Passa ai contenuti principali

Groupie - Bob Sinclar


Bob Sinclar - Groupie
Dopo il favoloso remix di "Far l'Amore" della mitica Raffaella Carrà, Bob Sinclair continua a rimanere musicalmente in Italia e ci delizia con un nuovo testo musicale, "Groupie", che ha come base la colonna sonora di Pinocchio realizzata da Fiorenzo Carpi. Sono sicura che pochi sanno cosa voglia dire la parola groupie. Era il termine utilizzato negli anni 60 per identificare le ragazze, di età superiore ai 15 anni ed inferiore ai 21, che accompagnavano le rockstar del cuore in tournée, allietando le loro serate rendendosi completamente disponibili. Erano facilmente riconoscibili grazie al loro abbigliamento generalmente molto sexy.
Il testo, cantato dalla bravissima Daisy La Cour, invece, è al quanto mediocre, la considererei quasi una risposta alla canzone dei Floridia.
Infatti dice che quella, intende chiunque tranne lei, può essere la tua accompagnatrice, puoi usarla come un giocattolo perché loro sono delle sciocche e fanno quello che vogliono e sono solo all’inizio del divertimento. Continua dicendo che lui la vuole eccitare, sculacciare, usare, vuole portare a casa, stringerla a se, tenerle la mano, la vuole usare ma lei non vuole e scusandosi afferma che lei non è un’accompagnatrice.  Dice che lui vorrebbe fare a modo suo ma per lei non va bene e gli dice di trovare un’altra che faccia quello che vuole lui.
Poi per un attimo presa dal libido gli dice che potrebbe essere la sua accompagnatrice per una notte, sarà come una groupie che potrà averla tutta la notte ma poi si riprende e gli dice di trovare un’altra che faccia la groupie per lui.
Niente male Bob, che oltre a dimostrarci che sei un ottimo creatore di musiche, nel video ti riveli anche un ottimo ballerino oltre che un bel uomo!




Commenti

  1. Passi il bravo ballerino e il bell'uomo (i gusti non si discutono!), ma per il resto:
    - musica di Fiorenzo Campi vecchia come mia nonna
    - testo insulso
    cosa fa questo di lavoro? Aggiunge un tun tun sotto le musiche? Non mi sembra poi tanto...

    RispondiElimina
  2. Bob riesuma grandi successi che spesso sono andati nel dimenticatoio, poi ovviamente ci mette qualcosa di suo per rendere delle musiche ormai vecchie, più contemporanee.

    RispondiElimina
  3. Si ma alla fine cosa significa "to be a groupie"?

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Blowin' in the wind - Bob Dylan

Stati Uniti in guerra! Ed ecco la meraviglia del grande poeta! Blowin'in in the wind, come tutti i brani di Bob Dylan, si presenta con un testo semplice e profondo. Ancora una volta devo ricordarvi che siamo nel 1963 e che gli Stati Uniti sono in guerra. Ancora una volta il poeta ci parla di guerra, ma sempre dall'alto, senza alzare il dito, senza toni forti, senza accuse. Anzi, in questo brano sembra quasi che fare la guerra sia uno degli istinti dai quali l'uomo non si potrà mai liberare. Prima di spiegare il significato del testo ve lo pubblico nella versione originale in inglese e nella sua traduzione (per quanto tradurre una poesia sia di fatto impossibile) in italiano.

Sally - Vasco Rossi

Chi è Sally. Non tutti hanno ancora capito che quando Vasco scrive una canzone autobiografica si nasconde sempre dentro un alter ego femminile. Ne sono esempi canzoni come Albachiara (il cantante di Zocca che parla della sua diversità) o Jenny è pazza (il cantante che, come molti adolescenti, passa le ore chiuso in camera, inducendo gli altri a credere nella sua pazzia). Sally è uno di questi alter ego. Si tratta di una delle canzoni più riuscite del rocker, tanto che egli stesso ha dichiarato in un'intervista che a volte vorrebbe fare un concerto solo per cantare questo brano.

My way - traduzione e significato testo

Non ho specificato My way - Frank Sinatra poichè il testo è stato scritto da Paul Anka sulle note di "Comme d'habitude" di Claude Francois. Però il cantante canadese non si è limitato a tradurre il brano, ma lo ha riscritto da capo. Il testo di Paul Anka è quello che canteranno Elvis Presley, Mirelle Mathieu, Nina Hagen, Michael Buble, Sid Vicius e, naturlamente, The Voice. Noi faremo riferimento a questa versione.