Passa ai contenuti principali

Last Christmas - Wham

la canzone degli wham e george michael simbolo del natale

La canzone di Natale degli anni 80.

Gli Wham sono un gruppo pop che ha fatto la storia, ma, nel caso non bastassero le grandi hit, con questo brano sono diventati gli autori della più gettonata canzone di Natale! Insomma: sono diventati 2 volte immortali. Si potrebbe dire che questa canzone rappresenti per i giovani d'oggi quello che per noi rappresentava "tu scendi dalle stelle". A contribuire a questo fenomeno ci hanno contribuito anche un videoclip con tanta neve, i centri commerciali che ce la propinano in continuazione, il vecchio canale Videomusic che la scelse come Jingle per gli auguri... A chiudere il cerchio quel sapore di anni '80 che hanno addosso gli Wham, anni in cui il Natale era ancora il Natale! Ormai la si mette anche come musica di sottofondo quando, scoccata la mezzanotte, scattano i baci e gli auguri. Ed è giuso che sia così!
Il testo è così semplice da non richiedere una spiegazione, ma allora perché l'ho inserito nel sito? Forse perché pochi sanno che questa è tutto fuorché una canzone di Natale. È la canzone di un amore finito. La canzone con cui il nostro George Michael dice ad una donna, ad un anno di distanza dal loro addio, che forse è riuscito a dimenticarla. Il testo, in linea con tutti i testi romantici dell'epoca è molto delicato e, quasi, struggente. Il significato ruota tutto attorno alla frase del ritornello:

Last Christmas I gave you my heart
But the very next day you gave it away
This year to save me from tears
I'll give it to someone special
La traduzione è molto semplice, ma, per chi non conoscesse l'inglese, significa: "lo scorso Natale io ti ho donato il mio cuore, ma il giorno subito dopo tu lo hai gettato via, quest'anno, per proteggermi dalle lacrime, lo voglio dare ad una persona speciale".
Anche il resto della canzone è molto triste, fatto salvo per una strofa "buttata li" dove recita: 
Ooh hoo, now I've found a real love
You'll never fool me again
Che significa: "ora ho trovato il vero amore e tu non mi ti prenderai più gioco di me". Dico "buttata li" perché per tutto il resto del testo, sia prima che dopo, ripete che ci cascherebbe ancora una volta, e non si fa mai menzione ad un nuovo amore. Anzi, ad un certo punto dice che "forse lo troverà il prossimo Natale".
Che aggiungere? Buon Natale a tutti!!!!



Commenti

Post popolari in questo blog

Sally - Vasco Rossi

Chi è Sally. Non tutti hanno capito che quando Vasco scrive una canzone autobiografica si nasconde sempre dentro un alter ego femminile. Ne sono esempi canzoni come Albachiara (prima delle critiche andatevi a leggere il mio post "Albachiara non è una canzone d'amore), Jenny è pazza o brava Giulia, tanto per citarne qualcuna. Sally è uno di questi alter ego. Si tratta di una delle canzoni più riuscite del rocker di Zocca, tanto che egli stesso ha dichiarato in un'intervista che a volte vorrebbe fare un concerto solo per poter cantare questa canzone.

Classifica delle 100 migliori canzoni italiane di sempre

Disclamer: fare una simile classifica è sempre una cosa sciocca. Il risultato sarà sempre e comunque sindacabile. Allora perché la faccio? Così, per ingannare il tempo e divertirmi un po. Bello sarebbe anche se desse l'inizio ad un sano dibattito. Non cadiamo nel tranello di dare il via a sterili litigi. Per chi volesse esistono già numerosi siti dove litigare.
Stilare una simile classifica non è facile ed il risultato dipende esclusivamente dai parametri che si intendono utilizzare. Quelli a cui mi andrò a riferire sono:

successo della canzoneimpatto sociale nel momento in cui è stata pubblicatalongevità del successouniversalità del messaggio e del suonoprofondità del testocapacità di superare le barriere del tempo. Ogni volta che rileggo la classifica ci farei dei cambiamenti. Questo perché certi fenomeni sociali riescono a far tornare verde un messaggio mentre altri, col tempo, perdono la loro forza. Di fronte all'attuale crisi europea, chi non ha trovato attuali le canzoni…

Stupendo - Vasco Rossi

Il testamento spirituale di Massimo Riva. Stupendo è una delle mie canzoni preferite del grande Blasco! La musica è sua, ma, questa volta, al testo ci ha messo le mani un immenso Massimo Riva. Autore già di altri testi capolavoro come "dormi dormi" e "non mi va". La canzone assume un significato ancora più forte se si considera che di li a poco il grande autore/chitarrista morirà di overdose. Morire di overdose nel 1999, più che una morte accidentale, sembra un suicidio. Questo da ancora più forza e credibilità ad un testo che parla del male di vivere e del sentirsi inadeguati per questa società marcia e corrotta. Lo voglio sottolineare perché troppo spesso abbiamo scoperto che presunti artisti maledetti, una volta spente le telecamere, facevano una vita da yuppies. Mi viene in mente qualcuno che fino a ieri cantava canzoni come "nessuno" e oggi "comunisti col rolex". Una brutta ipocrisia che rafforza ancor di più la, già sgradevole, sensazione…