Passa ai contenuti principali

'O scarrafone - Pino Daniele

pino daniele giovane canta o scarrafone

Pino Daniele e i valori del napoletano ingenuo.

Pino Daniele ci ha lasciati. Ci ha lasciati e lascia dietro di se uno strascico di polemiche, dubbi, liti familiari, che sono addirittura sfociate in un'inchiesta per omicidio colposo. Fine ingloriosa per un artista che durante tutta la sua lunga carriera ha sempre scelto di essere defilato, di evitare il jet set, le polemiche e gli scandali. Per fortuna, oltre ai gossip di questi giorni, il grande artista napoletano, ci ha lasciato in eredità un grande patrimonio musicale. Una storia artistica nata dalla sua Napoli e dalle sue tradizioni, arricchita ispirandosi al genio di Alan Sorrenti, alla quale ha aggiunto grandi virtuosismi, arrivati ad un tale livello da riuscire a portarsi sul palco personaggi come Eric Clapton e Pat Metheny. La canzone che ho scelto per questo blog è 'O Scarrafone, non perchè sia la miglore o la più famosa, ma perchè è quella maggiormente legata ai miei ricordi di gioventù. Ricordo che olre al consueto pubblico di nicchia, il brano raggiunse un buon successo commerciale, tanto da essere suonata spesso anche nelle discoteche.


Razzismo e ingenuità.

La canzone fonde inseme due temi: l'ingenuità e il razzismo. Due temi tra loro contrastanti, ma che l'artista riesce a fondere perfettamente. L'ingenuità di un Napoletano emigrato al nord "Accidenti a questa nebbia, te set andre a laurà", una tipica espressione dei napoletani, che lamentano che nella pianura padana c'è sempre nebbia (e naturalmente al fatto di essersi trovati li in cerca di lavoro). Mentre "questa Lega è una vergogna, noi crediamo alla cicogna" è un chiaro rifermento all'allora nascente movimento leghista, che attaccava duramente i lavoratori meridionali. Il riferimento al razzismo è confermato dalla frase "e se hai la pelle nera, amico guardati la schiena". L'ingenuità del punto di vista dell'autore è la risposta ai razzisti: noi siamo gente semplice, che crediamo ancora nella cicogna. Gente che lavora, ma che tutta la settimana aspetta il sabato perchè il giorno dopo non si lavora (o non si va a scuola). Lo dice senza vergogna (aver poca voglia di lavorare è visto di brutt'occhio qua al nord), e lui, ingenuo, lo dice pubblicamente.

Ogni scarrafone è bella alla sua mamma.

Si tratta di un proverbio, esistente praticamente in tutte le lingue. E' molto semplice e immediato: lo scarrfaone è l'animale brutto per antonomasia, ma alla sua mamma pure lui sembra bello. In altre parole, i nostri bambini, i nostri affetti, i nostri compagni di vita ci sembreranno sempre i migliori del mondo. Ed è giusto che sia così. Quindi basta confrontarsi con gli altri o commentare gli affetti altrui, alla fine ognuno nel suo piccolo è contornato dalle persone più belle del mondo.
'o scarrafone 'o scarrafone

Ogni scarrafone è bello a mamma soja - Testo

Accidenti a questa nebbia
te set adre a laurà
questa Lega è una vergogna
noi crediamo alla cicogna
e corriamo da mammà
Oggi è sabato
e domani non si va a scuola
oggi è sabato
se non chiami ho un nodo in gola
oggi è sabato
e forse è un giorno speciale
oggi è sabato meno male

'O scarrafone 'o scarrafone
ogni scarrafone è bello a mamma soja

E se hai la pelle nera
amico guardati la schiena
io son stato marocchino
me l'han detto da bambino
viva viva 'o Senegal
Oggi è sabato
e domani non si va a scuola...

'O scarrafone 'o scarrafone
ogni scarrafone è bello a mamma soja

Commenti

Post popolari in questo blog

Sally - Vasco Rossi

Chi è Sally. Non tutti hanno ancora capito che quando Vasco scrive una canzone autobiografica si nasconde sempre dentro un alter ego femminile. Ne sono esempi canzoni come Albachiara (il cantante di Zocca che parla della sua diversità) o Jenny è pazza (il cantante che, come molti adolescenti, passa le ore chiuso in camera, inducendo gli altri a credere nella sua pazzia). Sally è uno di questi alter ego. Si tratta di una delle canzoni più riuscite del rocker, tanto che egli stesso ha dichiarato in un'intervista che a volte vorrebbe fare un concerto solo per cantare questo brano.

My way - traduzione e significato testo

Non ho specificato My way - Frank Sinatra poichè il testo è stato scritto da Paul Anka sulle note di "Comme d'habitude" di Claude Francois. Però il cantante canadese non si è limitato a tradurre il brano, ma lo ha riscritto da capo. Il testo di Paul Anka è quello che canteranno Elvis Presley, Mirelle Mathieu, Nina Hagen, Michael Buble, Sid Vicius e, naturlamente, The Voice. Noi faremo riferimento a questa versione.

Stupendo - Vasco Rossi

Il testamento spirituale di Massimo Riva. Questa è una delle mie preferite. La musica è del grande cantautore, ma, questa volta, al testo ci ha messo le mani il grandissimo Massimo Riva. Autore già di altri testi capolavoro come "dormi dormi" e "non mi va". La canzone assume un significato ancora più forte se si considera che di li a poco il grande autore/chitarrista morirà di overdose. Lo voglio sottolineare perchè troppo spesso abbiamo scoperto che presunti artisti maledetti, una volta spente le telecamere, facevano una vita da yuppies. Una brutta ipocrisia che rafforza ancor di più la, già sgradevole, sensazione di essere soli ed incompresi. Massimo riva in questo brano ha posto l'accento sul proprio malessere, sul male di vivere in una società che non condivideva i suoi valori. Di provare, letteralmente, il vomito nel vedere come molti dei ribelli degli anni 70 si sia perfettamente integrati in questo modello di potere. La sua morte/suicidio è stato come u…