Passa ai contenuti principali

Per Elisa - Alice

alice per elisa

Per Elisa - Una perla degli anni 80

Capitava spesso negli anni '80 che molte canzoni pregevoli finissero nel calderone del pop commerciale, senza che qualcuno si accorgesse che erano qualcosa di più. A farci capire che questo non è un motivetto da "un'estate" basta l'elenco degli autori, tra i quali compare il maestro Franco Battiato. La canzone è del 1981 ed è tornata in auge anche grazie alla cover degli Aram Quartet. Non me se ne voglia se considero la versione di Alice come la migliore.

Alice Ci canta un testo apparentemente semplice

Il teso di questa canzone è apparentemente semplice. Una donna che parla ad un uomo (forse il fidanzato) e si sforza di fargli notare come questi stia diventando succube di questa fantomatica Elisa. Lui non se ne accorge, ma lei si. Lui fa qualsiasi cosa per lei, anche quello che va contro i suoi stessi principi. Chi parla è una fidanzata o una ex fidanzata. Forse la prima, in quanto, "un tempo ci amavamo" indica che ormai  l'amore è morto, e "perderai anche me" significa che ha intenzione di lasciarlo.
Cosa lascia perplesso di tutto questo? Che questi sono fidanzati, lui è lo zerbino di un'altra donna, e lei sta a guardare e cerca di fargli capire che questa donna lo sta rovinando. Cioè, tanta pena per lui, ma nessuna gelosia! Molto strano. A meno che... a meno che questa fantomatica Elisa di cui ci parla Alice non sia una donna, ma qualcos'altro: l'eroina. E si, perché siamo negli anni 80, adesso: provate a sostituire la parola Elisa con Droga e vi accorgerete che tutto torna! Una canzone che sarebbe potuta diventare un'inno contro la droga, se la gente l'avesse capita!

Perché un altro testo sulla droga?

Perché negli anni '80 questo era l'incubo di ogni genitore. Ogni volta che un padre o una madre vedevano un'epigrafe di un ragazzo di vent'anni morto d'overdose si sentivano gelare il sangue nelle vene e, pensavano, che quello sarebbe potuto essere loro figlio. Perché era una piaga che colpiva qualsiasi ceto sociale, che colpiva i ragazzi belli come i ragazzi brutti, il secchione come il lavativo. Nessuno era esente da questo rischio! Ad un certo punto sembrava che il problema si fosse fortemente ridimensionato e si è smesso di parlarne. Grave errore! Ora sembra che l'eroina stia tornando. Voglio dare un suggerimento a tutte le scuole: anziché spendere tempo a parlare di droga, perché non organizzate delle visite presso i centri di disintossicazione? O presso le carceri, nelle sezioni in cui si trovano i tossicodipendenti? Fate vedere ai vostri ragazzi come vi riduce la droga, vale 1000 volte di più di tanti discorsi.


Testo della canzone Per Elisa di Alice

Per Elisa (Alice)
Per Elisa
Vuoi vedere che perderai anche me
Per Elisa non sai piu' distinguere che giorno e'
E poi non e' nemmeno bella.
Per Elisa
Paghi sempre tu e non ti lamenti
Per lei ti metti in coda per le spese
E il guaio e' che non te ne accorgi.
Con Elisa
Guardi le vetrine e non ti stanchi
Lei ti lascia e ti riprende come e quando vuole lei
Riesce solo a farti male.
Vivere vivere vivere non e' piu' vivere
Lei ti ha plagiato, ti ha preso anche la dignita'.
Fingere fingere fingere non sai piu' fingere
Senza di lei ti manca l'aria.
Senza Elisa
Non esci neanche a prendere il giornale
Con me riesci solo a dire due parole
Ma noi un tempo ci amavamo.
Con Elisa
Guardi le vetrine e non ti stanchi
Lei ti lascia e ti riprende come e quando vuole lei
Riesce solo a farti male.
Vivere vivere vivere non e' piu' vivere
Lei ti ha plagiato ti ha preso anche la dignita'.
Fingere fingere fingere non sai piu' fingere
Senza di lei ti manca l'aria.
Vivere
Non e' piu' vivere
Per Elisa
Con Elisa

Commenti

  1. Straordinario: di fatto ha anticipato di anni fenomeni come gli Articolo 31 e Ricky Martin.

    A proposito di canzoni e droga, sai dirmi niente di Brown Sugar dei rolling stones?

    RispondiElimina
  2. é una canzone stronza come i cantanti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concordo pienamente con te. Ma indubbiamente molto bravi sotto il profilo professionale.
      Penso che non sarà facile dimenticare la figuraccia che ci ha fatto fare Battiato al parlamento europeo.

      Elimina
  3. non ci avevo mai pensato al riferimento alla droga, ma effettivamente ci potrebbe stare! anche se, a mio parere, non vedo perché elisa non dovrebbe poter essere intesa come una persona reale. anche le frasi che hai citato tu in fondo possono riferirsi a una donna, una donna un po' stronza che ha stregato questo ragazzo al punto da portarlo a tradire Alice. Lei lo tiene sempre sulla corda e gli fa fare tutto quello che vuole lei, e lo ha reso una persona che la cantante non riconosce più. in fondo effettivamente è come se questa donna fosse appunto come una droga per lui, perchè ha perso anche la dignità x stare cn lei, e senza di lei non riesce a stare. alla fine tutte e due le interpretazioni sono plausibili

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti metti in fila x le spese e non ti lamenti?!! Classico del tossico...io da ex appena l ascoltai pensai subito alla eroina!!

      Elimina
    2. Ti metti in fila x le spese e non ti lamenti?!! Classico del tossico...io da ex appena l ascoltai pensai subito alla eroina!!

      Elimina
  4. E una canzone che parla della dipendenza!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, anche secondo me Linda ci ha visto giusto!

      Elimina
  5. Sia Battiato che Alice hanno sempre dichiarato che Elisa fosse l'amante, nessun riferimento alla droga.
    Il pirla in questione è stato solo facile preda di una stronza affetta da disturbo narcisistico di personalità, ce ne sono tante in giro, manipolatrici affettive, le classiche sfascia famiglie senza scrupoli.

    RispondiElimina
  6. se è stata inserita in una delle scene del film amore tossico (assolutamente da vedere) del 1983, un motivo ci sarà. Guardate il film e interpretate il tutto.

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Sally - Vasco Rossi

Chi è Sally. Non tutti hanno capito che quando Vasco scrive una canzone autobiografica si nasconde sempre dentro un alter ego femminile. Ne sono esempi canzoni come Albachiara (prima delle critiche andatevi a leggere il mio post "Albachiara non è una canzone d'amore), Jenny è pazza o brava Giulia, tanto per citarne qualcuna. Sally è uno di questi alter ego. Si tratta di una delle canzoni più riuscite del rocker di Zocca, tanto che egli stesso ha dichiarato in un'intervista che a volte vorrebbe fare un concerto solo per poter cantare questa canzone.

Classifica delle 100 migliori canzoni italiane di sempre

Disclamer: fare una simile classifica è sempre una cosa sciocca. Il risultato sarà sempre e comunque sindacabile. Allora perché la faccio? Così, per ingannare il tempo e divertirmi un po. Bello sarebbe anche se desse l'inizio ad un sano dibattito. Non cadiamo nel tranello di dare il via a sterili litigi. Per chi volesse esistono già numerosi siti dove litigare.
Stilare una simile classifica non è facile ed il risultato dipende esclusivamente dai parametri che si intendono utilizzare. Quelli a cui mi andrò a riferire sono:

successo della canzoneimpatto sociale nel momento in cui è stata pubblicatalongevità del successouniversalità del messaggio e del suonoprofondità del testocapacità di superare le barriere del tempo. Ogni volta che rileggo la classifica ci farei dei cambiamenti. Questo perché certi fenomeni sociali riescono a far tornare verde un messaggio mentre altri, col tempo, perdono la loro forza. Di fronte all'attuale crisi europea, chi non ha trovato attuali le canzoni…

Stupendo - Vasco Rossi

Il testamento spirituale di Massimo Riva. Stupendo è una delle mie canzoni preferite del grande Blasco! La musica è sua, ma, questa volta, al testo ci ha messo le mani un immenso Massimo Riva. Autore già di altri testi capolavoro come "dormi dormi" e "non mi va". La canzone assume un significato ancora più forte se si considera che di li a poco il grande autore/chitarrista morirà di overdose. Morire di overdose nel 1999, più che una morte accidentale, sembra un suicidio. Questo da ancora più forza e credibilità ad un testo che parla del male di vivere e del sentirsi inadeguati per questa società marcia e corrotta. Lo voglio sottolineare perché troppo spesso abbiamo scoperto che presunti artisti maledetti, una volta spente le telecamere, facevano una vita da yuppies. Mi viene in mente qualcuno che fino a ieri cantava canzoni come "nessuno" e oggi "comunisti col rolex". Una brutta ipocrisia che rafforza ancor di più la, già sgradevole, sensazione…