Passa ai contenuti principali

Io prima di te - Eros Ramazzotti

eros ramazzotti canta io prima di te
Ecco che uno dei cantautori che ha reso grande la musica italiana nel mondo, torna con un nuovo pezzo. Un po a sorpresa, visto che in questi giorni eri prevista la ristampa dell'album precedente, cosa che faceva presagire che un altro anno di pausa creativa.
Il nuovo singolo si intitola "io prima di te", e ci parla, tanto per cambiare, di una donna. Argomento ormai solito quando si parla di Eros Ramazzotti, che ormai ha da tempo abbandonato tematica sociali, quanto originali, tipiche dei suoi eserdi. Mi riferisco a canzoni come "adesso tu" o "una terra promessa".
La musica forse è la prima cosa che che ci colpisce, un suono si sintetizzatori che ricorda molto la musica da discoteca, quella appartenente al genere "commerciale" per capirci, e con arrangiamenti praticamente assenti. Quasi che il brano fosse stato raffazzonato in pochi minuti.

Più interessante il testo (che potete leggere sotto), anche se forse davvero troppo semplicino. Sembra quasi un testo scolastico, ma in ogni caso non da buttare. Si parla di una donna, ma al centro della canzone c'è il cantante stesso. Parla di se prima di aver conosciuto la sua lei, e lo fa descrivendosi come un qualcosa di incompiuto. Una lacrima sospesa, ovvero un quasi pianto, un sorriso a denti stretti, ovvero un sorriso senza serenità, neve all'equatore, ovvero una cosa bella nel posto sbagliato, per concludere con la frase più bella della canzone: "avevo tutto e non ero niente". 
Una vita in sospeso, che trova il suo compimento solo quando arriva questa donna, che da un significato a tutto.
Una canzone che ha una forte vena d'ottimismo, cosa che sembrava scomparsa dalla musica italiana, e che va estesa a tutti gli ambiti della vita. Spesso guardando il frutto del nostro lavoro, per quanto pregevole, non siamo soddisfatti. Ebbene, forse abbiamo solo bisogno di quella donna, quell'evento, quella "cosa" che dia un senso al tutto.
Una lacrima sospesa
che non voleva scendere,
un sorriso a denti stretti,
questo prima di te...
prima di te
Ero neve all'equatore,
indeciso su di me
avevo tutto ed ero niente
io prima di te...
prima di te.
Ero una bandiera ferma,
che aspettava il vento
come un sorso d'acqua pura
che scorre in gola.
Tu mi stupisci ancora
in tutto quel che fai
mi meravigli ancora
quando non eri mia
come la prima ora
Tu non lo sai ma non
ci credevo più...
io prima di te.
Ero rabbia e perdono
la paura che si ha
di non essere più capaci
di amare prima di te..
prima di te
C'era un bacio lì a mezz'aria che si era perso,
come il primo giorno a scuola,
tu....tu mi stupisci ancora,
in tutto quel che fai
mi meravigli ancora,
quando non eri mia
come la prima ora
Tu non lo sai,
ma non ci credevo più
io prima di te..io prima di te
io prima di te..io prima di te
C'era un bacio lì a mezz'aria
e tu hai raccolto
tu mi stupisci ancora,
in tutto quel che fai
mi meravigli ancora,
quando non eri mia
come la prima ora
Tu non lo sai,
ma non ci credevo più,
io prima di te.

Commenti

Post popolari in questo blog

Sally - Vasco Rossi

Chi è Sally. Non tutti hanno ancora capito che quando Vasco scrive una canzone autobiografica si nasconde sempre dentro un alter ego femminile. Ne sono esempi canzoni come Albachiara (il cantante di Zocca che parla della sua diversità) o Jenny è pazza (il cantante che, come molti adolescenti, passa le ore chiuso in camera, inducendo gli altri a credere nella sua pazzia). Sally è uno di questi alter ego. Si tratta di una delle canzoni più riuscite del rocker, tanto che egli stesso ha dichiarato in un'intervista che a volte vorrebbe fare un concerto solo per cantare questo brano.

My way - traduzione e significato testo

Non ho specificato My way - Frank Sinatra poichè il testo è stato scritto da Paul Anka sulle note di "Comme d'habitude" di Claude Francois. Però il cantante canadese non si è limitato a tradurre il brano, ma lo ha riscritto da capo. Il testo di Paul Anka è quello che canteranno Elvis Presley, Mirelle Mathieu, Nina Hagen, Michael Buble, Sid Vicius e, naturlamente, The Voice. Noi faremo riferimento a questa versione.

Stupendo - Vasco Rossi

Il testamento spirituale di Massimo Riva. Questa è una delle mie preferite. La musica è del grande cantautore, ma, questa volta, al testo ci ha messo le mani il grandissimo Massimo Riva. Autore già di altri testi capolavoro come "dormi dormi" e "non mi va". La canzone assume un significato ancora più forte se si considera che di li a poco il grande autore/chitarrista morirà di overdose. Lo voglio sottolineare perchè troppo spesso abbiamo scoperto che presunti artisti maledetti, una volta spente le telecamere, facevano una vita da yuppies. Una brutta ipocrisia che rafforza ancor di più la, già sgradevole, sensazione di essere soli ed incompresi. Massimo riva in questo brano ha posto l'accento sul proprio malessere, sul male di vivere in una società che non condivideva i suoi valori. Di provare, letteralmente, il vomito nel vedere come molti dei ribelli degli anni 70 si sia perfettamente integrati in questo modello di potere. La sua morte/suicidio è stato come u…