Passa ai contenuti principali

G come Giungla - Luciano Ligabue

Luciano Ligabue canta G come Giungla
E dopo aver giocato con la A e la B, arriva finalmente la canzone di Ligabue, dal titolo G come Giungla. Una bel rock, anche se, purtroppo, con poca innovazione, sia nel testo che nel suono. Somiglia troppo ai suoi vecchi album per i miei gusti. Ad ogni modo, perché avrebbe dovuto cambiare, se a milioni di fans piace così?
E vediamo questo testo, finalmente un po' incazzato! Mi ero annoiato del Ligabue buonista. Il rock è anche rabbia e denuncia sociale. Non dimentichiamoci che deriva dal Blues, che a suo volta deriva dai Gospel. Il rock è la rabbia del popolo oppresso dal potere.
E allora, qual'è la giungla di cui ci parla? È l'Italia naturalmente. Che non è più l'Italia di 30 anni fa, è l'Italia della seconda repubblica, che, a sua volta, sta terminando. "La notte si allunga e le regole sono saltate!" Cosa vuol dire? Che sono in arrivo tempi bui, e di questi tempi non valgono più le regole, quali onestà, correttezza, ecc. "Le favole sono finite" insomma!
Non voglio analizzare nel dettaglio il testo che, alla fine, è abbastanza semplice, voglio solo commentare alcune frasi che mi sono piaciute di più.

Anche fra loro si stanno sbranando
non hanno fame ma mangiano intanto
è l'abitutdine che li mantiene
così spietati così senza fine
Non c'è n'è più per nessuno. E adesso anche faccendieri e politici corrotti sono costretti a sbranarsi tra di loro per prendere l'ultima fetta! L'ultima fetta non perché abbiano fame (bisogno di soldi), ma perché ormai rubare è diventata un'abitudine!
non basta restare al riparo
chi vuol sopravvivere deve cambiare
Una volta, se non avevi ambizioni o grilli per la testa, potevi comunque trascorrere una vita dignitosa e tranquilla "al riparo" di un lavoro come operaio o impiegato pubblico. Oggi non puoi nemmeno contare su questo. Le fabbriche chiudono, il pubblico è accessibile solo agli eletti, ... Insomma o ti fai furbo o non c'è ne per gli onesti, anche se umili.
Occhi arrossati narici imbiancate
denti sbiancati ghigni tirati
c'è un'altra guerra in sala riunioni
da cui comunque tu resti fuori
Gente fatta di cocaina, falsa sotto tutti gli aspetti, fa delle feroci riunioni dove ci si sbrana per la propria fetta di torta. Non è gente felice e nemmeno gente che sta bene, ma tu non puoi nemmeno ambire a quello. Tu sei fuori da tutto!
E puoi urlare che tanto la giungla
soffoca la tua voce 
Purtroppo ci siamo tanto assuefatti a questo sistema, che ormai anche gli scandali e le ingiustizie vengono dimenticati... Chi si ricorda di Antonio Vullo o  Luca Magni?

Commenti

Post popolari in questo blog

Classifica delle 100 migliori canzoni italiane di sempre

Disclamer: fare una simile classifica è sempre una cosa sciocca. Il risultato sarà sempre e comunque sindacabile. Allora perché la faccio? Così, per ingannare il tempo e divertirmi un po. Bello sarebbe anche se desse l'inizio ad un sano dibattito. Non cadiamo nel tranello di dare il via a sterili litigi. Per chi volesse esistono già numerosi siti dove litigare.
Stilare una simile classifica non è facile ed il risultato dipende esclusivamente dai parametri che si intendono utilizzare. Quelli a cui mi andrò a riferire sono:

successo della canzoneimpatto sociale nel momento in cui è stata pubblicatalongevità del successouniversalità del messaggio e del suonoprofondità del testocapacità di superare le barriere del tempo. Ogni volta che rileggo la classifica ci farei dei cambiamenti. Questo perché certi fenomeni sociali riescono a far tornare verde un messaggio mentre altri, col tempo, perdono la loro forza. Di fronte all'attuale crisi europea, chi non ha trovato attuali le canzoni…

Stupendo - Vasco Rossi

Il testamento spirituale di Massimo Riva. Stupendo è una delle mie canzoni preferite del grande Blasco! La musica è sua, ma, questa volta, al testo ci ha messo le mani un immenso Massimo Riva. Autore già di altri testi capolavoro come "dormi dormi" e "non mi va". La canzone assume un significato ancora più forte se si considera che di li a poco il grande autore/chitarrista morirà di overdose. Morire di overdose nel 1999, più che una morte accidentale, sembra un suicidio. Questo da ancora più forza e credibilità ad un testo che parla del male di vivere e del sentirsi inadeguati per questa società marcia e corrotta. Lo voglio sottolineare perché troppo spesso abbiamo scoperto che presunti artisti maledetti, una volta spente le telecamere, facevano una vita da yuppies. Mi viene in mente qualcuno che fino a ieri cantava canzoni come "nessuno" e oggi "comunisti col rolex". Una brutta ipocrisia che rafforza ancor di più la, già sgradevole, sensazione…

Sally - Vasco Rossi

Chi è Sally. Non tutti hanno capito che, quando Vasco scrive una canzone autobiografica, si nasconde sempre dentro un alter ego femminile. Ne sono esempi canzoni come Albachiara (prima delle critiche andatevi a leggere il mio post "Albachiara non è una canzone d'amore), Jenny è pazza o brava Giulia (tanto per citarne qualcuna). Siccome continuo a ricevere insulti sui commenti, vi invito semplicemente ad andarvi a vedere la lunga intervista fatta a Bonolis dove spiega come ha scelto il nome Sally. Aggiunge pure che il suo alter ego è femminile perché "un uomo che non ha più voglia di fare la guerra" è una nullità, per cui ha scelto di nascodersi dietro un nome di donna. Io lo dicevo nel 2012 da questo blog (ma lo avevo capito molto prima), e, dopo 6 anni di futili insulti nei commenti, finalmente anche Vasco mi ha dato ragione. Non che ce ne fosse bisogno, il testo è molto chiaro, ma gli hater non sanno ascoltare. Si tratta di una delle canzoni più riuscite del rock…