Passa ai contenuti principali

Luciano Ligabue - Tu sei lei

ligabue mentre canta sul palco tu sei lei

Crescendo si cambia?

Grande rispetto per il grande rocker emiliano, anche se, ultimamente, lo trovo sempre meno rock. Occhio che questo non vuole essere un insulto, sta solo cambiando stile. Sta abbandonando la durezza delle musiche e dei testi tipici del rock, per accarezzare musiche più dolci e temi più sensibili. Un tu sei lei non ce lo potevamo certo aspettare da uno che cantava non è tempo per noi! Personalmente lo preferivo vecchio stile, ma questo è solo questione di gusto personale. Non ditemi che Ligabue in un intervista ha definito questo il "più rock dei suoi album", perchè sembra quasi averlo detto per non far sentire traditi i vecchi fans. Il titolo dell'ultimo album è Mondovisione, e lo trovo un lavoro pregevole.

Ligabue, un'anima inquieta, ha trovato l'amore eterno?

"Se un bel giorno passi di qua lasciati amare e poi scordati in fretta di me, che quel giorno è già buono per amare qualchedun altro...", così cantava il primo Ligabue. Oggi ci dice che "Di definitivo nella vita non c'è nulla, però dire ad una persona tu sei lei ci si avvicina molto". Contraddizioni? No, semplicemente si cresce. Preferisco artisti che non fingono ipocritamente di essere sempre gli stessi, ma manifestino il loro cambiamento senza vergogna. Lo stesso passaggio che hanno fatto autori come Jovanotti e Max Pezzali, e che invece non è mai riuscito a Venditti o Gino Paoli.

Non vi sbalordirà se dico che nel testo non c'è molto da capire, il testo è fin troppo chiaro, ma non rinuncia a qualche picco davvero poetico.
La frasi che più mi piacciono è "non nascondermi i difetti mentre a me piacciono tutti" e "ti guardo mentre sogni, ma mi tocca stare fuori, mi tocca solo indovinare". Lascia dedurre che dopo tanti anni e tanta intimità, non si è raggiunta ancora l'intimità totale. Lei ancora cerca di recitare, di nascondere i propri difetti e i propri sogni. Lo trovo meraviglioso, la coppia perfetta e quasi eterna non si è "seduta", non è banale. C'è ancora quel adolescenziale desiderio di mostrare, di piacere, di sembrare migliori.
Il resto del testo, come detto sopra, sembra semplice, e sembra che non ci sia tanto da capire. Almeno finchè non si vede il video.

Il video nasconde il vero significato del brano?

Una testo dovrebbe camminare da solo, senza bisogno di un video per essere capito, altrimenti è più un musical che una canzone. Eppure questo mi sembra davvero interessante, perchè stravolge il tutto. È vero che a volte lo si fa apposta, ma qui non mi sembra. Iniziamo col dire che il video mi piace, in perfetto stile Ligabue si vedono piacenti ragazze, solari e sorridenti. Il concetto di bellezza di Ligubue è straordinario. Non sta in due gambe esagerate, in una sesta di reggiseno o in un abbigliamento da puttanone tipico dei rapper. Il massimo della bellezza è il sorriso, il sorriso genuino e sincero delle persone semplici.
Nel video si vedono un sacco di coppie che si fotografano, e rende bene l'idea: ognuno ha una lei, una donna che nel momento dello scatto è l'unica, e il centro dell'obiettivo, come "lei" è il centro della sua vita. In tutto il video si vedono ragazze sorridenti e coppie felici, mentre il cantante è sempre da solo in un bar che le guarda. Il video finisce che resta lui, nella solitudine, nel silenzio, in un paesaggio che ha quasi preso i colori tipici dell'autunno. Quindi? Per Oscar Wilde l'amore perfetto esiste solo come sogno, dal momento in cui un amore diventa reale cessa di essere poesia. Non è che il cantante di "non è tempo per noi" è rimasto lo stesso di allora, e quindi stia semplicemente sognando la sua lei? È per questo che è quasi perfetta ed eterna? Perchè non esiste? Perchè è ancora poesia? È una canzone dedicata a tutti i fortunati che hanno una ragazza che gli sorride? La ragazza che lui non ha? Siamo noi che guardando gli altri in modo superficiale crediamo possa esistere una lei anche per noi, solo che non l'abbiamo ancora trovata?
Naturalmente queste domande non hanno una risposta, che dire? Ancora una volta grande Ligabue!!!

Testo di tu sei lei di Luciano Ligabue.

Dopo tutti questi anni
io non smetto di guardarti
qualche volta ancora a bocca aperta
non finisco di capire
non finisci di stupire
come non dovesse mai finire
Vuoi nascondermi i difetti
mentre a me piacciono tutti
ma non te lo vuoi sentire dire
E ti guardo mentre sogni
e mi tocca stare fuori
e mi tocca solo indovinare
Dopo tanti anni e un giorno
quando il mare sembra calmo
vieni fuori ancora tu
con quel nome da straniera
da chi è sempre stata sola
e da un po’ non deve più
Tu sei lei
tu sei lei
fra cosi tanta gente
tu sei lei
tu sei lei
e lo sei stata sempre
E quegli occhi li conosco
io li ho visti spesso nudi
ma non si vedeva mai la fine
il tuo cuore accelerato
le pupille dilatate
e non mi restituisci il cuore
Dopo tanti anni e un giorno
quando il vento sembra fermo
vieni fuori semrpe tu
con quel nome da straniera
da chi riesce a stare sola
ma da un po’ non deve più
Tu sei lei
tu sei lei
fra cosi tanta gente
tu sei lei
tu sei lei
e lo sei stata sempre
sei l’universo intero
ci ha fatto rincontrare
qualcosa di sicuro vorrà dire
tu sei lei
come sei
inesorabilmente
E mi hai salvato tante volte
da qualche tipo di altra morte
andando dritta sulla verità
e mi regali un altro giorno
in cui sembra tutto fermo
ma tutto si trasforma
tutto si conferma
e lasci il tuo profumo
come a dirmi ‘io ci sono’
Tu sei lei
tu sei lei
fra cosi tanta gente
tu sei lei
tu sei lei
e lo sei stata sempre
sei l’universo intero
ci ha fatto rincontrare
qualcosa di sicuro vorrà dire
tu sei lei
come sei
inesorabilmente

Commenti

Post popolari in questo blog

Classifica delle 100 migliori canzoni italiane di sempre

Disclamer: fare una simile classifica è sempre una cosa sciocca. Il risultato sarà sempre e comunque sindacabile. Allora perché la faccio? Così, per ingannare il tempo e divertirmi un po. Bello sarebbe anche se desse l'inizio ad un sano dibattito. Non cadiamo nel tranello di dare il via a sterili litigi. Per chi volesse esistono già numerosi siti dove litigare.
Stilare una simile classifica non è facile ed il risultato dipende esclusivamente dai parametri che si intendono utilizzare. Quelli a cui mi andrò a riferire sono:

successo della canzoneimpatto sociale nel momento in cui è stata pubblicatalongevità del successouniversalità del messaggio e del suonoprofondità del testocapacità di superare le barriere del tempo. Ogni volta che rileggo la classifica ci farei dei cambiamenti. Questo perché certi fenomeni sociali riescono a far tornare verde un messaggio mentre altri, col tempo, perdono la loro forza. Di fronte all'attuale crisi europea, chi non ha trovato attuali le canzoni…

Stupendo - Vasco Rossi

Il testamento spirituale di Massimo Riva. Stupendo è una delle mie canzoni preferite del grande Blasco! La musica è sua, ma, questa volta, al testo ci ha messo le mani un immenso Massimo Riva. Autore già di altri testi capolavoro come "dormi dormi" e "non mi va". La canzone assume un significato ancora più forte se si considera che di li a poco il grande autore/chitarrista morirà di overdose. Morire di overdose nel 1999, più che una morte accidentale, sembra un suicidio. Questo da ancora più forza e credibilità ad un testo che parla del male di vivere e del sentirsi inadeguati per questa società marcia e corrotta. Lo voglio sottolineare perché troppo spesso abbiamo scoperto che presunti artisti maledetti, una volta spente le telecamere, facevano una vita da yuppies. Mi viene in mente qualcuno che fino a ieri cantava canzoni come "nessuno" e oggi "comunisti col rolex". Una brutta ipocrisia che rafforza ancor di più la, già sgradevole, sensazione…

Sally - Vasco Rossi

Chi è Sally. Non tutti hanno capito che, quando Vasco scrive una canzone autobiografica, si nasconde sempre dentro un alter ego femminile. Ne sono esempi canzoni come Albachiara (prima delle critiche andatevi a leggere il mio post "Albachiara non è una canzone d'amore), Jenny è pazza o brava Giulia (tanto per citarne qualcuna). Siccome continuo a ricevere insulti sui commenti, vi invito semplicemente ad andarvi a vedere la lunga intervista fatta a Bonolis dove spiega come ha scelto il nome Sally. Aggiunge pure che il suo alter ego è femminile perché "un uomo che non ha più voglia di fare la guerra" è una nullità, per cui ha scelto di nascodersi dietro un nome di donna. Io lo dicevo nel 2012 da questo blog (ma lo avevo capito molto prima), e, dopo 6 anni di futili insulti nei commenti, finalmente anche Vasco mi ha dato ragione. Non che ce ne fosse bisogno, il testo è molto chiaro, ma gli hater non sanno ascoltare. Si tratta di una delle canzoni più riuscite del rock…