Passa ai contenuti principali

Fiorella Mannoia - Che sia benedetta - Sanremo 2017

Fiorella Mannoia canta che sia benedetta al festival di Sanremo 2017

Fiorella Mannoia torna al festival dopo "quello che le donne non dicono".

Forse il nome più interessante di questo sessantasettesimo festival della canzone italiana. Una grande interprete, che ha saputo superare gli anni, e che è entrata nella storia della musica italiana grazie ad alcuni brani straordinari. Impossibile non citare in questo contesto il brano composto da Enrico Ruggeri: "quello che le donne non dicono", presentato al festival di Sanremo del 1987.
All'età di 63 anni, Fiorella Mannoia si ripresenta al festival con il brano "Che sia benedetta".

Che tu sia benedetta: una canzone a Sanremo che non parla d'amore!

Tanto per cominciare non si tratta della solita canzone d'amore. Anzi, d'amore non si parla proprio, se non d'amore per la vita. Una vita che, a suo dire, va persino benedetta.
Il linguaggio del brano ha un marcato stile da copywriter, che non richiede grossi sforzi di comprensione, ma che si  concentra sulla frase efficace. In sintesi, difronte alle varie crisi che inevitabilmente ci travolgono nella vita, ci esorta a non perdersi d'animo. A pensare che, una volta tirate le somme, la vita vale certamente la pena di essere vissuta. Persino quando ci sembra incomprensibile, persino quando ci domandiamo che senso abbia. Per quanto incomprensibile la vita è comunque perfetta! Non che si debba per forza essere d'accordo con l'autore, sia chiaro, ma questo è il messaggio che cerca di trasmettere.

Il tempo perso secondo Fiorella Mannoia.

Non mi dilungherei oltre nelle spiegazioni, come dicevo basta ascoltarla, non è difficile, voglio solo riportare un paio di frasi che mi hanno colpito di più. La prima: "Quante volte ho rovesciato la clessidra - Questo tempo non è sabbia ma è la vita che passa che passa.!". Mi piace soprattutto il contrasto: girare la clessidra sa di noia, di tempo che passa inutilmente, ed è qui che si sbaglia! L'esortazione è di vivere intensamente il presente, di non sprecare il nostro tempo! La seconda: Ho sbagliato tante volte nella vita - Chissà quante volte ancora sbaglierò. Forse una frase già sentita, ma inquadra perfettamente il contesto della canzone. La vita è perfetta malgrado gli errori che noi esseri umani possiamo commettere.

Considerazioni su questo testo di Fiorella Mannoia.

Che dire di questo testo? Non è dei miei! Troppo buono, troppo ottimista, troppo conformista. Sembra quasi un canto dell'azione cattolica. Ma questi sono i miei gusti, i gusti di una persona "reduce" dall'onda '77 e dal quel movimento Punk che voleva distruggere tutto. Al netto dei miei gusti personali lo trovo un testo ben scritto, abbastanza originale e che si discosta dal solito cuore/amore del festival di Sanremo. In bocca al lupo Fiorella!
Testo della canzone "Che sia benedetta" di Fiorella Mannoia.
Ho sbagliato tante volte nella vita
Chissà quante volte ancora sbaglierò
In questa piccola parentesi infinita quante volte ho chiesto scusa e quante no.
È una corsa che decide la sua meta quanti ricordi che si lasciano per strada
Quante volte ho rovesciato la clessidra
Questo tempo non è sabbia ma è la vita che passa che passa.
Che sia benedetta
Per quanto assurda e complessa ci sembri la vita è perfetta
Per quanto sembri incoerente e testarda se cadi ti aspetta
Siamo noi che dovremmo imparare a tenercela stretta
Tenersela stretta
Siamo eterno siamo passi siamo storie
Siamo figli della nostra verità
E se è vero che c’è un Dio e non ci abbandona
Che sia fatta adesso la sua volontà
In questo traffico di sguardi senza meta
In quei sorrisi spenti per la strada
Quante volte condanniamo questa vita
Illudendoci d’averla già capita
Non basta non basta
Che sia benedetta
Per quanto assurda e complessa ci sembri la vita è perfetta
Per quanto sembri incoerente e testarda se cadi ti aspetta
Siamo noi che dovremmo imparare a tenercela stretta a tenersela stretta
A chi trova se stesso nel proprio coraggio
A chi nasce ogni giorno e comincia il suo viaggio

Commenti

Post popolari in questo blog

Sally - Vasco Rossi

Chi è Sally. Non tutti hanno capito che quando Vasco scrive una canzone autobiografica si nasconde sempre dentro un alter ego femminile. Ne sono esempi canzoni come Albachiara (prima delle critiche andatevi a leggere il mio post "Albachiara non è una canzone d'amore), Jenny è pazza o brava Giulia, tanto per citarne qualcuna. Sally è uno di questi alter ego. Si tratta di una delle canzoni più riuscite del rocker di Zocca, tanto che egli stesso ha dichiarato in un'intervista che a volte vorrebbe fare un concerto solo per poter cantare questa canzone.

Classifica delle 100 migliori canzoni italiane di sempre

Disclamer: fare una simile classifica è sempre una cosa sciocca. Il risultato sarà sempre e comunque sindacabile. Allora perché la faccio? Così, per ingannare il tempo e divertirmi un po. Bello sarebbe anche se desse l'inizio ad un sano dibattito. Non cadiamo nel tranello di dare il via a sterili litigi. Per chi volesse esistono già numerosi siti dove litigare.
Stilare una simile classifica non è facile ed il risultato dipende esclusivamente dai parametri che si intendono utilizzare. Quelli a cui mi andrò a riferire sono:

successo della canzoneimpatto sociale nel momento in cui è stata pubblicatalongevità del successouniversalità del messaggio e del suonoprofondità del testocapacità di superare le barriere del tempo. Ogni volta che rileggo la classifica ci farei dei cambiamenti. Questo perché certi fenomeni sociali riescono a far tornare verde un messaggio mentre altri, col tempo, perdono la loro forza. Di fronte all'attuale crisi europea, chi non ha trovato attuali le canzoni…

Stupendo - Vasco Rossi

Il testamento spirituale di Massimo Riva. Stupendo è una delle mie canzoni preferite del grande Blasco! La musica è sua, ma, questa volta, al testo ci ha messo le mani un immenso Massimo Riva. Autore già di altri testi capolavoro come "dormi dormi" e "non mi va". La canzone assume un significato ancora più forte se si considera che di li a poco il grande autore/chitarrista morirà di overdose. Morire di overdose nel 1999, più che una morte accidentale, sembra un suicidio. Questo da ancora più forza e credibilità ad un testo che parla del male di vivere e del sentirsi inadeguati per questa società marcia e corrotta. Lo voglio sottolineare perché troppo spesso abbiamo scoperto che presunti artisti maledetti, una volta spente le telecamere, facevano una vita da yuppies. Mi viene in mente qualcuno che fino a ieri cantava canzoni come "nessuno" e oggi "comunisti col rolex". Una brutta ipocrisia che rafforza ancor di più la, già sgradevole, sensazione…