Passa ai contenuti principali

Quando una stella muore - Giorgia

la stella che esplode che rappresenta la fine di un amore secondo giorgia
A RAI24 news Giorgia ha dichiarato che per la prima volta ha dato più importanza al testo che al suono. E che dire? Questo non poteva che attirare la mia attenzione. Anche perchè ero curioso di scoprire se Giorgia avesse deciso di fare il salto di qualità, abbandonando i testi destinati alle ragazzine 15enni, per scrivere testi più maturi, come matura è ormai la sua voce. Il brano appartiene all'album "senza paura". Un titolo curioso, che va controcorrente, in un momento della storia in cui la paura regna sovrana. La paura del domani che, a differenza degli anni 80, non sembra dover diventare ogni giorno più roseo.
"Quando una stella muore" è un titolo interessante. Qual'è il suo significato? Tanto per cominciare vediamo cosa succede quando muore una stella: esistono due possibilità: se la stella è piccola si spegne lentamente, mentre se la stella è di grandi dimensioni (ovvero è una stella "importante") avviene la supernova. Di cosa si tratta? Di un'esplosione immensa (che da sola potrebbe vaporizzare l'intero sistema solare)! Le conseguenze di quest'esplosione sono 2: la prima è la nascita di un buco nero, la seconda è l'irraggiamento nel cosmo di particelle di atomi complessi, dai quali hanno origine i pianeti (si noti che la stella prima di esplodere è formata solo da Idrogeno, Elio, Ferro e Carbonio 12). Questa tremenda esplosione emette una straordinaria quantità di luce, visibile in altre galassie, persino a miliardi di anni luce di distanza.

E allora vediamo il testo e cerchiamo di capirlo:
Cambia il cielo
Cambia la musica dell'anima
Ma tu resti qui con me
Tra lo stomaco e i pensieri più invisibili
e da li non te ne andrai
La vita cambia idea, cambia le intenzioni
e mai nessuno sa come fa
Quando una stella muore
Che brucia ma non vuole
Un bacio se ne va
l'universo se ne accorgerà
Quando una stella muore fa male, fa male
Troppe notte sotto agli occhi porto livide
ho imparato a modo mio
a leccarmi le ferite più invisibili
perchè è così che si fa
Ma la via cambia idea e cambia le intenzioni
e mai nessuno sa come fa
Quando una stella muore
che brucia ma non vuole
un bacio se ne va
l'universo se ne accorgerà
quando una stella muore, fa male
a metà tra il destino e casa mia
arriverà la certezza che non è mai stata colpa mia
non è stata colpa mia
Un bacio se ne va
l'universo se ne accorgerà
quando una stella muore
fa male
Le prime tre strofe sono chiare: quando esplode una stella questa è facilmente visibile, anche di giorno (se è abbastanza grande e visibile naturalmente), cambiando il nostro cielo. Eppure il suo lui (la stella che muore) resta dentro di lei, tra lo stomaco (la sofferenza) e i pensieri più invisibili (come sono invisibili i buchi neri, e non è dato sapere cosa c'è dentro). E non te ne andrai, perchè un buco nero dura in eterno.  Stella che brucia e che non vuole? L'esplosione, che fa male e che è la morte della stella. Quell'esplosione che ci parte nello stomaco quando ci sentiamo dire addio. L'universo se ne accorgerà? L'impressione che si ha quando si viene lasciati, che tutto sia cambiato. "Ho imparato a modo mio a leccarmi le ferite più invisibili", ovvero la solitudine. Per quanti amici abbiamo, nessuno ci può accarezzare il cuore. La stessa solitudine dei buchi neri.
"La via cambia idee e cambia le intenzioni" unita a "arriverà la certezza che non è stata colpa mia", sta a dire che come il destino di una stella è scritto, sarà bella e ci scalderà fino all'inevitabile e dolorosa esplosione, così certi amori sono destinati a finire, e non è colpa di nessuno.
Che dire? Mi sembra un testo indovinato, originale, suonato bene e magistralmente cantato da Giorgia, che fino ad oggi avevo, forse erroneamente, sottovalutato.


Commenti

  1. Ciao, "quando una stella muore" è dedicata all'ex fidanzato di Giorgia, il grande Alex Baroni, che è davvero morto, qualche anno fa, per un brutto incidente stradale.

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Sally - Vasco Rossi

Chi è Sally. Non tutti hanno capito che quando Vasco scrive una canzone autobiografica si nasconde sempre dentro un alter ego femminile. Ne sono esempi canzoni come Albachiara (prima delle critiche andatevi a leggere il mio post "Albachiara non è una canzone d'amore), Jenny è pazza o brava Giulia, tanto per citarne qualcuna. Sally è uno di questi alter ego. Si tratta di una delle canzoni più riuscite del rocker di Zocca, tanto che egli stesso ha dichiarato in un'intervista che a volte vorrebbe fare un concerto solo per poter cantare questa canzone.

Classifica delle 100 migliori canzoni italiane di sempre

Disclamer: fare una simile classifica è sempre una cosa sciocca. Il risultato sarà sempre e comunque sindacabile. Allora perché la faccio? Così, per ingannare il tempo e divertirmi un po. Bello sarebbe anche se desse l'inizio ad un sano dibattito. Non cadiamo nel tranello di dare il via a sterili litigi. Per chi volesse esistono già numerosi siti dove litigare.
Stilare una simile classifica non è facile ed il risultato dipende esclusivamente dai parametri che si intendono utilizzare. Quelli a cui mi andrò a riferire sono:

successo della canzoneimpatto sociale nel momento in cui è stata pubblicatalongevità del successouniversalità del messaggio e del suonoprofondità del testocapacità di superare le barriere del tempo. Ogni volta che rileggo la classifica ci farei dei cambiamenti. Questo perché certi fenomeni sociali riescono a far tornare verde un messaggio mentre altri, col tempo, perdono la loro forza. Di fronte all'attuale crisi europea, chi non ha trovato attuali le canzoni…

Stupendo - Vasco Rossi

Il testamento spirituale di Massimo Riva. Stupendo è una delle mie canzoni preferite del grande Blasco! La musica è sua, ma, questa volta, al testo ci ha messo le mani un immenso Massimo Riva. Autore già di altri testi capolavoro come "dormi dormi" e "non mi va". La canzone assume un significato ancora più forte se si considera che di li a poco il grande autore/chitarrista morirà di overdose. Morire di overdose nel 1999, più che una morte accidentale, sembra un suicidio. Questo da ancora più forza e credibilità ad un testo che parla del male di vivere e del sentirsi inadeguati per questa società marcia e corrotta. Lo voglio sottolineare perché troppo spesso abbiamo scoperto che presunti artisti maledetti, una volta spente le telecamere, facevano una vita da yuppies. Mi viene in mente qualcuno che fino a ieri cantava canzoni come "nessuno" e oggi "comunisti col rolex". Una brutta ipocrisia che rafforza ancor di più la, già sgradevole, sensazione…