Passa ai contenuti principali

Magnifico - Fedez feat. Francesca Michielin

Magnifico - Fedez feat. Michielin
Magnifico è il titolo del testo della nuova canzone scritta da Fedez e da Francesca Michieln, tratto dall'album Pop-Hoolista, uscito il 30 settembre scorso.
Si nota subito il tocco femminile nel testo, dato che non è la classica canzone rapper da incavolato nero contro tutto ciò che non funziona nella società, esplicitandolo senza troppe mezze misure.
In maniera un po' più delicata, Fedez, rivolge la lamentela al gentil sesso. Rivolgendosi, forse, in primis, a qualche sua ex fidanzata, anche se, palesemente, grazie anche al video, si può notare che si sta rivolgendo alle donne in generale. Le definisce "scalatrici sociali" perché tutte troppo interessante a quello che lui rappresenta e non a quello che è realmente. Descrivendo così la donna media, del giorno d'oggi, troppo materialista, troppo impegnata ad apparire e con uno spiccato egocentrismo.

Nel video si vede sempre in secondo piano un SUV che segue Fedez a passo d'uomo. A fine video, quando non ci sono più donne che gli sbavano addosso perché "denudato" dai vestiti che lo fanno sembrare un Re di denari, ne esce fuori una donna, la sua vera fidanzata, che fa capire che sta con lui per quello che è e non per quello che ha... uhm.

Ma passiamo alla spiegazione del testo:
E gli anni passano e non ci cambiano,
davvero trovi che sia diverso?
Guardami in faccia i miei occhi parlano
e tu dovresti ascoltarli un po' più spesso
Sorridi quando piove, sei triste quando c'è il sole
devi smetterla di piangere fuori stagione
Dai proviamo e poi vediamo che succede
Si lamenta del fatto che lei non lo ha mai guardato abbastanza per capire che non è lui ad essere cambiato ma lei che fa i capricci ogni volta per ottenere attenzione in ogni dove, piangendo e ridendo fori da ogni. Le dice che dovrebbe smetterla di comportasi così per vedere se la loro storia potrebbe avere qualche possibilità per continuare a definirsi tale.
Per ogni mia parte che ti vuole, c'è un'altra che retrocede
Sapessi quante ne ho viste di scalatrici sociali
regalano due di picche aspettando il Re di denari
Per quanto lui si senta attratto da lei, si sente fuori luogo con una persona che sente così "vuota". Quindi, cerca di reprimere questo desiderio perché sa già che nel momento in cui lei troverà qualcuno di più ricco, re di denari, e che le darà maggiori attenzioni, lei se ne andrà.
Quante volte ad un "Ti amo" hai risposto "No, non posso",
hai provato dei sentimenti e non ti stanno bene addosso.
Ai "ti amo" risponde con una negazione perché sa bene che se non è più lei al centro dell'attenzione, come le deve esser già successo, ne soffrirebbe troppo e non vole che questo riaccada.
Parliamo allo stesso modo ma con diversi argomenti,
siamo nello stesso hotel ma con due viste differenti.
L'amore è un punto di arrivo, una conquista,
Ma non esiste prospettiva senza due punti di vista.
Entrambi stanno parlando di amore, solo che lei, a differenza di lui, sta parlando del suo amor proprio e del suo totale interesse. Senza minimamente guardare verso di lui verso una prospettiva comune. I loro punti di vista non sono convergenti, come dovrebbe essere quando due persone si amano.
Anche se fuori tutto è magnifico,
non lo prenderò come un rimprovero
È possibile abbia sogni sbagliati, un po' illusi al momento
Mi appartengono
Il ritornello è l'unico pezzo in cui mostra un minimo di umiltà in tutto il testo. Perché?  Semplice, è solo qui che fa capire che si rende conto che le scelte, i sogni, che sta percorrendo, compresa la donna che ha accanto, non sono scelte del tutto giuste. Ma gli appartengono e devono, perciò, essere rispettate.
Fuori è magnifico,
si ma tu un po' di più
Sei la bellezza a due passi
a portata di manicure,
Fa un apprezzamento molto ironico dicendo che lei è un po' più magnifica rispetto a quello che li circonda perché la bellezza, non estetica ma etica, che ha è del tutto finta.
Ma so che quando troveranno il centro dell'universo
rimarrai delusa a scoprire che non sei tu
Ognuno coi suoi pensieri e i suoi segreti,
lo so siamo divisi dalla spazio senza essere pianeti
Qui si nota ancora una volta che l'accusa di essere troppo egocentrica dicendole che non è lei il centro dell'universo. Dice che ognuno, a modo suo, è il proprio centro dell'universo con i suoi pensieri e segreti, ma bisogna essere capaci di ritornare con i piedi per terra e non guardare solo il proprio interesse.
L'amore rende ciechi devo dirtelo
e io devo smettere di cercare le scarpe nel frigorifero.
Ma tu non guardi me continui a guardare fuori,
ti ho dato i giorni migliori dei miei anni peggiori
Contraddizioni e vizi, a ognuno il suo
ma questa notte dormo sul mio fianco preferito, il tuo.
"L'amore rende ciechi" non credo sia un modo per dire che la falegnameria è operativa. Credo stia dicendo che, a volte, per troppo amore, si è disposti a far finta di non vedere ciò che è palese.
"Cercare le scarpe nel frigorifero" credo sia una metafora per dire che è stufo di intraprendere una strada che porta al cuore di una donna che non sa amare. Ne è così innamorato che ha sempre cercato di darle il meglio anche nei suoi giorni bui. Ma, una donna egocentrica, per quanto guardi verso qualcun'altro che non sia il suo riflesso, avrà la testa sempre impegnata a pensare a sé stessa.

La canzone si ripete e conclude con il ritornello. Di seguito la cover della canzone.



Commenti

Post popolari in questo blog

Sally - Vasco Rossi

Chi è Sally. Non tutti hanno capito che quando Vasco scrive una canzone autobiografica si nasconde sempre dentro un alter ego femminile. Ne sono esempi canzoni come Albachiara (prima delle critiche andatevi a leggere il mio post "Albachiara non è una canzone d'amore), Jenny è pazza o brava Giulia, tanto per citarne qualcuna. Sally è uno di questi alter ego. Si tratta di una delle canzoni più riuscite del rocker di Zocca, tanto che egli stesso ha dichiarato in un'intervista che a volte vorrebbe fare un concerto solo per poter cantare questa canzone.

Classifica delle 100 migliori canzoni italiane di sempre

Disclamer: fare una simile classifica è sempre una cosa sciocca. Il risultato sarà sempre e comunque sindacabile. Allora perché la faccio? Così, per ingannare il tempo e divertirmi un po. Bello sarebbe anche se desse l'inizio ad un sano dibattito. Non cadiamo nel tranello di dare il via a sterili litigi. Per chi volesse esistono già numerosi siti dove litigare.
Stilare una simile classifica non è facile ed il risultato dipende esclusivamente dai parametri che si intendono utilizzare. Quelli a cui mi andrò a riferire sono:

successo della canzoneimpatto sociale nel momento in cui è stata pubblicatalongevità del successouniversalità del messaggio e del suonoprofondità del testocapacità di superare le barriere del tempo. Ogni volta che rileggo la classifica ci farei dei cambiamenti. Questo perché certi fenomeni sociali riescono a far tornare verde un messaggio mentre altri, col tempo, perdono la loro forza. Di fronte all'attuale crisi europea, chi non ha trovato attuali le canzoni…

Stupendo - Vasco Rossi

Il testamento spirituale di Massimo Riva. Stupendo è una delle mie canzoni preferite del grande Blasco! La musica è sua, ma, questa volta, al testo ci ha messo le mani un immenso Massimo Riva. Autore già di altri testi capolavoro come "dormi dormi" e "non mi va". La canzone assume un significato ancora più forte se si considera che di li a poco il grande autore/chitarrista morirà di overdose. Morire di overdose nel 1999, più che una morte accidentale, sembra un suicidio. Questo da ancora più forza e credibilità ad un testo che parla del male di vivere e del sentirsi inadeguati per questa società marcia e corrotta. Lo voglio sottolineare perché troppo spesso abbiamo scoperto che presunti artisti maledetti, una volta spente le telecamere, facevano una vita da yuppies. Mi viene in mente qualcuno che fino a ieri cantava canzoni come "nessuno" e oggi "comunisti col rolex". Una brutta ipocrisia che rafforza ancor di più la, già sgradevole, sensazione…