Passa ai contenuti principali

Ora - Gigi d'Alessio

gigi d'alessio dopo il concerto
Gigi d'Alessio ha senza dubbio un grande merito: quello di aver fatto scoprire al mondo che la musica napoletana non è solo Nino D'Angelo, Mario Merola e Caruso. Oggi, senza aver mai rinnegato le sue origini, il cantautore ha portato il  genere partenopeo nell'era della musica pop. La si potrebbe considerare quella che in genere viene chiamata contaminazione. Anche nei testi è stato fatto un grande passo in avanti. "Ora" è il primo estratto dell'album che uscirà il 19 di novembre e sarà seguito da un tour europeo. Di cosa parla la canzone? Anche sul significato del testo non manca l'impronta tipica dei cantanti della città del Vesuvio. Di cosa si parla? L'autore che è arrivato a 46 anni, e che nella sua carriera ha avuto alti e bassi, ha flirtato con vari generi musicali, a volte "tradendo" il suo pubblico, fa un esame di coscienza e una dichiarazione a chi lo ascolta.
Qualche verso per sottolineare quanto tempo è passato dai suoi esordi e quante cose sono cambiate, molto toccante la frase "la prima volta in teatro non c'eri tu ma mio padre che piangeva e ora non c'è più", oppure i momenti difficili che passa un artista ad opera della critica "certo lo so, posso piacere poco oppure no, ma se non sai un uomo tu non giudicarlo mai"...

Voglio sottolineare che il tu che lui ama non è la donna della sua vita, ma è un tu confidenziale con ogni persona del suo pubblico. 
In sintesi il messaggio è questo: sono passati tanti anni, abbiamo vissuto tante esperienze, molte cose sono cambiate, ma non ha importanza. Quello che voglio è vivere ora, sentirvi vicino ora, commuovermi ancora una volta con voi, Ora!
Brano semplice, senza troppe pretese, ma indubbiamente piacevole. Vorrei che molti artisti napoletani si slegassero da quel clichè che li vuole fortemente legati alla sceneggiata napoletana, e avessero il coraggio di seguire Gigi in questo percorso, che, comunque, non rinnega nessuna delle sue radici.
Ricordo i primi passi in musica, e dopo un po' l'esame senza un pianoforte no ancora no..
Mia madre forza che ce la farai, ancora un po'. Mi ripeteva non mollare mai..
Le prime feste con gl'amici miei.. Suoniamo un pò.
Una canzone poi la scriverò e la canterò ma i primi dischi alla radio non suonavano.. Sognavo un santo ed un microfono..
Ora,
io sono vivo adesso e canto ancora,
con la mia gente sogno e piango ancora.
In ogni mio concerto, volo ancora.
E' sempre primavera.
Ora,
con le tue braccia vivo e amo ancora,
quante emozioni mi regali ancora.
Sei tu il mio vecchio e nuovo amore ancora.
E' questa la mia storia.
La prima volta in un teatro, ma non c'eri tu, c'era mio padre che piangeva
ora non c'è più
perché la vita da ma prende sempre un po' di più e quel che prende non ritorna mai..
Ora,
io sono vivo adesso e canto ancora,
dal palco tra le luci cerco ancora..
I vostri occhi nei miei occhi ancora. E sono un brivido alla schiena..
Ora,
ho tanta voglia di sentirvi ancora…
Gridare il nome mio più' forte ancora..
Cantare le canzoni a memoria tra un bacio nuovo e una parola..
Chi mi odia io non odierò..
Nemmeno un po'.
Odiare è un sentimento che non ho..
Certo lo so .. Posso piacere poco .. Oppure no..
Ma se non sai un uomo tu non giudicarlo mai..
Ora,
voglio sentire che ci siete ancora per non svegliarmi dal mio sogno ancora..
Voglio il calore di un abbraccio ancora per continuare la mia storia..
Ora,
a chi mi ha dato gioia, pane e cuore,
io dico grazie con questa canzone
La dedico a voi tutti con amore
E a me che ho scritto musica e parole…


Commenti

Post popolari in questo blog

Sally - Vasco Rossi

Chi è Sally. Non tutti hanno capito che quando Vasco scrive una canzone autobiografica si nasconde sempre dentro un alter ego femminile. Ne sono esempi canzoni come Albachiara (prima delle critiche andatevi a leggere il mio post "Albachiara non è una canzone d'amore), Jenny è pazza o brava Giulia, tanto per citarne qualcuna. Sally è uno di questi alter ego. Si tratta di una delle canzoni più riuscite del rocker di Zocca, tanto che egli stesso ha dichiarato in un'intervista che a volte vorrebbe fare un concerto solo per poter cantare questa canzone.

Classifica delle 100 migliori canzoni italiane di sempre

Disclamer: fare una simile classifica è sempre una cosa sciocca. Il risultato sarà sempre e comunque sindacabile. Allora perché la faccio? Così, per ingannare il tempo e divertirmi un po. Bello sarebbe anche se desse l'inizio ad un sano dibattito. Non cadiamo nel tranello di dare il via a sterili litigi. Per chi volesse esistono già numerosi siti dove litigare.
Stilare una simile classifica non è facile ed il risultato dipende esclusivamente dai parametri che si intendono utilizzare. Quelli a cui mi andrò a riferire sono:

successo della canzoneimpatto sociale nel momento in cui è stata pubblicatalongevità del successouniversalità del messaggio e del suonoprofondità del testocapacità di superare le barriere del tempo. Ogni volta che rileggo la classifica ci farei dei cambiamenti. Questo perché certi fenomeni sociali riescono a far tornare verde un messaggio mentre altri, col tempo, perdono la loro forza. Di fronte all'attuale crisi europea, chi non ha trovato attuali le canzoni…

Stupendo - Vasco Rossi

Il testamento spirituale di Massimo Riva. Stupendo è una delle mie canzoni preferite del grande Blasco! La musica è sua, ma, questa volta, al testo ci ha messo le mani un immenso Massimo Riva. Autore già di altri testi capolavoro come "dormi dormi" e "non mi va". La canzone assume un significato ancora più forte se si considera che di li a poco il grande autore/chitarrista morirà di overdose. Morire di overdose nel 1999, più che una morte accidentale, sembra un suicidio. Questo da ancora più forza e credibilità ad un testo che parla del male di vivere e del sentirsi inadeguati per questa società marcia e corrotta. Lo voglio sottolineare perché troppo spesso abbiamo scoperto che presunti artisti maledetti, una volta spente le telecamere, facevano una vita da yuppies. Mi viene in mente qualcuno che fino a ieri cantava canzoni come "nessuno" e oggi "comunisti col rolex". Una brutta ipocrisia che rafforza ancor di più la, già sgradevole, sensazione…