Passa ai contenuti principali

Testi Sanremo 2014 - Arisa - Controvento

la cantante arisa si esibisce al festival di sanremo 2014

Arisa vincitrice del festival: io lo avevo previsto :)

Per il secondo anno consecutivo ho scelto due testi di Sanremo da pubblicare, e ancora una volta sono riuscito ad azzeccare il vincitore (la vincitrice in questo caso). Non è un caso, e non mi riferisco ad eventuali tramaci. Ma come direbbe il grande Francesco Guccini: "il pubblico è ammaestrato e non vi fa paura". Della serie, è facile riconoscere un prodotto confezionato per vincere il festival, e se a questo, si unisce una certa popolarità guadagnata dal cantante, o dalla cantante, grazie a reality e affini, la chimica è pronta!

Il testo di controvento di Arisa.

Di questa canzone mi sono imposto di analizzare solo il testo, quindi qui non troverete nessuna considerazione utile relativamente alla cantante, all'interpretazione e alla musica. Siamo tutti in attesa di vedere se Arisa avesse deciso di fare il salto di qualità, oppure di rimanere la cantante di canzonette leggere come sincerità. Il testo scritto da Giuseppe Anastasi punta su un cliché abbastanza consueto: una storia d'amore non semplice. Capire il testo non è difficile, e la parte più interessante sta nelle prime strofe, cosa abbastanza comune in questo festival della canzone italiana. Sembra quasi che gli autori non abbiano idee sufficienti per scrivere un testo completo. O forse, più semplicemente, hanno capito che gli ascoltatori non hanno pazienza sufficiente ad ascoltare un brano di 4 minuti.

Io non credo nei miracoli, meglio che ti liberi
meglio che ti guardi dentro
Questa vita lascia i lividi
questa mette i brividi
certe volte è più un combattimento
C’è quel vuoto che non sai,
che poi non dici
mai, che brucia nelle vene come se
Il mondo è contro te
e tu non sai il perché, lo
so me lo ricordo bene lo sono qui
Per ascoltare un sogno
Non parlerò
Se non ne avrai bisogno
Ma ci sarò
Perché così mi sento
Accanto a te viaggiando controvento
Risolverò
Magari poco o niente
Ma ci sarò
E questo è l’importante
Acqua sarò
Che spegnerà un momento
Accanto a te viaggiando controvento
Tanto il tempo solo lui lo sa,quando e come finirà
La tua sofferenzae il tuo lamento
C’è quel vuoto che non sai
che poi non dici mai
Che brucia nelle vene come se
Il mondo è contro te
e tu non sai il perché
Lo so me lo ricordo bene
lo sono qui
Per ascoltare un sogno
Non parlerò
Se non ne avrai bisogno
Ma ci sarò
Perché cosi mi sento
Accanto a te
viaggiando controvento
Risolverò
Magari poco o niente
Ma ci sarò
E questo è l’importante
Acqua sarò
Che spegnerà un momento
Accanto a te
Viaggiando controvento
Viaggiando controvento
Viaggiando controvento
Acqua sarò che spegnerà un momento
Accanto a te viaggiando controvento
 Il messaggio è abbastanza chiaro e diretto: c'è una persona che soffre e nelle prime righe questa sofferenza viene descritta in modo quasi poetico nella sua drammaticità: "quel vuoto che non sai, che poi non dici mai, che brucia nelle vene". E qui la vena si è già esaurita, nel senso che la nostra brava protagonista promette di stargli vicino e di aiutarlo, di camminare assieme controvento. Si perchè il "vento" è una di quelle forze della natura che non possiamo controllare, che a volte soffiano a favore, altre a sfavore, indipendentemente da noi. E quanto la vita ci soffia contro tutta la sua cattiveria, dobbiamo imparare a camminarle contro. La cosa interessante resta una: chi è questa persona che ha bisogno di aiuto? Subito verrebbe da pensare al suo compagno, ma non credo sia così. A me sembrerebbe più un figlio, lo deduco da frasi come "il mondo è contro di te e tu non sai il perchè, lo so me lo ricordo bene". Certo, chi non ricorda l'adolescenza? Quei momenti in tutto sembrava remare contro? Oppure "quel vuoto che non sai, che poi non dici mai", ovvero i ragazzi che stanno male, e a volte, senza nemmeno sapere il perchè, e che non raccontano nulla ai genitori. Il fatto poi che dal testo si evinca che questa gli voglia stare vicino sempre, tutta la vita e a tutte le condizioni, fa davvero pensare ad una madre che parla al proprio figlio. Voglio aggiungere qui quanto aggiunto da un commento anonimo a questo blog, secondo il quale la persona è affetta da una malattia incurabile (cosa di cui è certo perchè riferitagli direttamente dall'autore, Giuseppe Anastasi suppongo). Direi che ci calza perfettamente.
Bello anche il commento di Manuela, che ha perso un figlio e ci dice che lui è sempre presente, accanto a lei, anche se in silenzio!

Considerazioni sul testo di Controvento.

Che dire? Il testo non è un granchè, ma, malgrado tutto, è uno dei migliori del festival. Certo, una spanna sotto Cristiano de Anrè, ma anche una spanna sopra alla maggior parte degli altri.
Insomma, il salto di qualità che mi auspicavo, non c'è stato. Ma non si può nemmeno parlare di un flop. Direi piuttosto rimandata al prossimo album. Coraggio Arisa, ce la puoi fare, forse hai solo bisogno di collaborazioni con autori migliori.

Considerazioni sul brano in generale.

Alla luce del successo al festival tradisco il proposito iniziale e mi permetto di commentare la canzone nel suo insieme. Che dire? Arisa canta su dei motivetti così banali e scontati (degni di un carillon da bambina di 3 anni) che entrano subito in testa. L'ideale per un festival dove canzoni come "invisibili" vengono eliminate nella prima serata (e come pretendere che questo pubblico la possa comprendere al primo ascolto?). Dopo una settimana riesci ad odiarla! Conclusione: abbiamo la versione sanremese del pulcino pio!

Commenti

  1. Non sono d'accordo sulla critica al motivetto, ci sono diverse armonie belle e pizzicati che non nascono da idee banali...per quanto certo sia semplice la melodia è comunque d'effetto grazie a diversi strumenti e incastri. Paragonarla al pulcino pio mi sembra proprio fuori luogo

    RispondiElimina
  2. Ovviamente paragonarla al pulcino pio era una provocazione. Spero ben che sia meglio ;)
    Ammetto gli incastri e qualche bella melodia, ma davvero, troppo poco secondo me! Oltretutto, anche se non si nota subito, la tipa ha anche notevoli qualità vocali che andrebbero sfruttate!

    RispondiElimina
  3. Ci hai quasi preso...so per certo (racconto dell'autore), che si parla di una persona sofferente per colpa di una malattia incurabile. Di conseguenza l'altra gli sarà accanto fino alla morte; pur non essendo un aiuto che lenirà la sofferenza fisica, potrà fornirgliene uno morale.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ottimo! Procedo subito ad annotarlo sul post!

      Elimina
  4. ed io che invece sono convinta che si tratti di una perona accanto ad una malata di cancro che è sotto chemio....il fuoco nelle vene, andare contro vento...l'importanza di avere una persona accanto, amica sorella marito, madre, figlio che non sa che che fare, che dire ma solo starti accanto....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti, lo abbiamo scritto nel commento.

      Elimina
  5. Grandissima voce. La sua intonazione è spventosa !

    RispondiElimina
  6. L'ho riascoltata poco fa per caso, e me la sono dedicata. Oggi dopo che qualche giorno fa ho perso mia figlia io ci ritrovo proprio lei, Silvia, che mi permetterà di camminare controvento, contro il dolore, contro la fatica, contro il vuoto che mi ha lasciato,
    perchè
    lei è qui - Per ascoltare un sogno - Non parlerà - Se non ne avrò bisogno - Ma ci sarà - Perché cosi si sente - Accanto a me - Viaggiando controvento
    Risolverà - Magari poco o niente - Ma ci sarà - E questo è l’importante
    Acqua sarà - Che spegnerà un momento - Accanto a me
    Viaggiando controvento

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A volte solo le canzoni ci sanno dare un po' di sollievo. Coraggio Manuela! Lei è qui anche se non parlerà!

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Classifica delle 100 migliori canzoni italiane di sempre

Disclamer: fare una simile classifica è sempre una cosa sciocca. Il risultato sarà sempre e comunque sindacabile. Allora perché la faccio? Così, per ingannare il tempo e divertirmi un po. Bello sarebbe anche se desse l'inizio ad un sano dibattito. Non cadiamo nel tranello di dare il via a sterili litigi. Per chi volesse esistono già numerosi siti dove litigare.
Stilare una simile classifica non è facile ed il risultato dipende esclusivamente dai parametri che si intendono utilizzare. Quelli a cui mi andrò a riferire sono:

successo della canzoneimpatto sociale nel momento in cui è stata pubblicatalongevità del successouniversalità del messaggio e del suonoprofondità del testocapacità di superare le barriere del tempo. Ogni volta che rileggo la classifica ci farei dei cambiamenti. Questo perché certi fenomeni sociali riescono a far tornare verde un messaggio mentre altri, col tempo, perdono la loro forza. Di fronte all'attuale crisi europea, chi non ha trovato attuali le canzoni…

Stupendo - Vasco Rossi

Il testamento spirituale di Massimo Riva. Stupendo è una delle mie canzoni preferite del grande Blasco! La musica è sua, ma, questa volta, al testo ci ha messo le mani un immenso Massimo Riva. Autore già di altri testi capolavoro come "dormi dormi" e "non mi va". La canzone assume un significato ancora più forte se si considera che di li a poco il grande autore/chitarrista morirà di overdose. Morire di overdose nel 1999, più che una morte accidentale, sembra un suicidio. Questo da ancora più forza e credibilità ad un testo che parla del male di vivere e del sentirsi inadeguati per questa società marcia e corrotta. Lo voglio sottolineare perché troppo spesso abbiamo scoperto che presunti artisti maledetti, una volta spente le telecamere, facevano una vita da yuppies. Mi viene in mente qualcuno che fino a ieri cantava canzoni come "nessuno" e oggi "comunisti col rolex". Una brutta ipocrisia che rafforza ancor di più la, già sgradevole, sensazione…

Sally - Vasco Rossi

Chi è Sally. Non tutti hanno capito che, quando Vasco scrive una canzone autobiografica, si nasconde sempre dentro un alter ego femminile. Ne sono esempi canzoni come Albachiara (prima delle critiche andatevi a leggere il mio post "Albachiara non è una canzone d'amore), Jenny è pazza o brava Giulia (tanto per citarne qualcuna). Siccome continuo a ricevere insulti sui commenti, vi invito semplicemente ad andarvi a vedere la lunga intervista fatta a Bonolis dove spiega come ha scelto il nome Sally. Aggiunge pure che il suo alter ego è femminile perché "un uomo che non ha più voglia di fare la guerra" è una nullità, per cui ha scelto di nascodersi dietro un nome di donna. Io lo dicevo nel 2012 da questo blog (ma lo avevo capito molto prima), e, dopo 6 anni di futili insulti nei commenti, finalmente anche Vasco mi ha dato ragione. Non che ce ne fosse bisogno, il testo è molto chiaro, ma gli hater non sanno ascoltare. Si tratta di una delle canzoni più riuscite del rock…