Passa ai contenuti principali

Tensione evolutiva - Jovanotti


Jovanotti - Tensione evolutiva

Tensione evolutiva.

Ancora una volta Jovanotti cerca di "scavare" dentro all'uomo. Scavare è la parola giusta, visto che il cantautore naturalizzato toscano ormai sembra cercare in tutti i modi di togliere tutto ciò che è "fisico" e andare a cercare l'anima nelle cose. In questo caso la "cosa" in questione è l'umanità.

150000 anni di storia dell'uomo.

Molto sintetica, ma non per questo meno efficacie, la parte introduttiva in cui Lorenza tracce le tappe che hanno visto l'essere umano "impadronirsi" del mondo, da quando eravamo pesci, fino ai giorni nostri. E qui si arriva al dunque "nessuno si disseta ingoiando la saliva!".

Un vuoto da riempire.

Il vuoto da riempire è quello che sta tra lo stomaco e la gola, ovvero il cuore. "Pioggia, vento e sangue nelle vene" sono le cose di cui la vita ha continuamente bisogno. Non importa dove sia arrivato l'uomo oggi, se ha il controllo del fuoco e del frigorifero, se abbiamo delle macchine che sembrano un miracolo, la vita finirebbe se non continuasse a piovere ed a soffiare il vento, visto che la saliva non basta a dissetarsi. Che tradotto in altre parole significa che "l'uomo non può bastare a se stesso". Abbiamo bisogno della natura che ci da l'acqua e il vento per saziare il nostro corpo, ma allo stesso modo, millenni di tensione evolutiva, non sono stati in grado di creare un'uomo che non avesse avuto bisogno dell'amore, di riempire quel vuoto che c'è tra la gola e lo stomaco. Come sempre Jovanotti utilizza parole molto semplici per le sue canzoni, ma questa volta il significato è tutt'altro che immediato. Una nuova "esplorazione" del cantante di gimme five, che in oltre 20 anni di carriera non ha mai smesso di sperimentare nuove vie. Di seguito il testo.

Testo di tensione evolutiva.

Abbiamo camminato sulle pietre incendescentiabbiamo risalito le cascate e le correntiabbiamo attraversato gli oceani e i continentici siamo abituati ai più grandi mutamentisiamo stai pesci e poi rettili e mammiferiabbiamo scoperto il fuoco e inventato i frigoriferiabbiamo imparato a nuotare poi a correree poi a stare immobilieppure ho questo vuoto tra lo stomaco e la golavoragine incolmabiletensione evolutivanessuno si disseta ingoiando la salivaci vuole pioggiaventoe sangue nelle venee sangue nelle venee una ragione per vivereper sollevare le palpebree non restare a compiangermie innamorarmi ogni giorno ogni ora ogni giorno ogni ora di piùdi piùdi piùabbiamo confidenza con i demoni interiorisappiamo che al momento giusto poi saltano fuorici sono delle macchine che sembrano un miracolosappiamo come muoverci nel mondo dello spettacoloeppure ho questo vuoto tra lo stomaco e la golavoragine incolmabiletensione evolutivanessuno si disseta ingoiando la salivaci vuole pioggiaventoe sangue nelle veneci vuole pioggiaventoe sangue nelle venee sangue nelle venee sangue nelle venee una ragione per vivereper sollevare le palpebree non restare a compiangermie innamorarmi ogni giorno ogni ora ogni giorno ogni ora di piùdi piùdi piùdi più



Commenti

Post popolari in questo blog

Classifica delle 100 migliori canzoni italiane di sempre

Disclamer: fare una simile classifica è sempre una cosa sciocca. Il risultato sarà sempre e comunque sindacabile. Allora perché la faccio? Così, per ingannare il tempo e divertirmi un po. Bello sarebbe anche se desse l'inizio ad un sano dibattito. Non cadiamo nel tranello di dare il via a sterili litigi. Per chi volesse esistono già numerosi siti dove litigare.
Stilare una simile classifica non è facile ed il risultato dipende esclusivamente dai parametri che si intendono utilizzare. Quelli a cui mi andrò a riferire sono:

successo della canzoneimpatto sociale nel momento in cui è stata pubblicatalongevità del successouniversalità del messaggio e del suonoprofondità del testocapacità di superare le barriere del tempo. Ogni volta che rileggo la classifica ci farei dei cambiamenti. Questo perché certi fenomeni sociali riescono a far tornare verde un messaggio mentre altri, col tempo, perdono la loro forza. Di fronte all'attuale crisi europea, chi non ha trovato attuali le canzoni…

Stupendo - Vasco Rossi

Il testamento spirituale di Massimo Riva. Stupendo è una delle mie canzoni preferite del grande Blasco! La musica è sua, ma, questa volta, al testo ci ha messo le mani un immenso Massimo Riva. Autore già di altri testi capolavoro come "dormi dormi" e "non mi va". La canzone assume un significato ancora più forte se si considera che di li a poco il grande autore/chitarrista morirà di overdose. Morire di overdose nel 1999, più che una morte accidentale, sembra un suicidio. Questo da ancora più forza e credibilità ad un testo che parla del male di vivere e del sentirsi inadeguati per questa società marcia e corrotta. Lo voglio sottolineare perché troppo spesso abbiamo scoperto che presunti artisti maledetti, una volta spente le telecamere, facevano una vita da yuppies. Mi viene in mente qualcuno che fino a ieri cantava canzoni come "nessuno" e oggi "comunisti col rolex". Una brutta ipocrisia che rafforza ancor di più la, già sgradevole, sensazione…

Sally - Vasco Rossi

Chi è Sally. Non tutti hanno capito che, quando Vasco scrive una canzone autobiografica, si nasconde sempre dentro un alter ego femminile. Ne sono esempi canzoni come Albachiara (prima delle critiche andatevi a leggere il mio post "Albachiara non è una canzone d'amore), Jenny è pazza o brava Giulia (tanto per citarne qualcuna). Siccome continuo a ricevere insulti sui commenti, vi invito semplicemente ad andarvi a vedere la lunga intervista fatta a Bonolis dove spiega come ha scelto il nome Sally. Aggiunge pure che il suo alter ego è femminile perché "un uomo che non ha più voglia di fare la guerra" è una nullità, per cui ha scelto di nascodersi dietro un nome di donna. Io lo dicevo nel 2012 da questo blog (ma lo avevo capito molto prima), e, dopo 6 anni di futili insulti nei commenti, finalmente anche Vasco mi ha dato ragione. Non che ce ne fosse bisogno, il testo è molto chiaro, ma gli hater non sanno ascoltare. Si tratta di una delle canzoni più riuscite del rock…