Passa ai contenuti principali

Samuel - Vedrai - Sanremo 2017

samuel dei subsonica canta vedrai al festival di sanremo 2017

Una prova importante per Samuel, ex Subsonica.

Un ruolo impegnativo quello di Samuel: se ti presenti come solista e sei l'ex front-man dei Subsonica non puoi sbagliare! Ci sono grandi aspettative e nessuna scusa. I Subsonica erano considerati uno dei gruppi più avveniristici del panorama italiano e, forse, anche mondiale. Non si può essere rivoluzionari troppo a lungo e quindi la scelta di dividersi, una volta esaurita la vena creativa, la condivido completamente. Ora bisogna capire come intende continuare Samuel.

Un testo che parla di apocalisse

Il testo della nuova canzone è senza dubbio interessante. E' la voce di un popolo, potrebbe essere quello italiano, ma anche quello di qualche popolazione immigrata (il vento di libeccio che dall'Africa soffia lieve su noi la sua sabbia). Certo è che questo popolo (o chiamiamolo semplicemente comunità) sta attraversando un momento difficile. Un momento difficile del quale non si vede la fine, anzi, che sembra senza speranza. E' una sensazione molto condivisa in questi anni, anni in cui le fabbriche chiudono, la guerra sta distruggendo nazioni, le grandi migrazioni stanno spopolando interi continenti, il clima sta cambiando e cambiando porta disastri, come siccità, alluvioni, uragani...

A questo si aggiungono disastri naturali non dipendenti dall'uomo, come terremoti ed eruzioni vulcaniche. Qualche religione, qualche setta o, comunque, qualche santone, già vede in tutti questi segnali l'avviso che si sta andando verso la rottura del settimo sigillo.

Vedrai: un po' di ottimismo

In controtendenza va il nostro autore: il fatto di essere ancora qui e di essere ancora vivi non è un caso, ma una specie di vocazione. Siamo qui per vedere il mondo cambiare ancora una volta, per dimenticare il passato (qui credo si riferisca a coloro i quali sono scappati da guerre), per ritrovare la pace, la gioia, la fiducia nel futuro e nell'uomo. Non che sia facile, ma, a sentire questa canzone, è un processo che va avanti in modo quasi naturale e che, quindi, finirà per realizzarsi. Non che questo non comporti impegno da parte della comunità, ma è certo per certo che ce la faremo (secondo l'autore).
Un testo interessante e che si discosta dai soliti testi sanremesi. Come dire, Samuel continua col suo ruolo di innovatore, anche dal punto di vista dei testi.

Testo della canzone Vedrai di Samuel (ex Subsonica)

Se siamo ancora qui
Vuol dire che un motivo c’è
Lascia qualcosa tra le braccia
E non questa distanza che mi sputi in faccia
Se siamo ancora qui
Ad imparare come illuderci
A preoccuparci della verità
Vedrai che poi il tempo non ci tradirà
Sotto un vento di libeccio che dall’Africa
Soffia lieve su di noi la sua sabbia
Vedrai che riusciremo a dare ancora un nome
A tutte le paure che ci fan tremare
E troveremo il modo per dimenticare
La noia, l’abitudine, la delusione
Vedrai che i desideri si riaccenderanno
Ricostruiremo il luogo in cui poi vivranno
Perché noi siamo l’unica benedizione
L’unica tragedia, l’unica ambizione
Se siamo ancora qui
Ad ignorare le difficoltà
Impareremo anche a comprendere
Che esiste un buon motivo per insistere
Sotto un vento di libeccio che dall’Africa
Soffia lieve su di noi la sua sabbia
Vedrai che riusciremo a dare ancora un nome
A tutte le paure che ci fan tremare
E troveremo il modo per dimenticare
La noia, l’abitudine, la delusione
Vedrai che i desideri si riaccenderanno
Ricostruiremo il luogo in cui poi vivranno
Perché noi siamo l’unica benedizione
L’unica tragedia, l’unica ambizione
Dovremo solo ricominciare a respirare, a navigare
Dovrai soltanto dimenticare la noia, il vuoto, la perfezione
Vedrai che riusciremo a dare ancora un nome
A tutte le paure che ci fan tremare
E troveremo il modo per dimenticare
La noia, l’abitudine, la delusione
Vedrai che i desideri si riaccenderanno
Ricostruiremo il luogo in cui poi vivranno
Perché noi siamo l’unica benedizione
L’unica tragedia, l’unica ambizione


Commenti

Post popolari in questo blog

Sally - Vasco Rossi

Chi è Sally. Non tutti hanno capito che quando Vasco scrive una canzone autobiografica si nasconde sempre dentro un alter ego femminile. Ne sono esempi canzoni come Albachiara (prima delle critiche andatevi a leggere il mio post "Albachiara non è una canzone d'amore), Jenny è pazza o brava Giulia, tanto per citarne qualcuna. Sally è uno di questi alter ego. Si tratta di una delle canzoni più riuscite del rocker di Zocca, tanto che egli stesso ha dichiarato in un'intervista che a volte vorrebbe fare un concerto solo per poter cantare questa canzone.

Classifica delle 100 migliori canzoni italiane di sempre

Disclamer: fare una simile classifica è sempre una cosa sciocca. Il risultato sarà sempre e comunque sindacabile. Allora perché la faccio? Così, per ingannare il tempo e divertirmi un po. Bello sarebbe anche se desse l'inizio ad un sano dibattito. Non cadiamo nel tranello di dare il via a sterili litigi. Per chi volesse esistono già numerosi siti dove litigare.
Stilare una simile classifica non è facile ed il risultato dipende esclusivamente dai parametri che si intendono utilizzare. Quelli a cui mi andrò a riferire sono:

successo della canzoneimpatto sociale nel momento in cui è stata pubblicatalongevità del successouniversalità del messaggio e del suonoprofondità del testocapacità di superare le barriere del tempo. Ogni volta che rileggo la classifica ci farei dei cambiamenti. Questo perché certi fenomeni sociali riescono a far tornare verde un messaggio mentre altri, col tempo, perdono la loro forza. Di fronte all'attuale crisi europea, chi non ha trovato attuali le canzoni…

Stupendo - Vasco Rossi

Il testamento spirituale di Massimo Riva. Stupendo è una delle mie canzoni preferite del grande Blasco! La musica è sua, ma, questa volta, al testo ci ha messo le mani un immenso Massimo Riva. Autore già di altri testi capolavoro come "dormi dormi" e "non mi va". La canzone assume un significato ancora più forte se si considera che di li a poco il grande autore/chitarrista morirà di overdose. Morire di overdose nel 1999, più che una morte accidentale, sembra un suicidio. Questo da ancora più forza e credibilità ad un testo che parla del male di vivere e del sentirsi inadeguati per questa società marcia e corrotta. Lo voglio sottolineare perché troppo spesso abbiamo scoperto che presunti artisti maledetti, una volta spente le telecamere, facevano una vita da yuppies. Mi viene in mente qualcuno che fino a ieri cantava canzoni come "nessuno" e oggi "comunisti col rolex". Una brutta ipocrisia che rafforza ancor di più la, già sgradevole, sensazione…