzone.

Classifica delle 100 migliori canzoni italiane di sempre

Disclamer: fare una simile classifica è sempre una cosa sciocca. Il risultato sarà sempre e comunque sindacabile. Allora perché la faccio? Così, per ingannare il tempo e divertirmi un po. Bello sarebbe anche se desse l'inizio ad un sano dibattito. Non cadiamo nel tranello di dare il via a sterili litigi. Per chi volesse esistono già numerosi siti dove litigare.
Stilare una simile classifica non è facile ed il risultato dipende esclusivamente dai parametri che si intendono utilizzare. Quelli a cui mi andrò a riferire sono:

successo della canzoneimpatto sociale nel momento in cui è stata pubblicatalongevità del successouniversalità del messaggio e del suonoprofondità del testocapacità di superare le barriere del tempo. Ogni volta che rileggo la classifica ci farei dei cambiamenti. Questo perché certi fenomeni sociali riescono a far tornare verde un messaggio mentre altri, col tempo, perdono la loro forza. Di fronte all'attuale crisi europea, chi non ha trovato attuali le canzoni…

Stupendo - Vasco Rossi

Il testamento spirituale di Massimo Riva. Stupendo è una delle mie canzoni preferite del grande Blasco! La musica è sua, ma, questa volta, al testo ci ha messo le mani un immenso Massimo Riva. Autore già di altri testi capolavoro come "dormi dormi" e "non mi va". La canzone assume un significato ancora più forte se si considera che di li a poco il grande autore/chitarrista morirà di overdose. Morire di overdose nel 1999, più che una morte accidentale, sembra un suicidio. Questo da ancora più forza e credibilità ad un testo che parla del male di vivere e del sentirsi inadeguati per questa società marcia e corrotta. Lo voglio sottolineare perché troppo spesso abbiamo scoperto che presunti artisti maledetti, una volta spente le telecamere, facevano una vita da yuppies. Mi viene in mente qualcuno che fino a ieri cantava canzoni come "nessuno" e oggi "comunisti col rolex". Una brutta ipocrisia che rafforza ancor di più la, già sgradevole, sensazione…