lunedì 15 ottobre 2012

Un angelo disteso al sole - Eros Ramazzotti - testo e spiegazione

Eros Ramazzotti Un angelo disteso al sole
Se siete arrivati qua siete fan del grande Eros. Non ne abbiate male quindi se, prima di parlarvi del testo, dico che questo brano mi ha deluso. Dico che mi ha deluso proprio perchè da questo cantautore ci si aspetta qualcosa di più. Il fatto è che lui, come la maggior parte, ha venduto il suo successo al bagaglino. Si è fatto conoscere con brani originali, se non geniali, come "adesso tu", "una storia importante" e "una terra promessa". Una volta raggiunto l'apice ha capito che non valeva la pena rischiare proponendo qualcosa di nuovo, ma che era molto più semplice scrivere canzonette d'amore, nel più perfetto stile sanremese, ed accontentarsi di un risultato certo al botteghino


Tanto per cominciare eccovi di seguito il testo:
Non chiedi libertà
Lo sai non sono io
A incatenarti qua
Il sentimento va
Già libero da se
Tu quanto amore dai
In cambio niente vuoi
Nell’attimo in cui sei
Purezza e fedeltà davanti agli occhi miei
Ma tu chi sei
Ci credi che non lo so dire
Un angelo disteso al sole
Che è caduto qua
Nuda verità
E fa l’amore anche l’anima
Ma tu chi sei
Il cielo ti ha lasciato andare
Un angelo disteso al sole
La natura che si manifesta in te
E in tutto quello che tu sfiori
E adesso che mi vuoi
Non devi fare niente che non vuoi
Il cuore non ci sta in una scatola
E tanto meno noi
Ma tu chi sei
Ci credi che non lo so dire
Un angelo disteso al sole
Che è caduto qua
Nuda verità
E fa l’amore anche l’anima
Ma tu chi sei
Il cielo ti ha lasciato andare
Un angelo disteso al sole
La natura che si manifesta in te
E in tutto quello che tu sfiori
Che tu sfiori
Ma tu chi sei
Ci credi che non lo so dire
Un angelo disteso al sole
Che è caduto qua
Nuda verità
E fa l’amore anche l’anima
Ma tu chi sei
Il cielo ti ha lasciato andare
Un angelo disteso al sole
La natura che si manifesta in te
E in tutto quello che tu sfiori
Che tu sfiori
Le prime righe potrebbero essere interessanti. Parla di libertà, della libertà a cui spesso dobbiamo rinunciare per stare accanto alla persona che ci vuole bene. Dice che lei ha rinunciato alla propria libertà in modo unilaterale, anzi, non è una rinuncia alla propria libertà, è semplicemente che lei sta bene quando è un tutt'uno con lui. Quindi ambedue vivono l'uno per l'altro. Non è solo unità di corpi, ma, anche, unità d'anime.

Il resto non vale nemmeno la pena di essere preso in considerazione. Tu sei un angelo disteso al sole... la natura che si manifesta in te e in tutto quello che tu sfiori (ogni cosa che fai e che tocchi diventa bella)... eccetera eccetera. Tutte cose banali e patetiche sentite in mille canzoni già 60 anni fa.

Vorrei fare un'appello al grande Eros: hai dimostrato in passato di essere un grande interprete di grandi canzoni, che parlavano di disagio giovanile, di sogni che stentavano a realizzarsi, di uomini che sembravano inutili, ma che dentro possedevano grandi ricchezze. Eri stato il primo a farlo, o, per lo meno, il primo a farlo con la leggerezza e la spensieratezza del pop, in contrasto con i grandi cantautori alla Guccini o alla de Andre che usavano modi ricercati, e in contrasto anche con i cantanti pop che parlavano solo di discoteche e sesso. Facci sognare ancora una volta, estrai dal cilindro un altra delle tue magie!

15 commenti:

  1. Davvero troppo poco per un cantante con una carriera così importante alle spalle!

    RispondiElimina
  2. Capisco chele difficile da interpretare . Non fa niente la cerco da un altra parte

    RispondiElimina
  3. Be io sono la cover ufficiale di eros evidentemente nn si e espresso molto su questo singol pero devo dire che la musica e quando la canto i brividi mi escono sempre grande eros

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero, eros ha quel qualche soca in più che riesce a rendere unico anche un pezzo semplice come questo. Per questa ragione vorrei che avesse il coraggio di fare qualcosa di più impegnato

      Elimina
  4. Allora complimenti!! Sono d'accordo con te, a livello musicale è ha un suo perché!

    RispondiElimina
  5. Per me questa canzone é POESIA.
    Le donne in questi tempi, vengono spesso maltrattate, le cronache raccontano di violenze subite, amori ossessivi, egoisti che portano alla morte. In questa canzone , la donna é considerata come essere vivente da proteggere ma non egoisticamente ma generosamente. Io trovo che certe canzoni, che sono poesie , possano essere studiate sui libri di scuola .

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Posso anche essere d'accordo con te, ma la verità è che il pezzo è davvero troppo banale!

      Elimina
  6. io ancora non riesco a capire il significato.. ho visto il video e fa vedere tutt'altre cose che dice nel testo..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Chissà, forse non lo ho capito nemmeno io. Ci vorrebbe qualcuno in aiuto

      Elimina
  7. Bellissima can
    zone!!!

    RispondiElimina
  8. Il classico patetico popolo di moralisti a sentenziare e pontificare!!!

    Non è Eros Ramazzotti ad avermi deluso con l' esordio di MA TU CHI SEI, che parentesi, sembra aver toccato le corde dell' anima....almeno le mie!!!!....ma Voi non sapete neppure casa significa avere un anima !!!!; chi mi delude è proprio il popolo itaiano!! becero, ignorante, bigotto, inutile, insolente, maleducato e anche abbastanza (MI PERMETTO!!!) limitato, da non potersi permettere di giudicare,poichè non ha nè i requisiti nè tanto meno le capacità e competenze per farlo.

    Chi non è artista, chi non vive di emozioni, chi tanto meno non sa cosa queste siano e di esse non sa vivere, secondo me, non può e soprattutto NON DEVE ARROGARSI IL DIRITTO di pontificare.

    In un' italia devastata nei valori e negli ideli.
    In un' italia calpestata negli affetti.
    In un' italia che insegna l' arte della falsità, l' arte del disprezzo, l' arte dell' invidia, l' arte di uccidere, ammazzare, calpestare e disprezzare chi è diverso e chi è portatore di idee nuove, fresche, innovative.
    In un' italia, esule ormai da una profonda ed eterna letargia emotiva, la suddetta canzone non può che essere un messagggio di amore e di RITORNO AI VERI E SI' perduti valori di una volta e al contempo un monito per tutti gli italiani CAPRONI E BECERI, che amare significa essere emotivamente ed affettivamente intelligenti!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    Il popolo italiano, mediocre, miope e incancrenito dal melanoma dell' ignoranza e dalla non curanza di comprendere, crescere, andare avanti progredendo, dà ancora una volta segni di inettitudine. Proprio quel popolo che fino ad oggi inneggia e osanna Berlusconi e la sua ACCOMPAGNATRICE Francesa Pascale.

    Io mi dico.....BRAVA ITALIA, ma soprattutto BELL' ITALIA CHE COSI' NON VA!!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ti accorgi che ti sei descritta con questo post?
      1 - dici che il popolo italiano è becero, ignorante... da non permettersi di giudicare, tu lo stai facendo!
      2 - chi non è artista... non deve pontificare. Come sai che tutti quelli che hanno scritto qui non sono artisti?
      3 - Italia che insegna l'arte del disprezzo... tu cosa stai facendo?
      4 - cosa c'entra la politica con questa canzone d'amore?
      L'Italia così non va, sono d'accordo con te. Allora vediamo di cambiare noi prima di pontificare ;)

      Elimina
  9. Beh, che la canzone racconti d' amore lo sapeva pure il maggiordomo di Paris Hilton. Non occorevano le tue espresse delucidazioni a riguardo!!!. Anzi, rettifico... dò del Lei. Chiedo venia!!! La prossemica è una scienza per pochi eletti e non per tutti ...grazie a dio!!!!!

    Avvaloro la tesi, che chi replica in modo sì pungente e molto irritato è perchè, temo, abbia qualche scheletro nell' armadio.
    Pasienza!! il problema non è mio.

    Cara la mia Sig.ra che si è sentita lesa e ferita quale ARTISTA,
    dovrebbe sapere meglio di me che ogni canzone, oltre a serbare emozioni, sentimenti, oltre a parlare d' amore (molte volte se ne parla male e le canzoni lo riducono a livelli basici e accademici), può anche avere un nonsochè di ideologico!!! ... che c' è !? adopero parole troppo auliche per comprenderne l' essenza del messaggio????... Ancora una volta, il problema non è mio!!!!!!!.

    Ripeto, ma evidentemente l' italiano o non è la Sua lingua madre, oppure ha interrotto il percorso formativo alla scuola elementare....la canzone è meravigliosa. Io sostengo e appoggio l' amore sì osannato e mitizzato di Ramazzotti. Anzi, questo potrebbe essere l' esempio di molti che ridicolizzano e banalizzano i sentimenti; ciò che non condivido, sono i post precedenti di chi ha affermato che la canzone è inaccessibile, è difficile da comprendere. Mi meraviglio di Lei, dato che "sguazza" nel mondo della musica.

    ..... ma di che stiamo parlando???
    mi sembrano discorsi e conversazioni, che sovente, sostiene il sotto-proletariato industriale, se mi permette!!!!!

    La esorto vivamente:

    1. a rileggere il mio post
    2. a ripassare e riapprofondire tutti i crismi della lingua italiana
    3. a non giudicare, Lei, senza prima avere chiaro il messaggio e l' intento di chi scrive; senza nè alterarne il filtro, nè travisarne il contenuto
    4. l' arte è un dono!!!! è un sentimento è un valore. Difficile per Lei da comprendere, visto il Suo post di risposta....mi ha dato da pensare che non avesse chiaro neanche quest' ultimo aspetto.....detto ciò, l' arte è anche un mezzo attraverso cui gli artisti si servono per far veicolare le informazioni, i messaggi i loro stati d' animo i loro sviluppi e nodi emotivi ( che ne pensa troppo complicato per Lei??? già quando si affrontano argomenti di pisicologia e filosofia trovo le persone VERGOGNOSAMENTE impreparate e prive di contenuto!!!!!....non mi deluda, pertanto!!!).....quindi sò bene cosa significhi la parola ARTE ..... non dia lezioni a nessuno, quando è la prima, invece, a cui bisogna darne e paracchie, visto e considerato le sue POCHE (vuol dire niente!!!) lacune linguistiche, di comunicazione ( interfacciandosi con un targhet per niente paritetico!!!!).



    Cara signora, non è me che Lei deve indottrinare con le Sue nozioni ACCADEMICHE di vita e sull' esistenza.......vada ad irrigare altre menti!!!!!!!

    Manchevole, in chiusura, di un atteggiamento stilnovistico nei suoi confronti, Le porgo, tuttavia, i miei distinti saluti.




    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sa cosa penso?
      Che quando si discute di un'opera d'arte, che sia un quadro di Picasso, una commedia di Dante o una canzone di Ramazzotti, ognuno dice la sua opinione. A volte un'opera piace, altre no. Ci possono essere diverse ragioni per cui non piace: perchè non tocca la nostra sensibilità (diversa per tutti), perchè è fatta male, o, semplicemente, perchè non la abbiamo capita.
      Questo speravo dai commenti di questa canzone: che qualcuno mi aiutasse a capirla, e, di conseguenza, me la facesse piacere.
      Dire che il testo di una canzone non mi è piaciuto, e sentirmi dire come risposta che l'Italia è un paese DI CAPRONI E BECERI, sentire parlare di Berlusconi e ACCOMPAGNATRICI e via dicendo, mi sembrava davvero fuori luogo.

      La canzone, come ho scritto sopra, mi è sembrata banale perchè descrive l'amore senza un minimo di originalità. Mi sono sbagliato? Non ne dubito, non è la prima volta. Ma allora aiutami a capirla, senza offendere, senza parlare di Berlusconi, senza parlare di un paese di BECERI IGNORANTI.

      Senza rancore,
      ;)

      Elimina
  10. Seppur concitato, voleva essere un mero punto di vista......se Le è rimbalzato in modo poco ortodosso e direi anche aristocratico, mi dispiace.

    Tuttavia, si, Le spiego il senso della suddetta canzone:

    Con questa canzone, Ramazzotti vuole esaltare l' essenza della donna. (Ritorna in questo, il senso della corrente letteraria, "IL DOLCE STILNOVO", affermatasi in Italia e precisamente a Firenze nell' arco di tempo storico-letterario 1280-1310 e che vide quali esponenti letterari, il Guinizzelli, Cavalcanti, D' Alcamo e Dante). Il tema era la donna, proprio come nella canzone di Ramazzotti.
    Massimo comun denominatore è il concetto della donna quale elemento di raccordo tra il possibile e l' impossibile. Tra il peccato ( vita terrena) e la pura verità ( l' aldilà) elmento di raccordo tra una visione pragmatica della donna e una visione spirituale. In effetti, più che la donna, sia la canzone di Ramazzotti, sia lo stile letterario del Dolce StilNovo, si impernia sull' amore verso la donna e il suo ruolo sociale ed affettivo-emotivo.



    Nella canzone la donna è concepita come portatrice di ristoro affettivo agli occhi e ai sensi del cantante.


    "Ma tu chi sei
    Il cielo ti ha lasciato andare
    Un angelo disteso al sole
    La natura che si manifesta in te
    E in tutto quello che tu sfiori"

    = la donna si manifesta come un angelo agli occhi del cantante = intermediario/mediatore tra la sua vita emotiva(la sua dimensione emozionale ) e la spiritualità che gli è sfuggevole in quanto non portatrice di risposte; una spiritualità che disattende le ragioni esistenziali e sentimentali del cantante.
    La natura si manifesta in te = il reale e lo spirituale si declinano in amore ma al contempo delineano le sagome femminili di un' entità che perde valore sacrale mitizzato, auspicato nei desideri più profondi; ed ecco assumere connotati reali fisicamente, psichicamente, emotivamente e soggettivamente.


    Sempre pronto per ulteriori chiarimenti a riguardo, pongo distinti saluti.

    RispondiElimina