Passa ai contenuti principali

Quello che le donne non dicono - Fiorella Mannoia, Enrico Ruggeri

Enrico Ruggeri autore di Quello che le donne non dicono

Enrico Ruggeri e l'anima delle donne

Non sono propriamente un fans di Enrico Ruggeri, ma non posso negare che molte delle più belle canzoni della musica italiane portino la sua firma. Non mi riferisco solo a pezzi cantanti da lui, ma anche a brani interpretati da altri, basti pensare al "mare d'inverno" scritto per Loredana Bertè. Questo splendido regalo che l'autore ha fatto a Fiorella Mannoia è un vero capolavoro! A volte, riascoltandolo, mi domando come faccia Ruggeri a scavare così a fondo nell'animo delle donne. Ad arricchire questo, per altro già pregevole, lavoro ci ha pensato Fiorella Mannoia, con un'interpretazione da oscar!

Fiorella Mannoia interprete di Quello che le donne non dicono

La solitudine delle donne.

Spiegare il testo non è difficile, basta capire il contesto, o meglio, chi è che canta. Non la cantante ovviamente, ma il personaggio che si cela dietro al brano. Si tratta di una donna non più giovane, non più avvenente come ad un tempo, che soffre di solitudine. Le frasi che ce lo fanno capire sono molte, tutte poetiche e molto delicate nella forma, come la frase d'esordio: "ci fanno compagnia certe lettere d'amore", ovvero nella solitudine è facile cercare conforto nelle frasi che ci venivano scritte in gioventù. Anche la frase: "e dalle macchine per noi i complimenti del play boy, ma non li sentiamo più se c'è chi non ce li fa più" rende l'idea, anzi, la trovo doppiamente bella. Da un lato sottolinea ancora l'età, dall'altro crea un raffinato contrasto, l'autore (ma sarebbe più corretto dire l'autrice) prova nostalgia per i complimenti che le venivano fatti dalla macchina dei passanti, ne sente la mancanza, malgrado all'epoca fossero considerati fastidiosi e volgari.

L'amore non conosce età.

Un'altra frase molto efficace è "cambia il vento, ma noi no", ovvero, non siamo più come una volta, fisicamente, ma siamo sempre uguali, sempre desiderose d'amore. Ma la frase attorno alla quale gira tutta la canzone è senz'altro la più interessante: "ma se diciamo una bugia è una mancata verità". La bugia non è una frase detta, la bugia è l'atteggiamento. L'atteggiamento della donna che deve sembrare deferente verso le avance e verso i facili complimenti, ma che nella realtà li gradisce, ne sente la mancanza e il bisogno. Si tratta quindi di un esortazione verso il mondo maschile, di continuare a corteggiare le donne, anche se queste fingono di non volerlo.

La differenza tra una bugia e una mancata verità.

Commovente poi è il paragrafo:"... ma potrai trovarci ancora qui, nelle sere tempestose, portaci delle rose, nuove cose e ti diremo ancora un altro si". Ovvero: "siamo ancora capaci di amare, vogliamo ancora amare, l'amore non è solo una cosa da adolescenti. Quindi provaci ancora ed io, ancora una volta, ti dirò di si. E se in un primo impatto ti dovessi scoraggiare non rinfacciarmelo, era una bugia o, meglio, una mancata verità.

Testo di quello che le donne non dicono di Fiorella Mannoia ed Enrico Ruggeri.

Ci fanno compagnia certe lettere d'amore
parole che restano con noi,
e non andiamo via
ma nascondiamo del dolore
che scivola, lo sentiremo poi,
abbiamo troppa fantasia, e se diciamo una bugia
è una mancata verità che prima o poi succederà
cambia il vento ma noi no
e se ci trasformiamo un po'
è per la voglia di piacere a chi c'è già o potrà arrivare a stare con noi,
siamo così
è difficile spiegare
certe giornate amare, lascia stare, tanto ci potrai trovare qui,
con le nostre notti bianche,
ma non saremo stanche neanche quando ti diremo ancora un altro "si".
In fretta vanno via della giornate senza fine,
silenzi che familiarità,
e lasciano una scia le frasi da bambine
che tornano, ma chi le ascolterà...
E dalle macchine per noi
i complimenti dei playboy
ma non li sentiamo più
se c'è chi non ce li fa più
cambia il vento ma noi no
e se ci confondiamo un po'
è per la voglia di capire chi non riesce più a parlare
ancora con noi.
Siamo così, dolcemente complicate,
sempre più emozionate, delicate ,
ma potrai trovarci ancora quì
nelle sere tempestose
portaci delle rose
nuove cose
e ti diremo ancora un altro "si",
è difficile spiegare
certe giornate amare, lascia stare, tanto ci potrai trovare qui,
con le nostre notti bianche,
ma non saremo stanche neanche quando ti diremo ancora un altro "si"

Commenti

  1. La canzone piu bella di Fiorella Mannoia è, per me, "Le notti di Maggio" di Ivano Fossati. Bellissima la nuova versione, tra l'altro simile all'originale, contenuta nell'album "Fiorella".

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Canzone meravigliosa, una delle migliori canzoni italiane di sempre. Ma per me "quello che le donne non dicono" resta irraggiungibile

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Sally - Vasco Rossi

Chi è Sally. Non tutti hanno capito che quando Vasco scrive una canzone autobiografica si nasconde sempre dentro un alter ego femminile. Ne sono esempi canzoni come Albachiara (prima delle critiche andatevi a leggere il mio post "Albachiara non è una canzone d'amore), Jenny è pazza o brava Giulia, tanto per citarne qualcuna. Sally è uno di questi alter ego. Si tratta di una delle canzoni più riuscite del rocker di Zocca, tanto che egli stesso ha dichiarato in un'intervista che a volte vorrebbe fare un concerto solo per poter cantare questa canzone.

Classifica delle 100 migliori canzoni italiane di sempre

Disclamer: fare una simile classifica è sempre una cosa sciocca. Il risultato sarà sempre e comunque sindacabile. Allora perché la faccio? Così, per ingannare il tempo e divertirmi un po. Bello sarebbe anche se desse l'inizio ad un sano dibattito. Non cadiamo nel tranello di dare il via a sterili litigi. Per chi volesse esistono già numerosi siti dove litigare.
Stilare una simile classifica non è facile ed il risultato dipende esclusivamente dai parametri che si intendono utilizzare. Quelli a cui mi andrò a riferire sono:

successo della canzoneimpatto sociale nel momento in cui è stata pubblicatalongevità del successouniversalità del messaggio e del suonoprofondità del testocapacità di superare le barriere del tempo. Ogni volta che rileggo la classifica ci farei dei cambiamenti. Questo perché certi fenomeni sociali riescono a far tornare verde un messaggio mentre altri, col tempo, perdono la loro forza. Di fronte all'attuale crisi europea, chi non ha trovato attuali le canzoni…

Stupendo - Vasco Rossi

Il testamento spirituale di Massimo Riva. Stupendo è una delle mie canzoni preferite del grande Blasco! La musica è sua, ma, questa volta, al testo ci ha messo le mani un immenso Massimo Riva. Autore già di altri testi capolavoro come "dormi dormi" e "non mi va". La canzone assume un significato ancora più forte se si considera che di li a poco il grande autore/chitarrista morirà di overdose. Morire di overdose nel 1999, più che una morte accidentale, sembra un suicidio. Questo da ancora più forza e credibilità ad un testo che parla del male di vivere e del sentirsi inadeguati per questa società marcia e corrotta. Lo voglio sottolineare perché troppo spesso abbiamo scoperto che presunti artisti maledetti, una volta spente le telecamere, facevano una vita da yuppies. Mi viene in mente qualcuno che fino a ieri cantava canzoni come "nessuno" e oggi "comunisti col rolex". Una brutta ipocrisia che rafforza ancor di più la, già sgradevole, sensazione…