Passa ai contenuti principali

AIDA - Rino Gaetano

rino gaetano canta aida
Anche Rino Gaetano gioca sull'equivoco, sul indurre l'ascoltatore che questa sia una canzone d'amore dedicata ad una fantomatica AIDA, mentre in realtà è un brano politico. Non esiste nessuna signorina AIDA e men che meno l'autore si è innamorato di questa ragazza. Un gioco del quale, qualche anno dopo, Vasco Rossi diventerà un maestro! C'è gente che si chiede ancora chi sia questa Sally della quale il cantautore di Zocca canta le difficoltà! Vediamo allora il significato del testo della canzone Aida del grande Rino Gaetano.

Chi è AIDA?

Ma torniamo a noi: volete capire il testo di questa canzone? Bene, cominciate col sostituire alla parola AIDA la parola ITALIA. È una canzone dedicata al bel paese!
Nella prima parte, quella che arriva fino a Marlene e Charlot si parla della neonata nazione. Una nazione che secondo i risorgimentali è nata già con una grande storia, fatta di istantanee e di ricordi. Ricordi legati alla religione (Madonne e rosari), ai grandi viaggi (siamo un paese di santi, poeti e marinai), vizi privati (calze a rete) e pubbliche virtù. Le calze a rete e la seta sono scoperte degli anni 30.

Ma chi sono Marlene e Charlot?

Marlene Dietrich è la splendida attrice che rese famose le calze Lola Lola, mentre Charlot è il mitico personaggio di Charlie Chapling, che con il leggendario film "tempi moderni" ha dato una cruda immagine della società post rivoluzione industriale. Sono i due aspetti del progresso: da un lato la rivoluzione dei costumi e le nuove "tecnologie", dall'altro la schiavitù verso le macchine.
Poi si passa alla guerra: il gran conflitto, l'Egitto (la tentata invasione dell'Egitto in mano agli inglesi), marce, svastiche e federali fa naturalmente riferimento alla triste stagione fascista.
Il ritorno in un paese diviso fa riferimento alla guerra civile avvenuta dopo la caduta del fascismo, partigiani da una parte e repubblica di Salò dall'altra.
Si passa poi agli anni 50-60-70: la povertà (la grande povertà del dopoguerra), il terrore russo (la guerra fredda), Cristo e Stalin (la contrapposizione tra Democrazia Cristiana e Partito Comunista durata fino agli anni 90), si finisce con la costituente e la democrazia per chi c'è l'ha (i diritti non sono sempre stati garantiti a tutti). Arrivano poi gli anni del safari, della caccia grossa, gli anni un cui l'Italia, assieme a tutto l'occidente si è dedicata allo sport eterno: depredare i paesi  più poveri.

Ma chi sono le antilopi e i giaguari?

Nel '76 emerse lo scandalo Lockheed. La tesi era che l'azienda avesse corrotto diversi governi europei al fine di vendere i loro aerei. Il contatto italiano dell'azienda era "Antelope Cobbler". Si trattava di un nome in codice, ma chi era realmente? Non lo spappiamo, e le tesi che si sono susseguite erano numerose e spesso fantasiose. Si arrivò a parlare di un errore di trascrizione e che in realtà fosse "Antelope Gobbler", che tradotto significa mangiatore di antilopi. Essendo il leone il mangiatore di Antilopi per antonomasia, il contatto sarebbe stato il presidente Leone. La tesi non venne mai confermata, anzi, venne successivamente smentita con tanto di scuse (fonte wikipedia). Giaguari probabilmente è riferito alla moda del tempo di vestire pellicce vistose e pacchiane (ricordate Barbarossa? Le donne coperte "di animali sempre più rari").

Aida come sei bella.

Non so invece se il ritornello sia ironico o no. Potrebbe voler dire che l'Italia è comunque bella, malgrado tutti i problemi e tutte le contraddizioni, oppure è una presa in giro a chi si ostina a chiamare bel paese il paese che fu di Mussolini e che in un solo secolo ha partecipato a due guerre più una guerra civile, eternamente diviso, corrotto dove convivono ricchi e poveri.

Conclusioni:

niente da dire, ogni canzone del grande Rino Gaetano è un capolavoro!!!!

Testo della canzone di Rino Gaetano Aida

Lei sfogliava i suoi ricordi
le sue istantanee
i suoi tabù
le sue madonne i suoi rosari
e mille mari
e alalà
i suoi vestiti di lino e seta
le calze a rete
Marlene e Charlot
e dopo giugno il gran conflitto
e poi l'Egitto
un'altra età
marce svastiche e federali
sotto i fanali
l'oscurità
e poi il ritorno in un paese diviso
nero nel viso
più rosso d'amore
Aida come sei bella
Aida le tue battaglie
i compromessi
la povertà
i salari bassi la fame bussa
il terrore russo
Cristo e Stalin
Aida la costituente
la democrazia
e chi ce l'ha
e poi trent'anni di safari
fra antilopi e giaguari
sciacalli e lapin
Aida come sei bella

Commenti

Post popolari in questo blog

Classifica delle 100 migliori canzoni italiane di sempre

Disclamer: fare una simile classifica è sempre una cosa sciocca. Il risultato sarà sempre e comunque sindacabile. Allora perché la faccio? Così, per ingannare il tempo e divertirmi un po. Bello sarebbe anche se desse l'inizio ad un sano dibattito. Non cadiamo nel tranello di dare il via a sterili litigi. Per chi volesse esistono già numerosi siti dove litigare.
Stilare una simile classifica non è facile ed il risultato dipende esclusivamente dai parametri che si intendono utilizzare. Quelli a cui mi andrò a riferire sono:

successo della canzoneimpatto sociale nel momento in cui è stata pubblicatalongevità del successouniversalità del messaggio e del suonoprofondità del testocapacità di superare le barriere del tempo. Ogni volta che rileggo la classifica ci farei dei cambiamenti. Questo perché certi fenomeni sociali riescono a far tornare verde un messaggio mentre altri, col tempo, perdono la loro forza. Di fronte all'attuale crisi europea, chi non ha trovato attuali le canzoni…

Stupendo - Vasco Rossi

Il testamento spirituale di Massimo Riva. Stupendo è una delle mie canzoni preferite del grande Blasco! La musica è sua, ma, questa volta, al testo ci ha messo le mani un immenso Massimo Riva. Autore già di altri testi capolavoro come "dormi dormi" e "non mi va". La canzone assume un significato ancora più forte se si considera che di li a poco il grande autore/chitarrista morirà di overdose. Morire di overdose nel 1999, più che una morte accidentale, sembra un suicidio. Questo da ancora più forza e credibilità ad un testo che parla del male di vivere e del sentirsi inadeguati per questa società marcia e corrotta. Lo voglio sottolineare perché troppo spesso abbiamo scoperto che presunti artisti maledetti, una volta spente le telecamere, facevano una vita da yuppies. Mi viene in mente qualcuno che fino a ieri cantava canzoni come "nessuno" e oggi "comunisti col rolex". Una brutta ipocrisia che rafforza ancor di più la, già sgradevole, sensazione…

Sally - Vasco Rossi

Chi è Sally. Non tutti hanno capito che, quando Vasco scrive una canzone autobiografica, si nasconde sempre dentro un alter ego femminile. Ne sono esempi canzoni come Albachiara (prima delle critiche andatevi a leggere il mio post "Albachiara non è una canzone d'amore), Jenny è pazza o brava Giulia (tanto per citarne qualcuna). Siccome continuo a ricevere insulti sui commenti, vi invito semplicemente ad andarvi a vedere la lunga intervista fatta a Bonolis dove spiega come ha scelto il nome Sally. Aggiunge pure che il suo alter ego è femminile perché "un uomo che non ha più voglia di fare la guerra" è una nullità, per cui ha scelto di nascodersi dietro un nome di donna. Io lo dicevo nel 2012 da questo blog (ma lo avevo capito molto prima), e, dopo 6 anni di futili insulti nei commenti, finalmente anche Vasco mi ha dato ragione. Non che ce ne fosse bisogno, il testo è molto chiaro, ma gli hater non sanno ascoltare. Si tratta di una delle canzoni più riuscite del rock…