Passa ai contenuti principali

Gli Immortali - Jovanotti

jovanotti presenta gli immortali tratto dall'album lorenzo 2015cc

Lorenzo torna alle origini

Ecco il primo estratto dal nuovo album di Jovanotti, che si chiama appunto Jovanotti 2015 cc. Si ritorna al vecchio stile, quando gli LP prendevano il nome di Lorenzo 1992 e Lorenzo 1994. Il nome d'arte è comunque rimasto, per buona pace di Lorenzo Cherubini o Gino Latino (ve lo ricordate vero?).

Si ritorna a Tempo e Lorenzo 1994.

Il richiamo va effettivamente a Lorenzo 1994 e alla canzone "tempo". Fu un tormentone, che durò forse un'anno. La frase a cui si richiama è "se riuscirai a sopravvivere lontano dal branco e non c'è noia e non sarai mai stanco". Chi sono gli immortali? Quelli che sono cresciuti senza diventare grandi, che hanno ancora voglia di scoprire il mondo, di giocare, di divertirsi, di vivere insomma. Certo, perchè anche Lorenzo a 30 anni si poneva il dubbio: diventerò vecchio anch'io? No, voglio rimanere giovane e continuare a ballare per sempre, anche se gli altri invecchieranno, diventeranno adulti e perderanno la voglia di giocare. All'epoca il cantautore toscano, quando parlava di ballare, intendeva ballare in senso stretto. Essere giovani negli anni 90 significava passare le notti in discoteca e lui sognava di farlo fino ai cent'anni, e di non finire come gli altri che già a 30 smettevano. Con la vita poi ha scoperto che essere giovani dentro non significa divertirsi facendo le stesse cose che fanno i ragazzini, ma facendo le cose con la stessa gioia. Avere ogni giorno il piacere di scoprire cose nuove.

Come si rinasce?

E cosa sono le cose nuove? Viaggiare seduti dentro ad un aereo. Viaggiare per diventare un'altra persona. Viaggiare attraverso l'oceano, ma anche attraverso il tempo e attraverso le emozioni. E ad ogni viaggio siamo una persona nuova, o meglio, dei bambini che devono di nuovo imparare al mondo. E questo viaggio ricomincia ad ogni nuova tappa.

Chi sono gli immortali?

A proposito: chi sono gli immortali? Noi che ad ogni viaggio abbiamo voglia di ripartire e non ci stanchiamo mai. Immortali perchè siamo sempre bambini. Immortali perchè quando stiamo per invecchiare ripartiamo e diventiamo di nuovo bambini. Da notare il modo quasi fanciullesco con cui "grida" la canzone, proprio a voler sottolineare di essere di nuovo, sempre ed in eterno, bambino!

Testo de gli immortali di Jovanotti.

Sotto la curva del cielo
in un applauso di stelle
ho salutato la mia gioventù
per ritornare bambino
procedendo in avanti
senza passare dalla saggezza
masticando una gomma
al gusto di bicicletta
che non finisce mai
neanche se te ne vai
e lo ridico ancora
per impararlo a memoria
in questi giorni impazziti
di polvere e di gloria
e lo ripeto ancora
fino a strapparmi le corde vocali
ora che siam qui
noi siamo gli immortali
Seduta dentro a un aereo
con il biglietto di un’altra
hai salutato la tua classe di eroi
per fare il grande salto
per diventare la donna che sei
attraversando oceani di sguardi
senza passare dalla tristezza
innamorandoti dei bugiardi
masticando una gomma
al gusto di dopobarba
che non finisce mai
tra mezzanotte e l’alba
e lo ridico ancora
per impararlo a memoria
in questi giorni impazziti
di polvere e di gloria
e lo ripeto ancora
fino a strapparmi
le corde vocali
ora che siamo qui
ahhhh
noi siamo gli immortali
E hai disegnato a colori
il mondo che hai immaginato
te ne vai in giro a fare tentativi
finché non avrà combaciato
e fai il lavoro sporco
per non far finta di essere pulito
hai qualche superpotere
da usare contro il nemico
masticando una gomma
al sapore di infinito
che non finisce mai
che non finisce mai
non so se si è capito
e lo ridico ancora
per impararlo a memoria
in questi giorni impazziti
che qui si fa la storia
e lo ripeto ancora
fino a strapparmi
le corde vocali
ora che siamo qui
ora che siamo qui
ora che siamo qui
ahhh ahhhh
noi siamo gli immortali
na na na na naaaaaa
noi siamo gli immortali
na na na na naaaaaa
ora che siamo qui
na na na na naaaaaa
ora che siamo qui
na na na na naaaaaa
ora che siamo qui

Commenti

  1. scegli il tuo gusto preferito di gomma:
    bicicletta, dopobarba e infinito.
    ahahah

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahaahahahahahahahahahahahahahah

      Elimina
  2. Tre tipi di gomma come i cicli della mia vita...l`infanzia in bici, il ricordo di un uomo e del suo dopobarba e ora....sono adulta ma con un cuore immortale

    RispondiElimina
  3. Boh a me mi pare scemo come sempre , da quando cantava :'6 come la mia moto '

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Sally - Vasco Rossi

Chi è Sally. Non tutti hanno ancora capito che quando Vasco scrive una canzone autobiografica si nasconde sempre dentro un alter ego femminile. Ne sono esempi canzoni come Albachiara (il cantante di Zocca che parla della sua diversità) o Jenny è pazza (il cantante che, come molti adolescenti, passa le ore chiuso in camera, inducendo gli altri a credere nella sua pazzia). Sally è uno di questi alter ego. Si tratta di una delle canzoni più riuscite del rocker, tanto che egli stesso ha dichiarato in un'intervista che a volte vorrebbe fare un concerto solo per cantare questo brano.

My way - traduzione e significato testo

Non ho specificato My way - Frank Sinatra poichè il testo è stato scritto da Paul Anka sulle note di "Comme d'habitude" di Claude Francois. Però il cantante canadese non si è limitato a tradurre il brano, ma lo ha riscritto da capo. Il testo di Paul Anka è quello che canteranno Elvis Presley, Mirelle Mathieu, Nina Hagen, Michael Buble, Sid Vicius e, naturlamente, The Voice. Noi faremo riferimento a questa versione.

Stupendo - Vasco Rossi

Il testamento spirituale di Massimo Riva. Questa è una delle mie preferite. La musica è del grande cantautore, ma, questa volta, al testo ci ha messo le mani il grandissimo Massimo Riva. Autore già di altri testi capolavoro come "dormi dormi" e "non mi va". La canzone assume un significato ancora più forte se si considera che di li a poco il grande autore/chitarrista morirà di overdose. Lo voglio sottolineare perchè troppo spesso abbiamo scoperto che presunti artisti maledetti, una volta spente le telecamere, facevano una vita da yuppies. Una brutta ipocrisia che rafforza ancor di più la, già sgradevole, sensazione di essere soli ed incompresi. Massimo riva in questo brano ha posto l'accento sul proprio malessere, sul male di vivere in una società che non condivideva i suoi valori. Di provare, letteralmente, il vomito nel vedere come molti dei ribelli degli anni 70 si sia perfettamente integrati in questo modello di potere. La sua morte/suicidio è stato come u…