Passa ai contenuti principali

Ti è mai successo - Negramaro


Negramaro - Ti è mai successo
Ritroviamo i Negramaro con il testo della loro nuova canzone “Ti è mai successo” che a mio parere manca della grinta alla quale ci avevano abituato e per cui gli amiamo tanto.

Nonostante tutto ritengo che la canzone non sia male, il titolo lo trovo al quanto interessante porta a far riflettere. E con la spiegazione del testo vi farò capire perché dico ciò.


Ti è mai successo di sentirti al centro
al centro di ogni cosa
al centro di quest’universo
e mentre il mondo 
lascialo girare
che tanto pensi
di essere l’unico a poterlo fare
sei così al centro
che se vuoi lo puoi anche fermare
cambiarne il senso
della direzione per tornare
sei luoghi e il tempo
in cui hai perso ali, sogni e cuore
a me è successo
e ora so volare
Si sta rivolgendo a te che lo stai ascoltando e ti chiede se ti è mai successo di sentirti importante, al centro del mondo e di ogni cosa e mentre eri impegnato a sentirti così il mondo continuava a girare e a compiere il suo corso. Tu lo hai lasciato continuare a girare pensando che questo dipendesse dalla tua volontà e che in qualsiasi momento tu avresti potuto anche decidere di fermarlo o cambiargli il senso di rotazione per ritornare nel posto e nel momento in cui hai perso le ali, i sogni ed il cuore. A Giuliano questo è successo e grazie a questo adesso sta bene, sente di poter volare.

E ti è mai successo di sentire altrove
i piedi fermi a terra
e l’anima leggera andare
andare via lontano e oltre
dove immaginare
non ha più limiti
hai una nuovo mondo da inventare
sei così altrove
che non riesci neanche più a tornare
ma non ti importa
perché è troppo bello da restare
nei luoghi e il tempo
in ci hai trovato ali, sogni e cuore
a me è successo
e ora so viaggiare
Chiede se ti è mai capitato, come è successo a lui, di essere con i piedi a terra ma con la testa da tutt’altra parte e sentire l’anima alleggerirsi tanto da allontanarsi dal tuo corpo e sentire che l’immaginazione non ha più limiti. E all’improvviso accorgerti sei in un mondo nuovo senza regole in cui è tutto da reinventare, sei così lontano che non riesci più a trovare la strada del ritorno e non è un problema perché stai troppo bene in questo spazio dimensionale che ti sei creato in cui puoi volare, sognare e amare.

Oltre questa stupida rabbia per niente
oltre l’odio che sputa la gente
sulla vita che è meno importante
di tutto l’orgoglio
che non serve a niente
oltre i muri e i confini del mondo
verso un cielo più alto e profondo
delle cose che ognuno rincorre
e non se ne accorge
che non sono niente
Giuliano ora sa viaggiare oltre questo rabbia inutile, oltre l’odio per la vita su coi sputa la gente. Una vita il cui orgoglio è legato a cose materiali che in realtà non servono a niente e quindi inizia ad aver un valore sempre più basso ma che in realtà non sanno che non serve a niente. Lui, invece, sa viaggiare oltre i limiti imposti, verso destinazioni in cui non ci sono più regole.

Ti è mai successo di guardare il mare
fissare un punto all’orizzonte e dire:
è questo il mondo in cui vorrei scappare
andando avanti sempre
avanti senza mai arrivare
in fondo in fondo è questo il senso del nostro vagare
felicità è qualcosa da cercare senza mai trovare
gettarsi in acqua e non temere di annegare
a me è successo
e ora so volare
Chiede se ti è mai successo di contemplare il mare, osservare l’orizzonte e dirti che è quello il mondo in cui vorresti andare, iniziando così un cammino senza mai arrivo perché in realtà questo è il senso della nostra esistenze in continua ricerca della felicità e non aver paura di gettarsi a capofitto nelle cose in cui crediamo. A questo è successo a Giuliano e adesso lui sa volare.

Riparte il ritornello che abbiamo spiegato nelle righe precedenti.

Ti è mai successo di voler tornare
a tutto quello che credevi fosse da fuggire
e non sapere proprio come fare
ci fosse almeno un modo uno per ricominciare
pensare in fondo che non era così male
che amore è se non hai niente più da odiare
restare in bilico è meglio che cadere
a me è successo e ora so restare
Per finire domanda se ti è mai successo di aver pensato di voler ritornare da tutto ciò da cui cercavi disperatamente di scappare e non sai proprio come fare. E a chiederti se ci possa essere almeno un modo per ricominciare perché ti accorgi che c’è di peggio e quello che hai lasciato alle tue spalle non era poi così male perché alla fine non c’è amore, non c’è vita e non c’è speranza se non ti metti in gioco. Giuliano ci ha riflettuto su tutto ciò e ora non scappa più e invita a fare lo stesso anche a te.


Commenti

Post popolari in questo blog

Sally - Vasco Rossi

Chi è Sally. Non tutti hanno ancora capito che quando Vasco scrive una canzone autobiografica si nasconde sempre dentro un alter ego femminile. Ne sono esempi canzoni come Albachiara (il cantante di Zocca che parla della sua diversità) o Jenny è pazza (il cantante che, come molti adolescenti, passa le ore chiuso in camera, inducendo gli altri a credere nella sua pazzia). Sally è uno di questi alter ego. Si tratta di una delle canzoni più riuscite del rocker, tanto che egli stesso ha dichiarato in un'intervista che a volte vorrebbe fare un concerto solo per cantare questo brano.

My way - traduzione e significato testo

Non ho specificato My way - Frank Sinatra poichè il testo è stato scritto da Paul Anka sulle note di "Comme d'habitude" di Claude Francois. Però il cantante canadese non si è limitato a tradurre il brano, ma lo ha riscritto da capo. Il testo di Paul Anka è quello che canteranno Elvis Presley, Mirelle Mathieu, Nina Hagen, Michael Buble, Sid Vicius e, naturlamente, The Voice. Noi faremo riferimento a questa versione.

Stupendo - Vasco Rossi

Il testamento spirituale di Massimo Riva. Questa è una delle mie preferite. La musica è del grande cantautore, ma, questa volta, al testo ci ha messo le mani il grandissimo Massimo Riva. Autore già di altri testi capolavoro come "dormi dormi" e "non mi va". La canzone assume un significato ancora più forte se si considera che di li a poco il grande autore/chitarrista morirà di overdose. Lo voglio sottolineare perchè troppo spesso abbiamo scoperto che presunti artisti maledetti, una volta spente le telecamere, facevano una vita da yuppies. Una brutta ipocrisia che rafforza ancor di più la, già sgradevole, sensazione di essere soli ed incompresi. Massimo riva in questo brano ha posto l'accento sul proprio malessere, sul male di vivere in una società che non condivideva i suoi valori. Di provare, letteralmente, il vomito nel vedere come molti dei ribelli degli anni 70 si sia perfettamente integrati in questo modello di potere. La sua morte/suicidio è stato come u…