Passa ai contenuti principali

Sono sempre i sogni a dare forma al mondo - Luciano Ligabue

Luciano Ligabue, sono sempre i sogni a dare forma al mondo

Ligabue e un testo che parla di sogni.

Con "mondovisione" Luciano Ligabue si è ripreso il suo ruolo tra i grandi cantautori italiani. Qui vi presentiamo l'ultimo estratto dell'album dal titolo "sono sempre i sogni a dare forma al mondo". Un pezzo che ricorda, almeno nel testo, il sano vecchio Ligabue. Un testo gradevole e molto dolce, che si distacca dal tono polemico dominante negli ultimi lavori. Un testo a modo suo ottimista, ma mai ingenuo. L'autore vede come in una società corrotta e malata, dove c'è molta sofferenza, sia ancora possibile trovare la felicità. Felicità che non va cercata nella ricchezza o nella fortuna, ma nei sogni, perché, a detta dell'artista, sono i sogni a dare forma al mondo. Sogni che appartengono a tutti, ai fortunati, a quelli meno fortunati ed anche a coloro che ti dicono che i sogni non servono a vivere bene.

Sognare con umiltà.

Io non lo so
quanto tempo abbiamo
quanto ne rimane
io non lo so
chi c'è dall'altra parte
non lo so per certo
se ogni nuvola è diversa
so che nessuna è come te
La modestia, almeno per quanto riguarda i testi, di Luciano Ligabue, emerge sempre. Non si innalza a maestro di vita, anzi, fa quasi sfoggio della sua ingenuità o ignoranza, cercando di farci capire come la felicità vada spesso cercata nelle cose semplici. Nel primo paragrafo quello che si dice è che, se anche esistono un sacco di vite e di persone straordinarie nel mondo, ogni persona, ogni vita, ogni storia è unica, esattamente come ogni nuvola è diversa da un'altra, indipendentemente che si tratti di una nuvola da uragano o una nuvoletta estiva.
Io non lo so
se è così sottile
il filo che ci tiene
io non lo so
che cosa manca ancora
io non lo so
se sono dentro o fuori
se mi metto in pari
so che ogni lacrima è diversa
so che nessuna è come te

Ogni persona è unica. 

Si resta sul concetto del primo paragrafo. Qui si sottolinea che non solo le persone sono tutte diverse, ma anche, e soprattutto, i sentimenti. Toccante la frase: "so che ogni lacrima è diversa".
Sono sempre i sogni a dare forma al mondo
sono sempre i sogni a fare la realtà
sono sempre i sogni a dare forma al mondo
e sogna chi ti dice che non è così
e sogna chi non crede che sia tutto qui

La realtà è come noi la sogniamo.

Un concetto molto antico questo, già esplorato dai filosofi dell'800 e, prima ancora, dalla filosofia orientale, come quella buddista. In realtà il mondo non è una cosa oggettiva fatta di materia, ma è una nostra interpretazione. Siamo noi, con i nostri sensi, con la nostra immaginazione, con la nostra fantasia a dargli una forma e, soprattutto, un valore emotivo.
Io non lo so
se è già tutto scritto
come è stato scritto
io non lo so
che cosa viene dopo
io non lo so
se ti tieni stretto
ogni tuo diritto
so che ogni attimo è diverso
so che nessuno è come te

Ogni momento della nostra vita è unico.

Non solo ogni vita e ogni persona è diversa da ogni altra, ma anche ogni attimo della nostra vita è diverso da ogni altro attimo, ecco perché ce lo dovremmo sempre tenere stretto e non lasciarlo scappare inutilmente. 
E a giornata finita
a stanchezza salita
a salute brindata
provi a fare i conti

A giornata finita
alla fine capita
a preghiera pensata
tu ti prendi il tempo
Come sopra. Ogni giornata che hai passato, bella o brutta che sia, è stata una giornata unica. Ricordatelo. Dagli il valore che si merita.

Ligabue continua a sognare.

A tutto questo, come nella tradizione di Ligabue, viene inserita una nota di ottimismo: "e sogna chi non crede che sia tutto qui". Frase già sentita in altre canzoni, come la grande "non è tempo per noi". Sta a dire che sognare è l'unico strumento di salvezza per chi è insoddisfatto dalla vita. E il cantautore bolognese ci ricorda che, non solo sognare non è un'abitudine da bambino ingenuo, ma è lecito e, forse, anche la sola ancora di salvezza.

Commenti

Post popolari in questo blog

Classifica delle 100 migliori canzoni italiane di sempre

Disclamer: fare una simile classifica è sempre una cosa sciocca. Il risultato sarà sempre e comunque sindacabile. Allora perché la faccio? Così, per ingannare il tempo e divertirmi un po. Bello sarebbe anche se desse l'inizio ad un sano dibattito. Non cadiamo nel tranello di dare il via a sterili litigi. Per chi volesse esistono già numerosi siti dove litigare.
Stilare una simile classifica non è facile ed il risultato dipende esclusivamente dai parametri che si intendono utilizzare. Quelli a cui mi andrò a riferire sono:

successo della canzoneimpatto sociale nel momento in cui è stata pubblicatalongevità del successouniversalità del messaggio e del suonoprofondità del testocapacità di superare le barriere del tempo. Ogni volta che rileggo la classifica ci farei dei cambiamenti. Questo perché certi fenomeni sociali riescono a far tornare verde un messaggio mentre altri, col tempo, perdono la loro forza. Di fronte all'attuale crisi europea, chi non ha trovato attuali le canzoni…

Stupendo - Vasco Rossi

Il testamento spirituale di Massimo Riva. Stupendo è una delle mie canzoni preferite del grande Blasco! La musica è sua, ma, questa volta, al testo ci ha messo le mani un immenso Massimo Riva. Autore già di altri testi capolavoro come "dormi dormi" e "non mi va". La canzone assume un significato ancora più forte se si considera che di li a poco il grande autore/chitarrista morirà di overdose. Morire di overdose nel 1999, più che una morte accidentale, sembra un suicidio. Questo da ancora più forza e credibilità ad un testo che parla del male di vivere e del sentirsi inadeguati per questa società marcia e corrotta. Lo voglio sottolineare perché troppo spesso abbiamo scoperto che presunti artisti maledetti, una volta spente le telecamere, facevano una vita da yuppies. Mi viene in mente qualcuno che fino a ieri cantava canzoni come "nessuno" e oggi "comunisti col rolex". Una brutta ipocrisia che rafforza ancor di più la, già sgradevole, sensazione…

Sally - Vasco Rossi

Chi è Sally. Non tutti hanno capito che, quando Vasco scrive una canzone autobiografica, si nasconde sempre dentro un alter ego femminile. Ne sono esempi canzoni come Albachiara (prima delle critiche andatevi a leggere il mio post "Albachiara non è una canzone d'amore), Jenny è pazza o brava Giulia (tanto per citarne qualcuna). Siccome continuo a ricevere insulti sui commenti, vi invito semplicemente ad andarvi a vedere la lunga intervista fatta a Bonolis dove spiega come ha scelto il nome Sally. Aggiunge pure che il suo alter ego è femminile perché "un uomo che non ha più voglia di fare la guerra" è una nullità, per cui ha scelto di nascodersi dietro un nome di donna. Io lo dicevo nel 2012 da questo blog (ma lo avevo capito molto prima), e, dopo 6 anni di futili insulti nei commenti, finalmente anche Vasco mi ha dato ragione. Non che ce ne fosse bisogno, il testo è molto chiaro, ma gli hater non sanno ascoltare. Si tratta di una delle canzoni più riuscite del rock…