Passa ai contenuti principali

Silvia lo sai - Luca Carboni

siringa usata per iniettare eroina

La grande sensibilità di Luca Carboni nella canzone "Silvia lo sai".

Silvia lo sai è la mia canzone preferita di Luca Carboni, anzi, direi che l'album "Luca Carboni", sia il migliore del cantautore bolognese. Dopo ha continuato a deliziarci con brani eccellenti, ma nessuno ha raggiunto questi livelli. Voglio segnalare dello stesso disco la toccante "farfallina", della quale ho scritto la recensione su questo sito.

Gli anni 80 e l'incubo della droga.

Il significato del testo di questa canzone è piuttosto semplice, almeno per chi appartiene alla mia generazione (classe 1973). Oggi si parla poco di droga, ma negli anni '80 era l'incubo di tutti i genitori. E non per nulla: ogni settimana compariva l'epigrafe di qualche giovane morto di overdose, e piazze e marciapiedi pullulavano di personaggi strafatti, persi nei loro trip.
Sia chiaro, so benissimo che la droga esiste ancora, ed è forse più diffusa, ma, di eroina si parla molto meno. Forse perché per un periodo si aveva l'impressione che il fenomeno fosse in calo, oppure perché oggi i "tossici" li teniamo nascosti (almeno qui a Pordenone non si vedono più "collassati" nei marciapiedi come negli anni '80). Sono perfettamente consapevole dei danni devastanti causati dalle droghe sintetiche, ma il calvario dell'eroinomane fa una grandissima impressione. Deduco che la droga di riferimento della canzone sia l'eroina perché l'eroina è la droga che si prende per via endovenosa (Luca si buca) e perché era la droga "alla moda" a quei tempi. In seguito ai commenti comparsi a fine articolo: tutte  le droghe sono devastanti, oltre che illegali! Non si vuole fare una classifica del peggio del peggio! Io posso solo dirvi di stare lontano da questi mostri e, se avete qualche dubbio o bisogno di aiuto, di rivolgervi alle autorità sanitarie o agli enti sociali preposti. Qua si fanno solo ipotesi sul significato di una canzone/poesia, non è un sito che da informazioni medico/farmaceutiche o altro. Credo che non sia nemmeno nelle intenzioni di Luca  Carboni farlo, vuole solo metterci in guardia sull'incubo di chi è caduto nel tunnel.

Luca Carboni scava nell'animo delle persone.

La domanda che tutti si sono posti almeno una volta è: perché una persona sceglie deliberatamente la via del suicidio? Oltretutto, perché un suicidio lento, doloroso e umiliante come quello dell'eroina? "Ma si può essere più stupidi di così?". Già, perchè nelle frasi fatte l'eroinomane è semplicemente uno stupido, un fallito, un incapace, una nullità, e via dicendo... Per fortuna qualcuno è andato oltre, ed si è sforzato di capire veramente che cosa viaggi dentro la testa di un tossico. Lo hanno fatto grandi uomini (penso a don Galliano e al suo centro di disintossicazione dall'eroina) e lo hanno fatto grandi poeti (penso a Renato Zero che definisce il drogato "un malato di nostalgia"). Credo però che nessuno ci sia riuscito bene quanto Luca Carboni.

Vediamo allora di scavare nel testo di "Silvia lo sai" di Luca Carboni

La maglia del Bologna sette giorni su sette
pochi passaggi molti dribbling quanti vetri spaccati
un Dio cattivo e noioso preso andando a dottrina
come un arbitro severo fischiava tutti i perché
...dire fare baciare
occhio questa e' la palla che ci può salvare 
La noia della vita di provincia..

a salvarci erano invece certe canzoni
che uscivan dalla radio di silvia tu seduta
a cercare le stazioni 
Questi versi possono passare inosservati, in realtà sono importantissimi. Denotano la disperata ricerca di qualcosa che non trovano nei valori passatogli dalla famiglia, dalla scuola, dai preti...
che buffo era Luca mentre provava a tenerti la mano
non potevo non prendervi in giro ma capivo
che nasceva qualcosa di strano 
Anche questa frase "buttata li" è molto importante. È noto che i tossici sono fondamentalmente persone timide, introverse e insicure, soprattutto insicure.

i professori non chiedevano mai se eravamo felici
Silvia tu ridevi e scherzavi, Luca invece non parlava mai 
La prima strofa è un vero lampo di genio! Luca sta male, di fronte all'indifferenza "di tutto il mondo", che di fatto ignorava (e spesso ignora tutt'ora) i problemi e i pensieri dei giovani. Loro ci dettano la via giusta, e credono che questo basti. Sarà che sono un professore, ma la frase "i professori non chiedevano mai se eravamo felici" mi perseguita da una vita. Bella nella sua sintesi come una poesia di Ungaretti. In questa frase c'è tutto il disagio di una generazione, tutto "lo sbagliato" di un metodo pedagogico, tutta la cecità di chi si sente sempre nel giusto e non ha bisogno di capire l'altro. Un giorno, in corridoio, ho chiesto ad un allieva: "come va?" e questa mi risponde: "ho un paio di buchi, ma c'è la dovrei fare", al che le dico: "no, come ti va a te, come stai, indipendentemente dalla scuola". Ancora sorrido se ripenso allo sguardo stupito della ragazza, impreparata all'idea che un insegnante possa essere interessato alla situazione extrascolastica di uno studente.

che profumo Bologna di sera, le sere di maggio
Luca che botte dai grandi prendeva
per dimostrarci che aveva coraggio 
Importante anche questo: il tossico non è un fifone, come spesso si dice. Anzi è una persona coraggiosa, tanto coraggiosa da non aver paura di infilarsi il maledetto ago nelle vene. Non si confonda la timidezza con la paura!

l'altro giorno ho trovato una scusa per potergli parlare
hey Luca ne e' passato del tempo....
si va be' ma adesso lasciami andare
non credevo di essere stato violento
ma ha cominciato a tremare
mi ha guardato con lo sguardo un po' spento
non riusciva a parlare
e adesso come facciamo non dovevano andare lontano?
Luca ormai è una larva umana, come tutti i tossici. Ha dimenticato tutto: amore, amici, sentimenti. Ha paura di tutto. Vive in un tunnel, il mondo fuori per lui non esiste più, e adesso si che ha paura! Commovente l'ultima frase: "e adesso come facciamo non dovevamo andare lontano". La trovo struggente, riesce sempre a commuovermi. Forse perché mi ricorda alcuni miei amici. Sta ad indicare quanto velocemente si passi dall'adolescenza all'età adulta. A 16 anni si è dei ragazzini scemi, si gioca e si scherza, spesso col fuoco. Poi ci si ritrova 2 o 3 anni dopo che si è già adulti, e qualcuno ha pagato un prezzo davvero caro per quel gioco da ragazzi!

"Silvia lo sai" è autobiografica?

Si discute spesso sul fatto se questa canzone sia o non sia una canzone autobiografica. Non ho riscontri a riguardo, ma posso dire con certezza che questo non è importante. Se un'esperienza di Luca con la droga possa averlo aiutato a capire il "tossico" e a scrivere una canzone bene, ma questa resta comunque una canzone che parla di tutti i tossici del mondo.


Commenti

  1. Questa spiegazione non fa una piega. È perfetta, come del resto lo è la canzone nel spiegare il disagio giovanile di quei tempi. Sono anch'io del 73 e purtroppo ho vissuto anch'io le esperienze di Luca (non il cantautore purtroppo) e sono tra i pochi ad esserne uscito illeso. Ed è proprio vero, il mondo fuori per noi non esisteva, non poteva esistere perché esisteva solo la nostra sopravvivenza giornaliera.
    Complimenti per l'interpretazione del testo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho la tua stessa esperienza. Chi non ha conosciuto l'eroina non potrà mai capire. Ma non dovevamo andare lontano?

      Elimina
  2. L'amore addosso 7 giorni su 7,sempre...poche conoscenze vere e molte cose evitate,quanti sbagli e mai fatto un goal,un centro.....un Dio che sembrava arrabiato con noi.....Parlare,Farlo,Baciare,solo l'amore ci puosalvare.....
    Vincenzo

    RispondiElimina
  3. Difficilmente mi sono mai trovato di fronte ad una cacata più puzzolente di quest'articolo. L'autore quanto a retorica farebbe invidia anche a Jovanotti. E poi, ma dove cazzo vivi??? Su Marte? Plutone? a Busto Arsizio? Come minimo è dal 2005 il dramma dell'eroina è tornato ad incombere! E tu, nel 2013, non ne sapevi una ceppa? Informati, informati, fai ricerche, esci, osserva, informati!!! Te lo dico quasi come fossi Sgarbi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Figurati che non ascolto nemmeno lo sgarbi vero, immaginati se perdo tempo con una sedicente imitazione...

      Elimina
  4. Condivido pienamente con te la spiegazione, ma su un punto vorrei porti un quesito: La timidezza è dovuta dall insicurezza o viceversa, ma tutto questo porta ad aver paura (ansia) cioè mostrar coraggio non vuol dire non aver paura. (secondo me)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. senza dubbio la seconda! L'insicurezza genera la timidezza e la droga ti toglie ogni insicurezza. È un rifugio inespugnabile

      Elimina
  5. Sono un ex. È una canzone bellissima. E la tua recensione ha colpito in pieno.

    RispondiElimina
  6. la dipendenza che creano gli acidi? ma di che fandonie si parla? l'LSD è una sostanza anti abuso in quanto crea altissima tolleranza già al primo uso..ovvero se ripeti l'assunzione il secondo/ terzo giorno l'effetto e nullo quindi la dipendenza da acidi non può esistere per un fatto puramente fisiologico e chimico nel cervello poi non porta dipendenza ne fisica ne psichica(informatevi prima di scrivere almeno eh!) . e ci vuole almeno dico almeno 15 giorni per avere un esperienza neanche simile alla prima. poi l'eroina e scomparsa..l'eroina è ritornata?? l'eroina ed il suo consumo non si è mai fermato.. solo che si parla di altre cazzate sui media dimenticandosi della realtà presente e reale!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Forse lo potevo scrivere meglio, ma il concetto mi sembra comunque abbastanza chiaro. L'usa di eroina è diminuito per un certo periodo , anche se, sicuramente, più che scomparso era nascosto. Non sono voluto entrare nel merito dei danni causati dall'uso di droghe sintetiche, per chi fosse interessato consiglierei una lettura specifica o, in alternativa, di rivolgersi ad un medico o una figura preposta.

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Sally - Vasco Rossi

Chi è Sally. Non tutti hanno capito che quando Vasco scrive una canzone autobiografica si nasconde sempre dentro un alter ego femminile. Ne sono esempi canzoni come Albachiara (prima delle critiche andatevi a leggere il mio post "Albachiara non è una canzone d'amore), Jenny è pazza o brava Giulia, tanto per citarne qualcuna. Sally è uno di questi alter ego. Si tratta di una delle canzoni più riuscite del rocker di Zocca, tanto che egli stesso ha dichiarato in un'intervista che a volte vorrebbe fare un concerto solo per poter cantare questa canzone.

Classifica delle 100 migliori canzoni italiane di sempre

Disclamer: fare una simile classifica è sempre una cosa sciocca. Il risultato sarà sempre e comunque sindacabile. Allora perché la faccio? Così, per ingannare il tempo e divertirmi un po. Bello sarebbe anche se desse l'inizio ad un sano dibattito. Non cadiamo nel tranello di dare il via a sterili litigi. Per chi volesse esistono già numerosi siti dove litigare.
Stilare una simile classifica non è facile ed il risultato dipende esclusivamente dai parametri che si intendono utilizzare. Quelli a cui mi andrò a riferire sono:

successo della canzoneimpatto sociale nel momento in cui è stata pubblicatalongevità del successouniversalità del messaggio e del suonoprofondità del testocapacità di superare le barriere del tempo. Ogni volta che rileggo la classifica ci farei dei cambiamenti. Questo perché certi fenomeni sociali riescono a far tornare verde un messaggio mentre altri, col tempo, perdono la loro forza. Di fronte all'attuale crisi europea, chi non ha trovato attuali le canzoni…

Stupendo - Vasco Rossi

Il testamento spirituale di Massimo Riva. Stupendo è una delle mie canzoni preferite del grande Blasco! La musica è sua, ma, questa volta, al testo ci ha messo le mani un immenso Massimo Riva. Autore già di altri testi capolavoro come "dormi dormi" e "non mi va". La canzone assume un significato ancora più forte se si considera che di li a poco il grande autore/chitarrista morirà di overdose. Morire di overdose nel 1999, più che una morte accidentale, sembra un suicidio. Questo da ancora più forza e credibilità ad un testo che parla del male di vivere e del sentirsi inadeguati per questa società marcia e corrotta. Lo voglio sottolineare perché troppo spesso abbiamo scoperto che presunti artisti maledetti, una volta spente le telecamere, facevano una vita da yuppies. Mi viene in mente qualcuno che fino a ieri cantava canzoni come "nessuno" e oggi "comunisti col rolex". Una brutta ipocrisia che rafforza ancor di più la, già sgradevole, sensazione…