Passa ai contenuti principali

Francesco Gabbani - Occidentali's Karma - Sanremo 2017

Francesco Gabbani canta Occidentali's Karma al Sanremo 2017

La mediocrità innanzitutto!

Questa volta ho sbagliato! Per la prima volta in 4 anni non ho previsto il vincitore di Sanremo. Ha vinto Francesco Gabbani con Occidentali's Karma. Una canzone che non vale più di un tormentone estivo, e che, di conseguenza, ha fatto presa su un festival che ha sempre fatto della mediocrità il suo punto di forza. Era prevedibile, quindi me ne faccio un "mea culpa". Mi consola vedere che i miei due candidati, Fiorella Mannoia e Ermal Meta, sono arrivati in seconda e terza posizione, vincendo pure il premio della critica.

Occidentali's Karma

Dicono che sia bello riconoscere i propri errori. Forse, col senno di poi, sono stato precipitoso e superficiale nel censurare questo brano di Francesco Gabbani. L'autore è tutt'altro che mediocre, anzi, direi che ha le spalle larghe! Musiche non banali, testi originali frutto di studio e anni di gavetta. Occidentali's Karma nasconde, dietro ad uno scimmione che balla e ad alcune rime apparentemente degne di un film di Vanzina, qualcosa che va oltre al motivetto commerciale che spopola al festival della canzone leggera italiana. Ho deciso di non correggere il mio giudizio iniziale anche se ormai non rispecchia più il mio pensiero. È bello vedere come cambia il nostro giudizio cambi a distanza di tempo-

Cos'è la scimmia nuda che balla?

Se la canzone non vale più di un tormentone estivo, il testo dal canto suo, ha qualcosa da dire. Per capirne il significato ci dobbiamo chiedere: chi è o cos'è la scimmia nuda che danza? La scimmia nuda che danza altro non è che l'essere umano, che, dopo 250 mila anni di evoluzione, se si dovesse togliere i vestiti, altro non sarebbe che una scimmia nuda! E quando compare questa scimmia nuda che danza? Ogni volta che l'essere umano ha toccato il fondo.
Prendiamo qualche frase dal testo e cerchiamo di capire. Si parla innanzitutto di cultura occidentale, anzi, per citare qualcuno, della cultura superiore occidentale. Una cultura superiore che ha portato pure a sconvolgimenti tecnologici. Un esempio? Se state leggendo questo articolo siete connessi ad Internet, magari con uno smartphone! Ma a cosa ha portato tutta questa tecnologia? A creare un uomo contemporaneo come l'uomo del neolitico, che vive in stanze da 2 metri per 3, ed esprime il suo essere superiore partecipando ad attività tremendamente idiote. Samuele Gabbani parla di gruppo dei selfisti anonimi, ma in realtà sta parlando di tutti quei gruppi che nascono nei social, di chi sta ora a leggere monate su facebook, a cliccare mi piace, a pubblicare le foto del pranzo....

L'intelligenza ridotta a slogan

La critica parte da questa direzione, ma in realtà punta il dito verso la faciloneria. "L'intelligenza è demodè" e cerchiamo tutti "risposte facili". Lo si vede dappertutto, ma forse è in politica che si raggiunge il top: affrontiamo problemi complessi e articolati come l'immigrazione, la guerra, la crisi dei valori, che frasette che sono poco più di slogan elettorali. Vuoi risolvere il problema degli zingari? Avanti con le ruspe! Vuoi risolvere il problema dell'immigrazione? Abbattiamo le navi che attraversano il mediterraneo! Vuoi uscire dalla crisi economica? Fuori dall'Euro e stampiamo moneta! Vuoi migliorare l'istruzione? Basta prof comunisti! Il Milan perde? Prendere i calciatori a calci nel culo! E potrei andare avanti per ore... Non a caso politici come Trump o Putin godono di altissima popolarità in Italia. Non mi riferisco ad un movimento politico piuttosto che ad un altro, anzi, non mi riferisco proprio alla politica: è una tendenza diffusa pensare di poter risolvere qualunque problema con uno slogan, senza fare lo sforzo di studiarlo, di fare un'analisi approfondita e di cercare delle soluzioni che richiedano tempo e fatica! Vogliamo tutto e subito, e vogliamo che sia facile. Vogliamo imparare anche dottrine profonde e complesse come il Buddismo in un paio di sedute. Siamo insomma i tuttologi del web.

Siamo e restiamo una scimmia nuda che balla

Ed ecco che, quando utilizziamo queste straordinarie tecnologie, che crediamo ci rendano il migliore degli animali, per spegnere il cervello, e dedicarci ad attività come il "selfismo anonimo", ritorniamo ad essere quello che di fatto siamo: una scimmia nuda che balla!
Se la canzone non è più di un tormentone estivo, il testo non è poi male. Certo, un testo pop molto semplice, ma non è il solito testo d'amore e, soprattutto, tratta con una certa dose di ironia la stupidità contemporanea. La cosa buffa è che, probabilmente, spopolerà proprio tra i destinatari del messaggio.

Testo della canzone Occidentali's Karma di Francesco Gabbani

Essere o dover essere
Il dubbio amletico
Contemporaneo come l’uomo del neolitico
Nella tua gabbia 2×3 mettiti comodo
Intellettuali nei caffè
Internettologi

Soci onorari al gruppo dei selfisti anonimi
L’intelligenza è démodé
Risposte facili
Dilemmi inutili.
AAA cercasi (cerca sì)
Storie dal gran finale
Sperasi (spera sì)
Comunque vada panta rei
And singing in the rain
Lezioni di Nirvana
C’è il Buddha in fila indiana
Per tutti un’ora d’aria, di gloria
La folla grida un mantra
L’evoluzione inciampa
La scimmia nuda balla
Occidentali’s Karma
Occidentali’s Karma
La scimmia nuda balla
Occidentali’s Karma
Piovono gocce di Chanel
Su corpi asettici
Mettiti in salvo dall’odore dei tuoi simili
Tutti tuttologi col web
Coca dei popoli
Oppio dei poveri.
AAA cercasi (cerca sì)
Umanità virtuale
Sex appeal (sex appeal)
Comunque vada panta rei
And singing in the rain.
Lezioni di Nirvana
C’è il Buddha in fila indiana
Per tutti un’ora d’aria, di gloria
La folla grida un mantra
L’evoluzione inciampa
La scimmia nuda balla
Occidentali’s Karma.
Occidentali’s Karma
La scimmia nuda balla
Occidentali’s Karma.
Quando la vita si distrae cadono gli uomini.
Occidentali’s Karma
Occidentali’s Karma
La scimmia si rialza.
Namasté Alé
Lezioni di Nirvana
C’è il Buddha in fila indiana
Per tutti un’ora d’aria, di gloria.
La folla grida un mantra
L’evoluzione inciampa
La scimmia nuda balla
Occidentali’s Karma.
Occidentali’s Karma
La scimmia nuda balla
Occidentali’s Karma

Commenti

  1. Io inizialmente quando ho sentito la canzone la ho giudicata malissimo, ho detto ma dove sta la bravura di questo qui...
    Invece, forse forse, questo qui ha vinto proprio perché la canzone non è niente di che, ma colpisce dove deve colpire, oltre al fatto che, da quel che ho saputo, questo signore è cresciuto con la gavetta, e non con i talent come troppi altri.
    Tu dici che questa canzonetta spopolerà tra i destinatari del messaggio? Io non credo, anzi, chi si sente colpito secondo me ci si arrabbia pure! I tecnodipendenti, che usano lo smartphone come protesi per sopperire alla mancanza del cervello, non colgono l'ironia, e reagiscono in modo frustrato a sentirsi paragonare a una scimmia nuda che balla.
    Però il testo di questa canzone, oltre a questo, secondo me prende in giro anche i fissati con l'orientale, quelli che si sentono illuminati da una filosofia superiore e allora giù con riti indiani e stili di vita "alternativi" predicando l'impossibile, ma poi naturalmente sono i soliti "fai quel che ti dico ma non quel che faccio, ti parlo di tutte cose mistiche ma in realtà io per primo non rinuncio al benessere che la cultura occidentale comunque mi dà". Lo vedi già dal titolo, occidentali's karma - uso una parola italiana + il genitivo inglese + una parola orientale "non sono né carne né pesce né verdura"


    RispondiElimina
    Risposte
    1. Reazione iniziale: identica alla mia! Ero scioccato!
      Sono d'accordo che i destinatari del messaggio non colgano l'ironia, ma non capiranno il messaggio stesso. In altre parole balleranno questa canzone perché ha un buon ritmo! Un po' come Capparezza che, suo malgrado, è parecchio ascoltato negli ambienti di estrema destra.
      Sono d'accordo con te sui fissati dell'oriente. Ed io ho un grande rispetto per la cultura orientale. Anzi, se ne hai voglia, ti invito a dare un'occhiata ad un altro mio blog: http://tizianoterzani.blogspot.it/. Ma questi qua che fanno un corso di Yoga e pensano di aver toccato il cielo proprio non li sopporto.
      PS: sono stato a vedere il tuo sito. Interessante, peccato che non lo aggiorni spesso. Ho lasciato un commento ad un tuo articolo che secondo me ha centrato in pieno!!!

      Elimina
    2. Si, ho visto il post e ti ho anche risposto.
      Per quanto riguarda questa cosa degli orientali, anche io sono d'accordo, difatti ho un conoscente che è proprio come quelli, e non vedo l'ora di prenderlo un po' in giro usando questa canzone.
      I selfisti anonimi, quelli che invece di guardare un panorama lo fotografano e lo condividono...
      Provassero per solo un giorno a vivere con gli occhi che non funzionano e doversi basare solo sulle informazioni date dallo smartphone...
      Il mondo va così: chi non ha la vista, usa lo smartphone per poter essere autonomo e anche orientarsi per strada dove serve; chi ha la vista, usa lo smartphone per guardare le foto dei gattini mentre cammina o guida, e poi quando ti viene addosso ti dice "non ti avevo visto"
      Scimmie nude che ballano, e che si trovassero nella situazione delle scimmie vere, morirebbero di fame il giorno dopo.
      Vado a guardare l'altro blog tuo

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Classifica delle 100 migliori canzoni italiane di sempre

Disclamer: fare una simile classifica è sempre una cosa sciocca. Il risultato sarà sempre e comunque sindacabile. Allora perché la faccio? Così, per ingannare il tempo e divertirmi un po. Bello sarebbe anche se desse l'inizio ad un sano dibattito. Non cadiamo nel tranello di dare il via a sterili litigi. Per chi volesse esistono già numerosi siti dove litigare.
Stilare una simile classifica non è facile ed il risultato dipende esclusivamente dai parametri che si intendono utilizzare. Quelli a cui mi andrò a riferire sono:

successo della canzoneimpatto sociale nel momento in cui è stata pubblicatalongevità del successouniversalità del messaggio e del suonoprofondità del testocapacità di superare le barriere del tempo. Ogni volta che rileggo la classifica ci farei dei cambiamenti. Questo perché certi fenomeni sociali riescono a far tornare verde un messaggio mentre altri, col tempo, perdono la loro forza. Di fronte all'attuale crisi europea, chi non ha trovato attuali le canzoni…

Stupendo - Vasco Rossi

Il testamento spirituale di Massimo Riva. Stupendo è una delle mie canzoni preferite del grande Blasco! La musica è sua, ma, questa volta, al testo ci ha messo le mani un immenso Massimo Riva. Autore già di altri testi capolavoro come "dormi dormi" e "non mi va". La canzone assume un significato ancora più forte se si considera che di li a poco il grande autore/chitarrista morirà di overdose. Morire di overdose nel 1999, più che una morte accidentale, sembra un suicidio. Questo da ancora più forza e credibilità ad un testo che parla del male di vivere e del sentirsi inadeguati per questa società marcia e corrotta. Lo voglio sottolineare perché troppo spesso abbiamo scoperto che presunti artisti maledetti, una volta spente le telecamere, facevano una vita da yuppies. Mi viene in mente qualcuno che fino a ieri cantava canzoni come "nessuno" e oggi "comunisti col rolex". Una brutta ipocrisia che rafforza ancor di più la, già sgradevole, sensazione…

Sally - Vasco Rossi

Chi è Sally. Non tutti hanno capito che, quando Vasco scrive una canzone autobiografica, si nasconde sempre dentro un alter ego femminile. Ne sono esempi canzoni come Albachiara (prima delle critiche andatevi a leggere il mio post "Albachiara non è una canzone d'amore), Jenny è pazza o brava Giulia (tanto per citarne qualcuna). Siccome continuo a ricevere insulti sui commenti, vi invito semplicemente ad andarvi a vedere la lunga intervista fatta a Bonolis dove spiega come ha scelto il nome Sally. Aggiunge pure che il suo alter ego è femminile perché "un uomo che non ha più voglia di fare la guerra" è una nullità, per cui ha scelto di nascodersi dietro un nome di donna. Io lo dicevo nel 2012 da questo blog (ma lo avevo capito molto prima), e, dopo 6 anni di futili insulti nei commenti, finalmente anche Vasco mi ha dato ragione. Non che ce ne fosse bisogno, il testo è molto chiaro, ma gli hater non sanno ascoltare. Si tratta di una delle canzoni più riuscite del rock…