Passa ai contenuti principali

Sanremo 2017 - cantanti in gara

Teatro Ariston e festival di Sanremo
Riparte il deprimente festival della canzone leggera italiana. Jannacci contestava l'uso della parola "leggera", che sta a sottolineare il fatto che non si si voglia fare musica impegnata. Mi spiace contestare il grande Jannacci, ma trovo indispensabile quest'aggettivo: sarebbe ridicolo pretendere qualcosa di serio da questa passarella di star in cerca di consensi.

Presenta: Carlo Conti.

Non avrei mai pensato di avere nostalgia di Pippo Baudo!!! Per carità, rispetto per Carlo Conti, ma 3 festival di fila? Cioè, non abbiamo nessun altro papabile in tutta la penisola? Non perdo tempo a cercare i nomi di quelle che saranno le veline, letterine, vallette o come volete chiamarle.... speriamo parlino almeno italiano.

Passiamo ai big in gara:

Al Bano - Di rose e di spine: in un difficile periodo storico, in cui erogare pensioni è sempre più difficile, credo che l'autore pugliese meriti una menzione speciale da parte dell'INPS. Sinceramente, rispetto Al Bano per tante cose fatte, ma temo che stia diventando una macchietta. Mi domando che senso abbia partecipare per la tredicesima volta al festival, se non quella di promuovere la nuova canzone, sperando così di non cadere nel dimenticatoio...
Elodie - Tutta colpa mia: altro fenomeno di amici. Sopportiamolo ancora per questa volta, tanto questi scompaiono dopo una stagione...
Paola Turci - Fatti bella per te: vediamo se la cinquantatrenne di Roma ha ancora qualcosa da dire. Grandi ricordi!
Samuel - Vedrai: su di lui grava il peso di essere stato il frontman di quella che considero la miglior band italiana del nuovo millennio. Non sarebbe il primo che, una volta passato a solista, delude! (si veda Piero Pelù). In bocca al lupo!
Fiorella Mannoia - Che sia benedetta: una delle migliori interpreti del secolo scorso! Non ci sono dubbi!!! Ma questo è il festival della canzone leggera italiana o un revival?
Nesli e Alice Paba - Do retta a te: ma basta essere fratello di Fabri Fibra per essere un big? Già chiamare big il rapper mi viene difficile....
Michele Bravi - Il diario degli errori: e basta con questi realiti....
Fabrizio Moro - Portami via: questo autore è dalla vincita a Sanremo giovani che cerca di prendere il volo. Ci sta provando in tutti i modi, soprattutto partecipando a questo festival, ma sembra proprio non essercene. Forse è meglio pensare ad una carriera diversa.
Giusy Ferreri - Fatalmente male: uno dei pochi fenomeni da talent sopravvissuto. Certo adesso deve imparare a camminare da sola: a meno che non voglia diventare come quei cantanti che compaiono a Sanremo e poi vengono surgelati fino alla successiva edizione.
Gigi D'Alessio - La prima stella: coraggio Gigi :D....
Raige e Giulia Luzi - Togliamoci la voglia: vediamo Giulia in questa nuova sfida. In bocca al lupo!
Ron - L'ottava meraviglia: come detto sopra, più che un festival canoro sembra un reparto geriatrico!
Ermal Meta - Vietato morire: un curriculum di tutto rispetto, vediamo se riuscirà a fare il salto di qualità!
Michele Zarrillo - Mani nelle mani: un uomo finito musicalmente negli anni 90! Mah! Carlo Conti mi ricorda molto il dottor Frankistein!
Lodovica Comello - Il cielo non mi basta: una grande sfida per lei: passare da attrice in commediole per teenager a cantante! Buona fortuna
Sergio Sylvestre - Con te: ancora uno di amici....
Clementino - Ragazzi fuori: un rapper un po' meglio degli altri. La verità è che oggi il rap italiano è davvero idiota! Si salvano solo qualche pezzo degli articolo 31 o Jovanotti. Vediamo se quest'artista riesca ad dare qualcosa di positivo!
Alessio Bernabei - Nel mezzo di un applauso: che noia questi talent...
Chiara - Nessun posto è casa mia: ZzzzZZZzzzZZZZzzz, altra uscita da un reality, uguale a tutti gli altri...
Francesco Gabbani - Occidentali's karma: è stata la nuova proposta di Sanremo nelle precedenti edizioni. Vediamo se riuscirà a riconfermarsi.
Bianca Atzei - Ora esisti solo tu: questa viene dalla gavetta e non dai realit. Speriamo non ci deluda!
Marco Masini - Spostato di un secondo: coraggio Marco...

Commenti

  1. Risposte
    1. Ciao, gran bel blog. Scusa l'inattinenza del seguente messaggio con il tuo post, ma non so dove contattarti. Volevo chiederti se accetti suggerimenti sulle canzoni da analizzare e, nel caso di sì, se potevi fare un articolo sul significato di "Io muoio di te" di Umberto Tozzi. Grazie per l'eventuale risposta, ciao.
      P.S. Ma tifi Gigi D'Alessio a Sanremo?

      Elimina
    2. PS. Ho scritto io quel puntino. Stavo facendo una prova pensando di poterlo cancellare

      Elimina
    3. Accetto suggerimenti! Inoltre "Io muoio di te" mi sembra un testo interessante da studiare. Mi propongo di farlo al più presto. Ma se ti piacciono questi genere di post, perchè non ne scrivi qualcuno tu? Ti posso aggiungere come publisher se vuoi

      Elimina
    4. Non tifo Gigi, ero un po' ironico ;)

      Elimina
  2. Grazie per la disponibilità. E grazie per l'invito ma attualmente mi mancano tempo, voglia e idee. Comunque ti consiglio di fare qualcosa per rendere il tuo sito più facilmente rintracciabile, perchè scrivendo "significato canzoni" o "sito significato canzoni" non mi compariva il tuo sito (altri sì). Solo scrivendo "sito significato testo canzoni" mi è comparso. Ciao
    L'avevo immaginato che eri ironico, volevo la conferma ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. P.S. E neanche scrivendo "significato testo canzoni". Bisogna aggiungere per forza la parola "sito"

      Elimina
    2. Orpo! Qui andrebbe fatto un importante lavoro di SEO. Avessi tempo... quest'estate, salvo contrattempi, credo che lo porterò in Wordpress e magari è la volta che lo rendo anche più facile da rintracciare ;)

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Sally - Vasco Rossi

Chi è Sally. Non tutti hanno capito che quando Vasco scrive una canzone autobiografica si nasconde sempre dentro un alter ego femminile. Ne sono esempi canzoni come Albachiara (prima delle critiche andatevi a leggere il mio post "Albachiara non è una canzone d'amore), Jenny è pazza o brava Giulia, tanto per citarne qualcuna. Sally è uno di questi alter ego. Si tratta di una delle canzoni più riuscite del rocker di Zocca, tanto che egli stesso ha dichiarato in un'intervista che a volte vorrebbe fare un concerto solo per poter cantare questa canzone.

Classifica delle 100 migliori canzoni italiane di sempre

Disclamer: fare una simile classifica è sempre una cosa sciocca. Il risultato sarà sempre e comunque sindacabile. Allora perché la faccio? Così, per ingannare il tempo e divertirmi un po. Bello sarebbe anche se desse l'inizio ad un sano dibattito. Non cadiamo nel tranello di dare il via a sterili litigi. Per chi volesse esistono già numerosi siti dove litigare.
Stilare una simile classifica non è facile ed il risultato dipende esclusivamente dai parametri che si intendono utilizzare. Quelli a cui mi andrò a riferire sono:

successo della canzoneimpatto sociale nel momento in cui è stata pubblicatalongevità del successouniversalità del messaggio e del suonoprofondità del testocapacità di superare le barriere del tempo. Ogni volta che rileggo la classifica ci farei dei cambiamenti. Questo perché certi fenomeni sociali riescono a far tornare verde un messaggio mentre altri, col tempo, perdono la loro forza. Di fronte all'attuale crisi europea, chi non ha trovato attuali le canzoni…

Stupendo - Vasco Rossi

Il testamento spirituale di Massimo Riva. Stupendo è una delle mie canzoni preferite del grande Blasco! La musica è sua, ma, questa volta, al testo ci ha messo le mani un immenso Massimo Riva. Autore già di altri testi capolavoro come "dormi dormi" e "non mi va". La canzone assume un significato ancora più forte se si considera che di li a poco il grande autore/chitarrista morirà di overdose. Morire di overdose nel 1999, più che una morte accidentale, sembra un suicidio. Questo da ancora più forza e credibilità ad un testo che parla del male di vivere e del sentirsi inadeguati per questa società marcia e corrotta. Lo voglio sottolineare perché troppo spesso abbiamo scoperto che presunti artisti maledetti, una volta spente le telecamere, facevano una vita da yuppies. Mi viene in mente qualcuno che fino a ieri cantava canzoni come "nessuno" e oggi "comunisti col rolex". Una brutta ipocrisia che rafforza ancor di più la, già sgradevole, sensazione…