Passa ai contenuti principali

Sergio Sylvestre - Con te - Sanremo 2017

Sergio Sylvestre canta con te a Sanremo 2017

Sergio Sylvestre: Sanremo ultima spiaggia.

Eccone un'altro di quelli di amici. Il vincitore dell'edizione 2015, anche lui in cerca di visibilità in questo festival dei sopravvivendi, ovvero di cantanti che cercano in tutti i modi di mantenere quel minimo di popolarità. Certo, a leggere il testo della canzone, viene da chiedersi se era necessario che un autore venisse qui fin dalla lontana California. Certo si è integrato molto bene in Italia, e infatti il suo testo parla di amore. Il protagonista è stato lasciato dalla ragazza, ed ora soffre. Sente un forte vuoto dentro di se, si sente a pezzi, ha nascosto le lacrime.... originale vero?
Credo non sia necessario aggiungere nulla relativamente al testo, che comunque lo trovate in fondo a questo post.

Possibile che non esistano autori di qualità?

Comunque io voglio mandare un messaggio alle case discografiche: vi lamentate che la gente non compra più i CD e date tutta la colpa agli MP3. In parte avete forse ragione, ma non basta. Anche il cinema ha sofferto la stessa crisi negli anni '90, con l'avvento del VHS, ma ha reagito, ed è riuscito a risolvere il problema con una strategia banale: lavorare sulla qualità. Sotto due profili: la qualità dei film e la qualità delle sale cinematografiche. Ora: non sarebbe il caso di fare lo stesso nella musica? Parliamoci chiaro: soprattutto in Italia il mondo della produzione musicale va avanti quasi a conduzione familiare! Un produttore americano non avrebbe mai permesso che uscisse un brano con un testo così banale. Si sarebbe affidato ad uno staff di copywriter che, in un pomeriggio, avrebbe prodotto un testo nuovo.

Un cerchio chiuso che ha esaurito le idee

Qui invece si fa tutto tra amici e amici di amici. Sono pochi nomi che scrivono il 90% della musica italiana, che fanno da giuria ai vari concorsi canori, si scambiano premi, complimenti e recensioni, e non sentono la necessità di aumentare la qualità del lavoro. Tanto la concorrenza non ha spazi, non molti almeno. La cosa buffa poi è che, come conseguenza del sistema, dei mercati paralleli, come youtube, generano "strani fenomeni" di successo come Fabio Rovazzi ei Power Francers, e questi autori cosa fanno? Giù a criticare, a dire che questa non è musica, che i nuovi media promuovono dei fenomeni da baraccone. Ma un po' d'autocritica no? Non pensate che se emergono questi fenomeni è perchè a voi è rimasto davvero poco da dire?

Testo della canzone Con te di Sergio Sylvestre

Così vai via, non lo so se è colpa mia, non c’è poesia
C’è uno spazio vuoto dentro, è casa mia
Solitudine, una malattia che è mia, mia, mia
Con te ho nascosto le mie lacrime
Con te perché adesso ci sta un altro con te
In questo disastro che chiamo il mio mondo
Mentre affondo io penso a te
Che sei per me leggerezza e pagine di noi
Che strappai con le mani, con le mani
Con te ho nascosto le mie lacrime
Con te perché adesso ci sta un altro con te
Ma non importa quello che sento
Resta per me, dentro me
E da questo disastro a pezzi ritorno
E tu non lo sai
Con te ho nascosto le mie lacrime
Con te il mio mondo, il mio mondo
Con te ho nascosto quasi tutto di me
Così vai via, ma eri mia, mia, mia

Commenti

  1. questa qui è una continuità, 36 anni dopo, di questa:
    Stefano Sani - Lisa

    http://wikitesti.com/lisa_-_stefano_sani/

    RispondiElimina
  2. ...speravamo che la musica si fosse evoluta in trent'anni, e invece... ah no, ma non è la musica, è chi la produce.
    Comunque sia, loro hanno poco da dare la colpa agli mp3, o allo streaming, se c'è musica che fa schifo, dimmi tu chi è che la compra, a quei prezzi poi?
    Anche la musica digitale, se ti vuoi comprare un singolo, un euro per una cacata simile anche no

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Classifica delle 100 migliori canzoni italiane di sempre

Disclamer: fare una simile classifica è sempre una cosa sciocca. Il risultato sarà sempre e comunque sindacabile. Allora perché la faccio? Così, per ingannare il tempo e divertirmi un po. Bello sarebbe anche se desse l'inizio ad un sano dibattito. Non cadiamo nel tranello di dare il via a sterili litigi. Per chi volesse esistono già numerosi siti dove litigare.
Stilare una simile classifica non è facile ed il risultato dipende esclusivamente dai parametri che si intendono utilizzare. Quelli a cui mi andrò a riferire sono:

successo della canzoneimpatto sociale nel momento in cui è stata pubblicatalongevità del successouniversalità del messaggio e del suonoprofondità del testocapacità di superare le barriere del tempo. Ogni volta che rileggo la classifica ci farei dei cambiamenti. Questo perché certi fenomeni sociali riescono a far tornare verde un messaggio mentre altri, col tempo, perdono la loro forza. Di fronte all'attuale crisi europea, chi non ha trovato attuali le canzoni…

Stupendo - Vasco Rossi

Il testamento spirituale di Massimo Riva. Stupendo è una delle mie canzoni preferite del grande Blasco! La musica è sua, ma, questa volta, al testo ci ha messo le mani un immenso Massimo Riva. Autore già di altri testi capolavoro come "dormi dormi" e "non mi va". La canzone assume un significato ancora più forte se si considera che di li a poco il grande autore/chitarrista morirà di overdose. Morire di overdose nel 1999, più che una morte accidentale, sembra un suicidio. Questo da ancora più forza e credibilità ad un testo che parla del male di vivere e del sentirsi inadeguati per questa società marcia e corrotta. Lo voglio sottolineare perché troppo spesso abbiamo scoperto che presunti artisti maledetti, una volta spente le telecamere, facevano una vita da yuppies. Mi viene in mente qualcuno che fino a ieri cantava canzoni come "nessuno" e oggi "comunisti col rolex". Una brutta ipocrisia che rafforza ancor di più la, già sgradevole, sensazione…

Gli angeli - Vasco Rossi

Gli Angeli, grande assente a Modena Park. Ragazzi, prima di parlare di quello che per me è "IL CAPOLAVORO" del genio di Zocca, qualcuno mi sa dire perché non l'abbia cantata a Modena Park??????? È l'unico neo che ho trovato in questo grandissimo concerto :(
Gli Angeli: il capolavoro di Vasco Rossi Ed eccoci a parlare del capolavoro della rockstar di Zocca: gli angeli! A mio parare il suo brano migliore. Il testo è molto breve e criptico, e, di fatto, di non semplice comprensione se non si ha chiara la stesura. Si tratta di uno schema molto originale e complesso, che il Vasco ha saputo portare a termine con maestria.
Vasco Rossi e Maurizio Lolli E'  un dialogo tra Vasco Rossi e Maurizio Lolli, il suo ex manager, morto di cancro ai polmoni (oltretutto fumatore di Lucky Strike). Paradossalmente "il morto" sembra il cantante, mentre colui che parla dall'aldilà sembra molto più cosciente della realtà. Non è poi strano, spesso guardando le cosa dall'…