Passa ai contenuti principali

Fiera della Musica di Azzano Decimo

fiera della musica con morcheeba tom tom club persiana jones rumetera

Morcheeba - Tom Tom Club - Persiana Jones - Rumatera: Davide batte Golia.

Si è conclusa ieri la fiera della musica di Azzano Decimo con il concerto dei Rumatera in piazza Libertà. 

Tom Tom Club.

La rassegna si è aperta sabato con il concerto dei Tom Tom Club che hanno fatto da spalla ai Morcheeba. Prestazione clamorosamente scadente: a parte qualche biondina sul palco, il risultato è stato di gran lunga al di sotto delle aspettative. Ciò che lasciava davvero allibiti era la mediocrità vocale del gruppo. Senza voce e pure con diverse stonature.

Morcheeba.

Alle 22 passate i Morcheeba entrano nel palco. Di fronte ad un pubblico piuttosto annoiato la cantante si è distinta per la sua voce eccellente e per un'indiscussa presenza scenica. Peccato che questo non sia bastato a colmare le lacuna di un'orchestrina pop che la accompagnava e di un palcoscenico abbastanza scontato. A deludere definitivamente i presenti paganti, il fatto che il concerto sia terminato pochi minuti dopo le 11. Un'ora di spettacolo (per giunta mediocre) è davvero troppo poco per chi aspettava dal pomeriggio, con alle spalle magari diversi Kilometri.

Persiana Jones.

La domanica la palla passa ai Persiana Jones. Sottostimati al tal punto che l'organizzazione ha concesso l'ingresso gratuito, il gruppo ska torinese ha tenuto banco per oltre un ora grazie a grande musica, grande presenza scenica e tanta energia. Il pubblico, che il giorno prima sbadigliava vistosamente, appariva divertito e partecipe. Molti ballavano e qualcuno ha accennato anche ad un pogo.

Rumatera.

Il gruppo Veneto arrivava in paese accolto dalle polemiche. L'ex assessore leghista, nonchè padre della fiera della musica, contestava la presenza ad Azzano di un gruppo con parolacce nei testi. Peccato questo voltafaccia da parte di un politico che aveva fatto arrivare in paese personaggi Johnny Rotten ed Iggy Pop. Ma si sa, si cresce e spesso certe scelte entrano a fare parte degli errori di gioventù.
Ad ogni modo ai Rumatera toccava il difficile compito di tenere sveglio un pubblico già caricato dai Persiana Jones, e si sa che questo tipo di confronti spesso mettono in difficoltà. Ebbene, il giovane gruppo Veneto ha dimostrato di non aver nessun complesso di inferiorità ed ha aggiunto nuova adrenalina a quella già ampiamente versata da chi li ha preceduti.
Che dire? Alla fine i gruppi della domenica, che hanno suonato senza chiedere il biglietto, si sono dimostrati di gran lunga superiori ai gruppi del sabato. Serva da lezione alle amministrazioni che continuano a strapagare star straniere, e faticano ad attingere alla nutrita schiera di band italiane, che spesso hanno ben poco da invidiare.

Commenti

Post popolari in questo blog

Classifica delle 100 migliori canzoni italiane di sempre

Disclamer: fare una simile classifica è sempre una cosa sciocca. Il risultato sarà sempre e comunque sindacabile. Allora perché la faccio? Così, per ingannare il tempo e divertirmi un po. Bello sarebbe anche se desse l'inizio ad un sano dibattito. Non cadiamo nel tranello di dare il via a sterili litigi. Per chi volesse esistono già numerosi siti dove litigare.
Stilare una simile classifica non è facile ed il risultato dipende esclusivamente dai parametri che si intendono utilizzare. Quelli a cui mi andrò a riferire sono:

successo della canzoneimpatto sociale nel momento in cui è stata pubblicatalongevità del successouniversalità del messaggio e del suonoprofondità del testocapacità di superare le barriere del tempo. Ogni volta che rileggo la classifica ci farei dei cambiamenti. Questo perché certi fenomeni sociali riescono a far tornare verde un messaggio mentre altri, col tempo, perdono la loro forza. Di fronte all'attuale crisi europea, chi non ha trovato attuali le canzoni…

Stupendo - Vasco Rossi

Il testamento spirituale di Massimo Riva. Stupendo è una delle mie canzoni preferite del grande Blasco! La musica è sua, ma, questa volta, al testo ci ha messo le mani un immenso Massimo Riva. Autore già di altri testi capolavoro come "dormi dormi" e "non mi va". La canzone assume un significato ancora più forte se si considera che di li a poco il grande autore/chitarrista morirà di overdose. Morire di overdose nel 1999, più che una morte accidentale, sembra un suicidio. Questo da ancora più forza e credibilità ad un testo che parla del male di vivere e del sentirsi inadeguati per questa società marcia e corrotta. Lo voglio sottolineare perché troppo spesso abbiamo scoperto che presunti artisti maledetti, una volta spente le telecamere, facevano una vita da yuppies. Mi viene in mente qualcuno che fino a ieri cantava canzoni come "nessuno" e oggi "comunisti col rolex". Una brutta ipocrisia che rafforza ancor di più la, già sgradevole, sensazione…

Sally - Vasco Rossi

Chi è Sally. Non tutti hanno capito che, quando Vasco scrive una canzone autobiografica, si nasconde sempre dentro un alter ego femminile. Ne sono esempi canzoni come Albachiara (prima delle critiche andatevi a leggere il mio post "Albachiara non è una canzone d'amore), Jenny è pazza o brava Giulia (tanto per citarne qualcuna). Siccome continuo a ricevere insulti sui commenti, vi invito semplicemente ad andarvi a vedere la lunga intervista fatta a Bonolis dove spiega come ha scelto il nome Sally. Aggiunge pure che il suo alter ego è femminile perché "un uomo che non ha più voglia di fare la guerra" è una nullità, per cui ha scelto di nascodersi dietro un nome di donna. Io lo dicevo nel 2012 da questo blog (ma lo avevo capito molto prima), e, dopo 6 anni di futili insulti nei commenti, finalmente anche Vasco mi ha dato ragione. Non che ce ne fosse bisogno, il testo è molto chiaro, ma gli hater non sanno ascoltare. Si tratta di una delle canzoni più riuscite del rock…