Passa ai contenuti principali

Sara - Antonello Venditti

Antonello Venditti canta Sara

Venditti e i suoi testi dal significato rivoluzionario.

Non sono un Fan di Antonello Venditti, ma, rileggendo i testi della musica leggera italiana, devo ammettere che è stato probabilmente il più rivoluzionario degli autori italiani. E' da sempre considerato un autore molto "POP", ma, obiettivamente, si è trovato spesso davanti ai più celebrati cantautori. Lui è stato il primo a scrivere una canzone sulla droga (Lilly), sul disagio giovanile (nata sotto il segno dei pesci) o sulla difficoltà di affermarsi dei giovani autori (Bomba o non bomba). Contro di scrivere a breve qualcosa sui citati testi, ma, per adesso, mi soffermo su Sara.

L'Italia del primo Venditti.

Si tratta di un testo così avveniristico per l'epoca, da non sembrarlo nemmeno. Chi è Sara? Sara è una ragazza madre. Non una ragazza madre qualunque, ma una ragazza madre degli anni '70. Ricordiamoci che la legge sul divorzio era stata approvata nel '74 e quella sull'aborto nel '81. Oggi essere ragazza madre significa andare in contro ad un sacco di difficoltà soprattutto di carattere economico e di gestione. E' dura, ma, per fortuna, anche le donne sono. Ma all'epoca non era solo un  problema "pratico". Era proprio una vergogna! Una vergogna che, spesso, obbligava le ragazza di paese, specialmente al sud, ad emigrare in grandi città del nord, dove potevano "nascondersi". E il marchio non restava solo sulla "svergognata", ma ricadeva spesso anche al bambino, al "figlio della colpa". Oggi non è più così o, almeno, non dappertutto. E il merito va anche a filosofi, cantanti, scrittori e pensatori in genere che in tutti questi anni hanno portato avanti una battaglia culturale in questa direzione. Tra questi c'è certamente il grande Antonello Venditti.

Un autore troppo avanti coi tempi

Ecco la ragione per cui dico che la canzone è così avveniristica da non sembrarlo nemmeno: perché grazie al suo lavoro e al lavoro di gente come lui, si è riusciti a cambiare questa mentalità retrograda e medioevale. Il fatto che oggi questo testo possa avere perso forza credo non dispiaccia all'autore, anzi, forse è la più grande gratificazione per il suo lavoro. Come dire: obiettivo centrato! (come un siluro ormai distrutto, ma che ha affondato la nave).
E veniamo a questa canzone:
Sara, svegliati è primavera.
Sara, sono le sette e tu devi andare a scuola,
Sara, prendi tutti i libri e accendi il motorino
e poi attenta, ricordati che aspetti un bambino.
 E' primavera! Ma che primavera? I fiori che rinascono e danno origine a nuova vita o la vita che rinasce nel ventre della giovane donna? Perché giovane donna? Perché va ancora a scuola! Si noti la delicatezza con cui Venditti introduce la protagonista del brano.
Sara, se avessi i soldi ti porterei ogni giorno al mare,
Sara, se avessi tempo ti porterei ogni giorno a far l'amore,
ma Sara, mi devo laureare, e forse un giorno ti sposerò, magari in chiesa, dove tua madre sta aspettando per poter piangere un po' 
La frustrazione del fidanzatino, anche lui studente, anche se universitario, che gli vuole regalare una vita più agiata o, meglio, con quei piccoli agi che ogni coppia dovrebbe avere: andare a fare una scampagnata o fare l'amore, ma con il grande sogno nel cassetto di poterla un giorno all'altare!

Sara, tu va dritta non ti devi vergognare,
le tue amiche dai retta a me lasciale tutte parlare,
Sara, è stato solo amore, se nel banco non c'entri più, 
E questo è il passaggio più importante della canzone: non provare vergogna, non ti curare dei commenti della gente perché è stato solo amore!!! 
Sara, è stato solo amore, se nel banco non c'entri più,
tu sei bella, anche sei vestiti non ti stanno più.
Sara, mentre dormivi l'ho sentito respirare,
Sara, mentre dormivi ti batteva forte il cuore,
Sara, tu non sei più sola, il tuo amore gli basterà,
il tuo bambino, se ci credi nascerà
Sara, Sara, Sara ....

Venditti in aiuto a tutte le persone emarginate o in difficoltà.

Chiunque in questa situazione  avrebbe il timore di non potercela fare. Come si fa a crescere un bambino a 16 anni e senza un padre? Come giustamente dice il nostro cantautore, l'amore di una madre è tutto quello che ci vuole.
Non dico che per scrivere una canzone del genere in quegli anni bisogni essere coraggiosi, ma certo lui è stato il primo a farlo. A lui e a tutti quelli come lui va il merito di aver cambiato una mentalità vecchia, ottusa, cattiva e razzista. Grazie Antonello.

Commenti

Post popolari in questo blog

Sally - Vasco Rossi

Chi è Sally. Non tutti hanno ancora capito che quando Vasco scrive una canzone autobiografica si nasconde sempre dentro un alter ego femminile. Ne sono esempi canzoni come Albachiara (il cantante di Zocca che parla della sua diversità) o Jenny è pazza (il cantante che, come molti adolescenti, passa le ore chiuso in camera, inducendo gli altri a credere nella sua pazzia). Sally è uno di questi alter ego. Si tratta di una delle canzoni più riuscite del rocker, tanto che egli stesso ha dichiarato in un'intervista che a volte vorrebbe fare un concerto solo per cantare questo brano.

My way - traduzione e significato testo

Non ho specificato My way - Frank Sinatra poichè il testo è stato scritto da Paul Anka sulle note di "Comme d'habitude" di Claude Francois. Però il cantante canadese non si è limitato a tradurre il brano, ma lo ha riscritto da capo. Il testo di Paul Anka è quello che canteranno Elvis Presley, Mirelle Mathieu, Nina Hagen, Michael Buble, Sid Vicius e, naturlamente, The Voice. Noi faremo riferimento a questa versione.

Stupendo - Vasco Rossi

Il testamento spirituale di Massimo Riva. Questa è una delle mie preferite. La musica è del grande cantautore, ma, questa volta, al testo ci ha messo le mani il grandissimo Massimo Riva. Autore già di altri testi capolavoro come "dormi dormi" e "non mi va". La canzone assume un significato ancora più forte se si considera che di li a poco il grande autore/chitarrista morirà di overdose. Lo voglio sottolineare perchè troppo spesso abbiamo scoperto che presunti artisti maledetti, una volta spente le telecamere, facevano una vita da yuppies. Una brutta ipocrisia che rafforza ancor di più la, già sgradevole, sensazione di essere soli ed incompresi. Massimo riva in questo brano ha posto l'accento sul proprio malessere, sul male di vivere in una società che non condivideva i suoi valori. Di provare, letteralmente, il vomito nel vedere come molti dei ribelli degli anni 70 si sia perfettamente integrati in questo modello di potere. La sua morte/suicidio è stato come u…