Passa ai contenuti principali

Guerriero - Marco Mengoni

Marco Mengoni - Guerriero
Guerriero è il titolo della nuova canzone di Marco Mengoni, singolo che anticipa l'uscita dell'album, prevista per gennaio.
Come sempre, Mengoni non si smentisce scrivendo una testo davvero molto toccante e sensibile.
In un'intervista sul TG1, lui dice che il guerriero è un po' la nostra coscienza, la forza che ci spinge a scegliere una strada piuttosto che un'altra. Aggiunge "il guerriero" lo siamo un po' tutti.
A mio parere, leggendo bene il testo e tenendo conto anche del fatto che è stato lui a creare la regia del video, mi viene da affermare che sia una canzone molto intima.

Secondo me, infatti, il bambino del video non è altro che lui, nella sua fanciullezza indifesa e sensibile ad ogni attacco esterno. Il super eroe, ovviamente, è sempre lui, ma ormai cresciuto e munito di corazza e di esperienza di vita che difficilmente qualcuno potrebbe più scalfire.
È riuscito a diventare un uomo talmente forte che sente di poter difendere la propria sensibilità e la propria fanciullezza, da tutto e da tutti. Pertanto lui è il guerriero, il difensore e il protettore di sé stesso.


La conferma di quello che penso, mi arrivata da questo pezzo di testo:
Io sono un guerriero
veglio quando è notte
Ti Difenderò da incubi E tristezze
Ti riparerò da inganni e maldicenze
E ti abbraccerò per darti forza sempre
Il fatto che dica che difenderà di notte da incubi e tristezze abbracciando per dare forza sempre, è un modo per dire che, ogni volta, saprà quale viaggio introspettivo dovrà fare per arrivare a darsi il giusto coraggio per rialzarsi anche nei momenti più inconsci, fase onirica.

Altro punto fermo in cui mi conferma che sta parlando alla sua fanciullezza è racchiuso proprio nel ritornello:
E amore il mio grande amore che mi credi
Vinceremo contro tutti e resteremo in piedi
E resterò al tuo fianco fino a che vorrai
Ti difenderò da tutto, non temere mai
Sta parlando di un amore leale ed indissolubile, pronto a difendere e a rialzarsi in piedi in qualunque avversità il destino lo faccia imbattere. Totale lealtà e devozione per la sua parte più sensibile.

Comunque, se leggeste il testo che riporto qui sotto pensando che è una canzone introspettiva, ne avrete conferma pure voi che quanto ho scritto è, molto probabilmente, corretto:
Non temere il drago
Fermerò il suo fuoco
Niente può colpirti dietro questo scudo
Lotterò con forza contro tutto il male
E quando cadrò tu non disperare
Per te io mi rialzerò
Io sono un guerriero e troverò le forze
Lungo il tuo cammino
Sarò al tuo fianco mentre
Ti darò riparo contro le tempeste
E ti terrò per mano per scaldarti sempr
Attraverseremo insieme questo regno
E attenderò con te la fine dell'inverno
Dalla notte al giorno, da Occidente a Oriente
Io sarò con te e sarò il tuo guerriero
(ritornello)
Ci saranno luci accese di speranze
E ti abbraccerò per darti forza sempre
Giurò sarò roccia contro il fuoco e il gelo
Veglio su di te, io sono il tuo guerriero
Di seguito potete trovare una cover della canzone davvero molto carina.


Commenti

  1. Per me e un inno a Gesù lui è il nostro Guerriero!!!!basta pensare al Regno Oriente il Dragone sia lodato Gesù Cristo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti il tema religioso è ricorrente nelle canzoni di Marco Mengoni. Basti pensare all'essenziale, che secondo molti è dedicata proprio a Gesù, o alla fede in generale

      Elimina
  2. Cmq complimenti Marco sei un grande artista

    RispondiElimina
  3. SECONDO ME VUOLE DIRE CHE LA NOSTRA COSCIENZA CHIAMATA ANIMA E IL NOSTRO VERO DIO E LUI CHE TOCCA SENTIRE MA NON GLI ALTRI PERCHE SOLO COSI PUOI CAPIRE CHI SEI VERAMENTE E COSA VUOI VERAMENTE NON SFIDARE TE STESSO MA COMBATTI PER QUELLO CHE SEI PER DIVENTARE ANCORA PIU FORTE E COSI TROVERAI LA TUA LUCE

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Sally - Vasco Rossi

Chi è Sally. Non tutti hanno capito che quando Vasco scrive una canzone autobiografica si nasconde sempre dentro un alter ego femminile. Ne sono esempi canzoni come Albachiara (prima delle critiche andatevi a leggere il mio post "Albachiara non è una canzone d'amore), Jenny è pazza o brava Giulia, tanto per citarne qualcuna. Sally è uno di questi alter ego. Si tratta di una delle canzoni più riuscite del rocker di Zocca, tanto che egli stesso ha dichiarato in un'intervista che a volte vorrebbe fare un concerto solo per poter cantare questa canzone.

Classifica delle 100 migliori canzoni italiane di sempre

Disclamer: fare una simile classifica è sempre una cosa sciocca. Il risultato sarà sempre e comunque sindacabile. Allora perché la faccio? Così, per ingannare il tempo e divertirmi un po. Bello sarebbe anche se desse l'inizio ad un sano dibattito. Non cadiamo nel tranello di dare il via a sterili litigi. Per chi volesse esistono già numerosi siti dove litigare.
Stilare una simile classifica non è facile ed il risultato dipende esclusivamente dai parametri che si intendono utilizzare. Quelli a cui mi andrò a riferire sono:

successo della canzoneimpatto sociale nel momento in cui è stata pubblicatalongevità del successouniversalità del messaggio e del suonoprofondità del testocapacità di superare le barriere del tempo. Ogni volta che rileggo la classifica ci farei dei cambiamenti. Questo perché certi fenomeni sociali riescono a far tornare verde un messaggio mentre altri, col tempo, perdono la loro forza. Di fronte all'attuale crisi europea, chi non ha trovato attuali le canzoni…

Stupendo - Vasco Rossi

Il testamento spirituale di Massimo Riva. Stupendo è una delle mie canzoni preferite del grande Blasco! La musica è sua, ma, questa volta, al testo ci ha messo le mani un immenso Massimo Riva. Autore già di altri testi capolavoro come "dormi dormi" e "non mi va". La canzone assume un significato ancora più forte se si considera che di li a poco il grande autore/chitarrista morirà di overdose. Morire di overdose nel 1999, più che una morte accidentale, sembra un suicidio. Questo da ancora più forza e credibilità ad un testo che parla del male di vivere e del sentirsi inadeguati per questa società marcia e corrotta. Lo voglio sottolineare perché troppo spesso abbiamo scoperto che presunti artisti maledetti, una volta spente le telecamere, facevano una vita da yuppies. Mi viene in mente qualcuno che fino a ieri cantava canzoni come "nessuno" e oggi "comunisti col rolex". Una brutta ipocrisia che rafforza ancor di più la, già sgradevole, sensazione…