Passa ai contenuti principali

Stupendo - Vasco Rossi

la pace e l amore secondo massimo riva

Il testamento spirituale di Massimo Riva.

Stupendo è una delle mie canzoni preferite del grande Blasco! La musica è sua, ma, questa volta, al testo ci ha messo le mani un immenso Massimo Riva. Autore già di altri testi capolavoro come "dormi dormi" e "non mi va". La canzone assume un significato ancora più forte se si considera che di li a poco il grande autore/chitarrista morirà di overdose. Morire di overdose nel 1999, più che una morte accidentale, sembra un suicidio. Questo da ancora più forza e credibilità ad un testo che parla del male di vivere e del sentirsi inadeguati per questa società marcia e corrotta. Lo voglio sottolineare perché troppo spesso abbiamo scoperto che presunti artisti maledetti, una volta spente le telecamere, facevano una vita da yuppies. Mi viene in mente qualcuno che fino a ieri cantava canzoni come "nessuno" e oggi "comunisti col rolex". Una brutta ipocrisia che rafforza ancor di più la, già sgradevole, sensazione di essere soli ed incompresi che spesso opprime gli idealisti. Massimo Riva in questo brano ha posto l'accento sul proprio malessere, sul male di vivere in una società che non condivideva i suoi valori. Di provare, letteralmente, il vomito nel vedere come molti dei ribelli degli anni 70 si siano perfettamente integrati in questo modello di potere. La sua morte/suicidio è stato come un sigillo di sincerità alla sua opera testamento.

Testo della canzone stupendo scritta da Massimo Riva e Vasco Rossi.

Il testo è abbastanza semplice una volta chiariti alcuni concetti:
È nei ritagli ormai del tempo
che penso a quando tu eri qui
era difficile ricordo bene
ma era fantastico provarci insieme.
Ed ora che non mi consolo
guardando una fotografia
mi rendo conto che il tempo vola
e che la vita poi è una sola...
E mi ricordo chi voleva
al potere la fantasia...
erano giorni di grandi sogni........sai
erano vere anche le utopie
Ma non ricordo se chi c'era
aveva queste queste facce qui
non mi dire che è proprio così
non mi dire che son quelli lì! 

Fine degli ideali del 68.

Il verso chiave è "mi ricordo chi voleva al potere la fantasia" perché contestualizza tutto il resto. Riva ricorda gli anni subito successivi al '68, gli anni dei grandi ideali, della fantasia al potere e del "fate l'amore non fate la guerra". Ormai ci pensa sempre meno, ma il ricordo è sconsolante. E lo diventa ancora di più quando vede che quei "rivoluzionari", che rispondevano a nomi come Mughini, Liguori, Santoro, sono saltati dall'altra parte della barricata, con una faccia tosta imbarazzante.

E ora che del mio domani
non ho più la nostalgia
ci vuole sempre qualche cosa da bere
ci vuole sempre vicino un bicchiere!
Ed ora che oramai non tremo
nemmeno per amore...sì!...
ci vuole quello che io non ho
ci vuole "pelo" sullo stomaco! 
La nostalgia del domani sono i sogni, che ormai non ha più. Rifugiarsi nell'alcolismo è l'unica cosa che riesce a fare, perché gli manca, a differenza dei suddetti, "il pelo sullo stomaco". Non si tratterà di alcol, scopriremo poi.

Però ricordo chi voleva
un mondo meglio di così!
sì proprio tu che ti fai delle storie...(ma dai)...
cosa vuoi TU più di così
E cosa conta "chi perdeva"
le regole sono così
è la vita! ed è ora che CRESCI!
devi prenderla così...... 
Lo scontro con la realtà, la gente, anche chi ci credeva, che gli dice di smetterla di sognare. Che la vita è questa e che è ora di crescere, di dimenticare gli ideali, di diventare cinico.

SI!!!!
STUPENDO!
MI VIENE IL VOMITO!
è più forte di me
NON lo so
se sto qui
o se ritorno
se ritorno
se ritorno tra poco, tra poco....tra poco 

Lo schifo e la voglia di vomitare.

Naturalmente è uno stupendo ironico. Il "mi viene il vomito" rende perfettamente l'idea. Il "non so se sto qui o se ritorno" sa di "voglio togliermi di mezzo", anche se non è chiaro in quale modo. Interessante l'interpretazione di Master of Puppets nei commenti, secondo il quale sta ad indicare "se ritorno in comunità" e, quindi, in qualche modo all'interno del sistema, oppure se sto qui, a "farmi le pere". Sembrerebbe che il povero Riva abbia scelto la seconda strada. A questo punto è chiara anche l'ultima strofa:

Però ricordo chi voleva
un mondo meglio di così!
ancora tu che ci fai delle storie...(ma dai)...
cosa vuoi TU più di così
E cosa conta "chi perdeva"
le regole sono così
è la vita ed è ora che CRESCI!
devi viverla così....... 
Vasco Rossi ad ogni concerto dedica "vivere" allo scomparso Massimo Riva, secondo me questa sarebbe la canzone più adatta. (Titty nei commenti ci fa notare che non è sempre così e che, spesso, viene dedicata Canzone). Credo che questo sia il suo testamento artistico ed il modo in cui voglia essere ricordato.







Commenti

  1. ma quale alcolismo..parla di bicchieri mica bottiglie! :D Forse lo sarebbe diventato perchè l'astinenza da droga porta a buttarsi pesantemente sull'alcol ma non mi risulta fosse stato mai tanto ubriaco neanche al di fuori della musica dove si comportava da vero professionista e la sua simpatia e voglia di ridere erano talmente forti da precedere di sicuro ogni bicchiere..la canzone finisce con se ritorno..probabilmente aveva davvero in mente come affermi quello che poi ha fatto, ma forse identificandosi in Vasco che l'avrebbe cantata intendeva solo una fuga momentanea con dei whisky come in "vuoi star ferma"(rossi-solieri) del medesimo album o non cantare più per diversi anni come molti fanno ad una certa età..Vasco ha sempre avuto l'istinto di seguire Battisti e poteva essere un consiglio quello di smettere all'apice di una carriera artistica di successo..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, hai chiarito bene quello a cui mi riferivo. Alcolismo come fuga, anche temporanea, dalla realtà

      Elimina
  2. La canzone intende il "se ritorno" come andarsene dalla comunità e tornare a farsi le pere. Riferito al povero Riva.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La canzone è stata scritta dallo stesso Riva

      Elimina
  3. al minuto 6 di questo live di stupendo https://www.youtube.com/watch?v=p00-U74J27Y vasco fa il gesto dell'eroina proprio come da interpretazione di master of puppets

    RispondiElimina
  4. Vasco gli dedica sempre "Canzone" ("E nell'aria ancora il tuo profumo dolce caldo morbido") non Vivere...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dio, non posso garantire per tutti i concerti, ma in quelli che visto io è sempre stato su vivere

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Classifica delle 100 migliori canzoni italiane di sempre

Disclamer: fare una simile classifica è sempre una cosa sciocca. Il risultato sarà sempre e comunque sindacabile. Allora perché la faccio? Così, per ingannare il tempo e divertirmi un po. Bello sarebbe anche se desse l'inizio ad un sano dibattito. Non cadiamo nel tranello di dare il via a sterili litigi. Per chi volesse esistono già numerosi siti dove litigare.
Stilare una simile classifica non è facile ed il risultato dipende esclusivamente dai parametri che si intendono utilizzare. Quelli a cui mi andrò a riferire sono:

successo della canzoneimpatto sociale nel momento in cui è stata pubblicatalongevità del successouniversalità del messaggio e del suonoprofondità del testocapacità di superare le barriere del tempo. Ogni volta che rileggo la classifica ci farei dei cambiamenti. Questo perché certi fenomeni sociali riescono a far tornare verde un messaggio mentre altri, col tempo, perdono la loro forza. Di fronte all'attuale crisi europea, chi non ha trovato attuali le canzoni…

Sally - Vasco Rossi

Chi è Sally. Non tutti hanno capito che, quando Vasco scrive una canzone autobiografica, si nasconde sempre dentro un alter ego femminile. Ne sono esempi canzoni come Albachiara (prima delle critiche andatevi a leggere il mio post "Albachiara non è una canzone d'amore), Jenny è pazza o brava Giulia (tanto per citarne qualcuna). Siccome continuo a ricevere insulti sui commenti, vi invito semplicemente ad andarvi a vedere la lunga intervista fatta a Bonolis dove spiega come ha scelto il nome Sally. Aggiunge pure che il suo alter ego è femminile perché "un uomo che non ha più voglia di fare la guerra" è una nullità, per cui ha scelto di nascodersi dietro un nome di donna. Io lo dicevo nel 2012 da questo blog (ma lo avevo capito molto prima), e, dopo 6 anni di futili insulti nei commenti, finalmente anche Vasco mi ha dato ragione. Non che ce ne fosse bisogno, il testo è molto chiaro, ma gli hater non sanno ascoltare. Si tratta di una delle canzoni più riuscite del rock…