Passa ai contenuti principali

Solo sesso e doppi sensi?

Guardando le ottime traduzioni dei testi di Linda, resto allibito nel constatare che quasi tutti i testi Pop, per lo meno quelli stranieri, si fondano su banali, ridicoli e puerili doppi sensi. Doppi sensi ovvi, semplici e già sentiti mille volte. In altre parole, qualcuno ha messo in musica le battutine che ci si fa tra ragazzini a 14 anni. Mi sembra incredibile che le Serebro riescano ancora a dare scandalo per un paio di mutandine e per frasi tipo accendimi la radio, ti prego non la spegnere che mi fai impazzire...
Certo io ascolto musica da 30 anni, magari per un preadolescente di oggi, questi testi sono nuovi come lo erano per me negli anni ottanta. E allora perché non dare una sbirciatina ai testi di allora? Erano veramente uguali a questi? Se parliamo di "testi a base di sesso" dobbiamo per forza parlare di Raffaella Carrà. "Come bello far l'amore da Trieste in giù" ve la ricordate? Non c'era doppio senso tanto per cominciare,  e, soprattutto aveva un senso, non dico profondo, ma che meritava una riflessione. Diceva, in estrema sintesi, che il sesso va vissuto con allegria, senza traumi e che, se tutti fossimo stati sessualmente appagati, saremmo tutti più sereni e non ci sarebbero liti, guerre e malessere. Il messaggio è ancora più interessante se pensiamo che in quegli anni era ancora ben consolidata l'idea che il sesso fosse peccato, una cosa sporca!
E che dire di "pensiero stupendo"? Qualcuno ha dovuto ascoltarla anche 10 volte per capirla! E non era solo una canzoncina con doppi sensi, ma era un moto di ribellione verso il perbenismo e l'ipocrisia che ancora imperversavano, nonché una presa di posizione da parte delle donne che rivendicavano il diritto di vivere il sesso come una forma di piacere e non come una forma di sottomissione al marito. Per ultimo era anche un inno all'amore lesbico, che non viene più considerato come semplice perversione e piacere fisico, ma proprio come una forma d'amore.

Vasco Rossi è ancora più diretto con il suo "fammi godere". La canzone è Rewind (dalla pubblicità della Tissot che diceva "one more time"), ma la canzone descrive la frustrazione sessuale dell'uomo moderno che è bombardato da immagini erotiche di splendide donne che non potrà mai nemmeno toccare (e, probabilmente, nemmeno vedere dal vivo).
E la "gatta" di Marcella Bella nella canzone nell'aria? La gatta è quella che oggi probabilmente chiameremmo patata, e la protagonista è una donna arrapatissima, fuori da ogni controllo, che salterebbe addosso a qualunque uomo le capitasse davanti. Apparentemente banale come un testo delle Serebro, ma solo in apparenza. Come per Raffaella Carrà, questo è un testo fortemente femminista che reclama il diritto, anche per le donne, di "utilizzare" un'uomo come pure oggetto di piacere. Voglio ricordare ancora una volta come, in quegli anni, il sesso era considerato una cosa "sporca". In particolare per una ragazza era sconveniente anche solo ammettere che gli piacesse.
Insomma, adesso non voglio dire che i testi sopra citati fossero dei capolavori della letteratura italiana, però quando un'autore scriveva un testo, fosse anche a base di sesso, si sforzava sempre di dargli un minimo di significato, di andare oltre il banale. Magari non ci riusciva sempre, ma almeno aveva il merito di provarci.
Interessanti poi i brani RAP, che hanno abbandonato lo stereotipo "cuore fa rima con amore" e si ingegnano a parlare di qualcosa di diverso. Ben vengano allora.
Certo, a volte mi domando, che sensazione proveranno i ragazzini di oggi a riascoltare le loro canzoni quando avranno 40 anni?


Commenti

Post popolari in questo blog

Blowin' in the wind - Bob Dylan

Stati Uniti in guerra! Ed ecco la meraviglia del grande poeta! Blowin'in in the wind, come tutti i brani di Bob Dylan, si presenta con un testo semplice e profondo. Ancora una volta devo ricordarvi che siamo nel 1963 e che gli Stati Uniti sono in guerra. Ancora una volta il poeta ci parla di guerra, ma sempre dall'alto, senza alzare il dito, senza toni forti, senza accuse. Anzi, in questo brano sembra quasi che fare la guerra sia uno degli istinti dai quali l'uomo non si potrà mai liberare. Prima di spiegare il significato del testo ve lo pubblico nella versione originale in inglese e nella sua traduzione (per quanto tradurre una poesia sia di fatto impossibile) in italiano.

Sally - Vasco Rossi

Chi è Sally. Non tutti hanno ancora capito che quando Vasco scrive una canzone autobiografica si nasconde sempre dentro un alter ego femminile. Ne sono esempi canzoni come Albachiara (il cantante di Zocca che parla della sua diversità) o Jenny è pazza (il cantante che, come molti adolescenti, passa le ore chiuso in camera, inducendo gli altri a credere nella sua pazzia). Sally è uno di questi alter ego. Si tratta di una delle canzoni più riuscite del rocker, tanto che egli stesso ha dichiarato in un'intervista che a volte vorrebbe fare un concerto solo per cantare questo brano.

My way - traduzione e significato testo

Non ho specificato My way - Frank Sinatra poichè il testo è stato scritto da Paul Anka sulle note di "Comme d'habitude" di Claude Francois. Però il cantante canadese non si è limitato a tradurre il brano, ma lo ha riscritto da capo. Il testo di Paul Anka è quello che canteranno Elvis Presley, Mirelle Mathieu, Nina Hagen, Michael Buble, Sid Vicius e, naturlamente, The Voice. Noi faremo riferimento a questa versione.