Passa ai contenuti principali

Le nostre verità - J-Mike & Luther

Le nostre verità - J-Mike & Luther
-->
La canzone Le nostre verità è stata scritta e cantata da J-mike e Luther (nomi d’arte) due ragazzi di Pordenone. L’hanno pubblicata su youtube nel 2012. J-Mike e Luther sono dei giovani aspiranti repper che amano la musica scrivendo e cantando le loro canzoni con molta passione. La canzone è cantata su una base scaricata e quindi il ritornello è già nella canzone ed è cantato in inglese. Io ho voluto presentarvi questa canzone perché è quella che preferisco di loro perché parla di loro stessi e di come sono e poi la parte che canta J-Mike mi ha colpita molto!


-->
Ora scriverò il testo qui di seguito!

Testo: Inizio con ritornello in ignlese e poi inizia a cantare Luther

Da troppo tempo sento troppe voci
 il vento mi sposta mi allontana dalle croci
 il peccato mi ha reso un comune mortale
sono senza coscienza tipo un animale
 fermi tutti ho una bomba addosso
 muovete solo un dito e scoppio
sto perdendo la testa completamente
 la ragazza che mi completa sta solo nella mia mente
 qui i miracoli li vede solo un tossico dipendente
 e lo pretende e mi fotte i neuroni per colpa di questa gente
 reppare è l’unico modo per sentirmi più potente
 e più di qualcuno mi ha detto stai perdendo la testa
 la musica che ci offri luther è solo questa

Poi ritornello di nuovo e successivamente inizia a cantare J-Mike

Sono un repper che crede nel suo sogno
 mi trovo sempre solo nel momento del bisogno
 alla gente non piaccio proprio per niente
 e che non apprezzano nessuna delle mie scelte
 a me piace andare contro corrente
 e dimostrare che non sono quello che in giro si sente
 non vedete che ogni giorno vi sorprendo
 con me perde chi scommette che io perdo
 vado avanti anche quando il mondo è fermo
 questo rap brucia come nell’inferno
 passo le giornate facendo ciò che più voglio
 cioè scrivere la mia vita dentro ad un foglio
da tempo ho messo da parte l’orgoglio l’ho imparato con l’esperienza
 punto in alto come lo sciattol della scienza
J-Mike

Commenti

Post popolari in questo blog

Sally - Vasco Rossi

Chi è Sally. Non tutti hanno capito che quando Vasco scrive una canzone autobiografica si nasconde sempre dentro un alter ego femminile. Ne sono esempi canzoni come Albachiara (prima delle critiche andatevi a leggere il mio post "Albachiara non è una canzone d'amore), Jenny è pazza o brava Giulia, tanto per citarne qualcuna. Sally è uno di questi alter ego. Si tratta di una delle canzoni più riuscite del rocker di Zocca, tanto che egli stesso ha dichiarato in un'intervista che a volte vorrebbe fare un concerto solo per poter cantare questa canzone.

Classifica delle 100 migliori canzoni italiane di sempre

Disclamer: fare una simile classifica è sempre una cosa sciocca. Il risultato sarà sempre e comunque sindacabile. Allora perché la faccio? Così, per ingannare il tempo e divertirmi un po. Bello sarebbe anche se desse l'inizio ad un sano dibattito. Non cadiamo nel tranello di dare il via a sterili litigi. Per chi volesse esistono già numerosi siti dove litigare.
Stilare una simile classifica non è facile ed il risultato dipende esclusivamente dai parametri che si intendono utilizzare. Quelli a cui mi andrò a riferire sono:

successo della canzoneimpatto sociale nel momento in cui è stata pubblicatalongevità del successouniversalità del messaggio e del suonoprofondità del testocapacità di superare le barriere del tempo. Ogni volta che rileggo la classifica ci farei dei cambiamenti. Questo perché certi fenomeni sociali riescono a far tornare verde un messaggio mentre altri, col tempo, perdono la loro forza. Di fronte all'attuale crisi europea, chi non ha trovato attuali le canzoni…

Stupendo - Vasco Rossi

Il testamento spirituale di Massimo Riva. Stupendo è una delle mie canzoni preferite del grande Blasco! La musica è sua, ma, questa volta, al testo ci ha messo le mani un immenso Massimo Riva. Autore già di altri testi capolavoro come "dormi dormi" e "non mi va". La canzone assume un significato ancora più forte se si considera che di li a poco il grande autore/chitarrista morirà di overdose. Morire di overdose nel 1999, più che una morte accidentale, sembra un suicidio. Questo da ancora più forza e credibilità ad un testo che parla del male di vivere e del sentirsi inadeguati per questa società marcia e corrotta. Lo voglio sottolineare perché troppo spesso abbiamo scoperto che presunti artisti maledetti, una volta spente le telecamere, facevano una vita da yuppies. Mi viene in mente qualcuno che fino a ieri cantava canzoni come "nessuno" e oggi "comunisti col rolex". Una brutta ipocrisia che rafforza ancor di più la, già sgradevole, sensazione…