Passa ai contenuti principali

Vasco Rossi - Dillo alla luna

dillo alla luna di vasco rossi

La rabbia del Vasco.

È una delle mie canzoni preferite di Vasco Rossi! Una delle sue canzoni più riuscite: un urlo contro il destino! In poche canzoni come questa emerge tutta la rabbia contro Dio, contro la società, contro tutto! Il male di vivere a cui è condannato il Blasco, malgrado tutto. Bellissima la risposta del rocker di Zocca a Bonolis: domanda - come sta oggi Vasco Rossi?; risposta - non mi posso lamentare, anche perchè, se mi potessi lametare... Pochi hanno capito questa risposta, nemmeno il "paolo" nazionale, ma col genio dei grandi poeti, c'è dentro tutto il nuovo Vasco, quello del post 50. Faccio la parafrasi: non mi posso lamentare, perché "sulla carta" sono una persona davvero fortunata, soldi, successo... eppure soffro lo stesso. Soffro di un male interiore che non si può spiegare, se non con le canzoni. Ma non ho il diritto di piangere, perchè, ripeto, sono consapevole di essere fortunato, malgrado tutto. Altre persone stanno molto peggio di me. Forse ho espresso il concetto in maniera alquanto arzigogolata, ma spero che si sia afferrato comunque il senso.
Già dalle prime righe si capisce che il Vasco si rivolge ad una donna (questa volta è davvero una donna, lo dico per chi avesse letto gli altri miei post sulle sue canzoni), una donna che gli deve dire qualcosa di brutto. Non si sa cosa, ma sembra abbastanza chiaro che debba confessare un tradimento, o comunque, la fine di un'amore. Una donna comunque insicura, ma che lui vuole affrontare di petto, con la sicurezza di chi è convinto di essere nel giusto! E come rendere meglio il concetto se non con le parole: "guardami quando mi parli, se sei sincera"! Genio puro! Poesia! In due parole è riuscito a dipingere un quadro: una brutta cosa da dire, un forte imbarazzo, un ipocrisia di circostanza da parte di lei e il carattere forte di lui che vuole sapere, che vuole affrontare di petto la realtà. Una carattere forte, ma impotente di fronte alle decisioni di una donna! Ed ecco che la rabbia esce con forza, ma, per una volta, è una rabbia serena. La rabbia di chi non può fare nulla, ma che non si sente in colpa. Emblematica la frase: "la chiamerò sfortuna, maledetta sfortuna!!!"

Non te la prendere con me.

"Se c'è qualcosa che devi dire, dilla alla luna, chissà che porti fortuna...". Sembra che per una volta sia il cantante di Zocca la persona matura tra i due. Sottolinea ancora la serenità del cantante che invita la "paranoica" di raccontare alla luna i suoi problemi, i suoi dubbi, le sue ipocrisie e le sue vergogne. Lui dal canto suo si è già rassegnato a questa maledetta sfortuna che lo ha fatto inciampare ancora una volta. I ritornelli in questa canzone si ripetono quasi ossessivamente, e danno ancora più forza al senso della canzone. Ripetere mille volte maledetta sfortuna, come si vorrebbe sbattere mille volte la testa sul muro. Ripetere mille volte il "dillo alla luna", che sta per un "non ti ascolto, finiscila, non ti ascolto, non ti credo, non raccontarmi queste panzane, dillo alla luna!", che tanto ti ascolta come ti sto ascoltando io, ma almeno finta di crederti.

Un Vasco diverso.



Se da un lato Vasco Rossi nelle sue canzoni ha sempre posto l'accento sui fallimenti dovuti al suo carattere insicuro, immaturo e, a volte, irresponsabile, per una volta appare come "quello buono". Come la vittima di una donna bugiarda che lo sta condannando, ma non sembra portare rancore. Forse qui sta la parte più bella del messaggio: si sta molto più male quando una storia finisce per colpa nostra. Perchè capiamo se fossimo stati meno stupidi magari la storia sarebbe potuta continuare e perchè ci sentiamo in colpa. Essere vittime in fondo fa comodo, perchè ci scarica la coscienza. Ancora una perla del grande cantautore di Zocca!

Testo di dillo alla luna.

Guardami quando mi parli........
Guardami quando mi parli........
Guardami quando mi parli........
Guarda se è "vero"!?
Guardami quando mi parli.......
Guarda se "tremo"!?
...mmhh!....Smettila di parlare....
Guardando il muro!!!
E..... se qualcosa mi devi dire....
Dimmelo "duro"!
Guardala in faccia la Realtà!
e quando è dura!.......
sarà "sfortuna"......
........SFORTUNA!!!!!
Guardala in faccia La Realtà!
.......è più "sicura"!
Guardala in faccia La Realtà...
è "meno dura"!.....
Se c'è qualcosa che non ti va?!?...
.....dillo alla Luna!.....
Può darsi che "porti fortuna"!...
.....dirlo alla Luna!.........
Guardami in faccia quando mi parli!
se sei "sincera"!
Se non mi guardi quando mi parli....
non sei "sicura"!
La voglio in faccia la "verità"....
e se "sarà dura"!.....
La chiamerò "sfortuna"!....
.....Maledetta SFORTUNA!!!!!!!! 

Commenti

  1. È di mia Martini ......

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È di Vasco Rossi. Mia Martini ha fatto una cover, esattamente come Fiorella Mannoia ha fatto la cover di Sally

      Elimina
  2. Molto utile! Parlerò di questo brano al mio esame di stato :) mi farebbe piacere contattarti in privato per poterti fare alcune domande inerenti alle canzoni :)

    RispondiElimina
  3. la cover è imbarazzante

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A parer mio la cover è un capolavoro e Mia Martini sembra che si rispecchi perfettamente nella canzone ,Mia Martini avendo avuto molta sfortuna durante la sua vita questa era la canzone che gli si addice di più!

      Elimina
    2. TI devo ringraziare, non conoscevo la versione di Mia Martina. Mi hai fatto scoprire un capolavoro. Conoscendo la sua storia questa canzone le se addice perfettamente: la frustrazione, l'impotenza, l'incomprensione e l'ipocrisia dei nostri interlocutori... che la ha portato la cosa alle sue massime conseguenze

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Classifica delle 100 migliori canzoni italiane di sempre

Disclamer: fare una simile classifica è sempre una cosa sciocca. Il risultato sarà sempre e comunque sindacabile. Allora perché la faccio? Così, per ingannare il tempo e divertirmi un po. Bello sarebbe anche se desse l'inizio ad un sano dibattito. Non cadiamo nel tranello di dare il via a sterili litigi. Per chi volesse esistono già numerosi siti dove litigare.
Stilare una simile classifica non è facile ed il risultato dipende esclusivamente dai parametri che si intendono utilizzare. Quelli a cui mi andrò a riferire sono:

successo della canzoneimpatto sociale nel momento in cui è stata pubblicatalongevità del successouniversalità del messaggio e del suonoprofondità del testocapacità di superare le barriere del tempo. Ogni volta che rileggo la classifica ci farei dei cambiamenti. Questo perché certi fenomeni sociali riescono a far tornare verde un messaggio mentre altri, col tempo, perdono la loro forza. Di fronte all'attuale crisi europea, chi non ha trovato attuali le canzoni…

Stupendo - Vasco Rossi

Il testamento spirituale di Massimo Riva. Stupendo è una delle mie canzoni preferite del grande Blasco! La musica è sua, ma, questa volta, al testo ci ha messo le mani un immenso Massimo Riva. Autore già di altri testi capolavoro come "dormi dormi" e "non mi va". La canzone assume un significato ancora più forte se si considera che di li a poco il grande autore/chitarrista morirà di overdose. Morire di overdose nel 1999, più che una morte accidentale, sembra un suicidio. Questo da ancora più forza e credibilità ad un testo che parla del male di vivere e del sentirsi inadeguati per questa società marcia e corrotta. Lo voglio sottolineare perché troppo spesso abbiamo scoperto che presunti artisti maledetti, una volta spente le telecamere, facevano una vita da yuppies. Mi viene in mente qualcuno che fino a ieri cantava canzoni come "nessuno" e oggi "comunisti col rolex". Una brutta ipocrisia che rafforza ancor di più la, già sgradevole, sensazione…

Sally - Vasco Rossi

Chi è Sally. Non tutti hanno capito che, quando Vasco scrive una canzone autobiografica, si nasconde sempre dentro un alter ego femminile. Ne sono esempi canzoni come Albachiara (prima delle critiche andatevi a leggere il mio post "Albachiara non è una canzone d'amore), Jenny è pazza o brava Giulia (tanto per citarne qualcuna). Siccome continuo a ricevere insulti sui commenti, vi invito semplicemente ad andarvi a vedere la lunga intervista fatta a Bonolis dove spiega come ha scelto il nome Sally. Aggiunge pure che il suo alter ego è femminile perché "un uomo che non ha più voglia di fare la guerra" è una nullità, per cui ha scelto di nascodersi dietro un nome di donna. Io lo dicevo nel 2012 da questo blog (ma lo avevo capito molto prima), e, dopo 6 anni di futili insulti nei commenti, finalmente anche Vasco mi ha dato ragione. Non che ce ne fosse bisogno, il testo è molto chiaro, ma gli hater non sanno ascoltare. Si tratta di una delle canzoni più riuscite del rock…