Passa ai contenuti principali

Hall of fame - The Script


The Script - Hall of fame
I The Script sono un gruppo musicale irlandese che ogni tanto ci degnano di qualche capolavoro come l’ormai famosissima “Hall of the fame” che letteralmente significa la stanza della gloria.
Mi piace il testo di questa canzone percè non va a parare nei soliti volgari doppi sensi ma bensì invita a pensare.
Dice a chiunque stia ascoltando la canzone che potrebbe essere tutto quello che vuole ma… e sì, c’è sempre un ma! A meno che tu non sia un miliardario, aggiungo io, e vuoi essere qualcuno devi alzarti e iniziare e darti da fare e solo allora vedrai il sacrifico ripagato con la gloria.

Infatti nella canzone richiamano l’attenzione con un famigliare hei, sì proprio tu, lo sai che potresti essere il più grande, il migliore, un king kong, colui che sconfigge la guerra, il mondo.
Potresti parlare con Dio, essere un orologio, cioè padrone di decidere come impiegare il tuo tempo, essere una montagna, spaccare le pietre o essere un maestro. Non aspettare la fortuna però, impegnati a trovare te stesso, ricerca quello che vuoi essere nella stanza della gloria e il mondo imparerà il tuo nome perché tu vali più di chiunque altro e sarai anche tu nella stanza delle persone che vivono con gloria.
Dopo di ché riparte dicendo che potresti fare la differenza, essere superiore, essere un eroe e conquistare l’oro.
Grande sferzata di positività, grazie Script!


Commenti

  1. bellissima canzone con un bellissimo significato

    RispondiElimina
  2. p.s:è anche molto difficile da imparare perke le parole passano in fretta.grazie hai the script abbiamo una testimonianza dei sogni che si realizzano

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non è vero io la so a memoria...comunque gli script sono unici <3

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Blowin' in the wind - Bob Dylan

Stati Uniti in guerra! Ed ecco la meraviglia del grande poeta! Blowin'in in the wind, come tutti i brani di Bob Dylan, si presenta con un testo semplice e profondo. Ancora una volta devo ricordarvi che siamo nel 1963 e che gli Stati Uniti sono in guerra. Ancora una volta il poeta ci parla di guerra, ma sempre dall'alto, senza alzare il dito, senza toni forti, senza accuse. Anzi, in questo brano sembra quasi che fare la guerra sia uno degli istinti dai quali l'uomo non si potrà mai liberare. Prima di spiegare il significato del testo ve lo pubblico nella versione originale in inglese e nella sua traduzione (per quanto tradurre una poesia sia di fatto impossibile) in italiano.

Sally - Vasco Rossi

Chi è Sally. Non tutti hanno ancora capito che quando Vasco scrive una canzone autobiografica si nasconde sempre dentro un alter ego femminile. Ne sono esempi canzoni come Albachiara (il cantante di Zocca che parla della sua diversità) o Jenny è pazza (il cantante che, come molti adolescenti, passa le ore chiuso in camera, inducendo gli altri a credere nella sua pazzia). Sally è uno di questi alter ego. Si tratta di una delle canzoni più riuscite del rocker, tanto che egli stesso ha dichiarato in un'intervista che a volte vorrebbe fare un concerto solo per cantare questo brano.

My way - traduzione e significato testo

Non ho specificato My way - Frank Sinatra poichè il testo è stato scritto da Paul Anka sulle note di "Comme d'habitude" di Claude Francois. Però il cantante canadese non si è limitato a tradurre il brano, ma lo ha riscritto da capo. Il testo di Paul Anka è quello che canteranno Elvis Presley, Mirelle Mathieu, Nina Hagen, Michael Buble, Sid Vicius e, naturlamente, The Voice. Noi faremo riferimento a questa versione.