Passa ai contenuti principali

La fine - Tiziano Ferro

Tiziano Ferro - La fine
Eccolo qua, Tiziano Ferro, non ci annoia mai, non si fa mai aspettare troppo nel pubblicare un capolavoro dopo l'altro. Di nuovo ci esalta dimostrandoci la sua immensa bravura con la canzone "La fine".
Canzone nella quale riesce a dare e condividere con i suoi fan, come sempre d'altronde, il massimo di ciò che sente nel più profondo del suo cuore.

La canzone è trattata dall'album "L'amore è una cosa semplice" che oltre a questa canzone, contiene altri bellissimi capolavori che abbiamo già sentito.

In questa canzone Tiziano parla di se stesso, a volte in terza penso e altre in maniera diretta. Penso ciò perché sceglie di usare parole troppo dure e di profonda delusione, che si possono dire e pensare solo per se stessi.


Ma passiamo alla spiegazione del testo passo per passo.
Chiedo scusa a chi ho tradito, 
e affanculo ogni nemico 
Che io vinca o che io perda 
è sempre la stessa merda
Apre la canzone con una paragrafo molto toccante che ritengo sia rivolto a se stesso in terza persona. Si scusa per essere sempre riuscito a tradirsi e a farsi del male andando contro quello che riteneva giusto e si manda a quel paese per non essere riuscito a dimostrarsi migliore e più forte nei confronti di quelle persone che lo hanno messo nella condizione di fare scelte sbagliate. Ma giunto a questo punto, poco gli importa delle vittorie e delle sconfitte, sa già che qualunque coso faccia continuerà a sentirsi un niente.
E non importa quanta gente ho visto, quanta ne ho conosciuta 
Questa vita ha conquistato me e io l'ho conquistata 
'Questa vita' ha detto mia madre 'figlio mio va vissuta, 
Questa vita non guarda in faccia 
e in faccia al massimo sputa' 

Dice di aver visto e conosciuto molte persone ma tutte prive di importanza per il suo cammino, invece la vita gli ha insegnato molto. Ha imparato tutto fin da quando era piccolo, quando la mamma gli spiegava che la vita è spietata e non guarda in faccia nessuno e per ciò doveva viverla al massimo così come veniva.
Io mi pulisco e basta con la manica della mia giacca 
E quando qualcuno ti schiaccia 
devi essere il primo che attacca. 
Non ce l'ho mai fatta, ho sempre incassato, 
E sempre incazzato, fino a perdere il fiato
Per quanto la vita possa colpire forte, lui ha sempre trovato il coraggio di rialzarsi e di andare avanti. Vorrebbe poter essere più forte di modo da non permettere a nessuno che gli metta i piedi in testa, vorrebbe poter essere lui per una volta la parte più forte, ma nella sua vita non ci è mai riuscito. Si vede e sente come un debole, che ha sempre subito la cattiveria degli altri, e questa cosa lo ha sempre fatto soffrire ed arrabbiare fino quasi non riuscire più a respirare dalla rabbia.
Arriverà la fine, ma non sarà la fine 
E come ogni volta ad aspettare e fare mille file 
Con il tuo numero in mano 
e su di te un primo piano 
Come un bel film che purtroppo non guarderà nessuno.
In questo momento si sente così vuoto e privo di valore che si sente come il protagonista di un film che nessuno vuole guardare. Si sente in eterna attesa, in attesa che da un momento all'altro il dolore e la rabbia che sente in corpo prima o poi volgeranno al termine e solo allora sente che ci sarà un nuovo inizio.
Io non lo so chi sono e mi spaventa scoprirlo,
Guardo il mio volto allo specchio ma non saprei disegnarlo
Come ti parlo, parlo da sempre della mia stessa vita,
Non posso rifarlo e raccontarlo è una gran fatica.
Come tutti noi, anche Tiziano sente di non conoscersi fino in fondo e l'idea di approfondire la cosa lo spaventa molto. 
Quando dice che non sarebbe in grado di disegnare il suo volto riflesso allo specchio, intende dire che non si riconosce minimamente perché l'anima e lo spirito non si sentono appartenere a quel volto che è in grado di mascherare i suoi veri sentimenti. Ed esattamente come la maschera che porta in volto, ne porta una anche quando racconta della sua vita. Una vita di cui può raccontare solo in parte, dover nascondere continuamente chi è veramente lo affatica molto.
Vorrei che fosse oggi, in un attimo già domani 
Per reiniziare, per stravolgere tutti i miei piani, 
Perchè sarà migliore e io sarò migliore 
Come un bel film che lascia tutti senza parole.
Gli piacerebbe che oggi diventasse in un battibaleno quel domani in cui potrà reinizire tutta la sua vita da capo. Sa già che quando arriverà quel giorno sarà una persona migliore, una persona con cui tutti avranno piacere di parlare e passarci del tempo e si sentirà finalmente come quel film che tutti aspettavano di guardare.
Non mi sembra vero e non lo è mai sembrato 
Facile, dolce perchè amaro come il passato 
Tutto questo mi ha cambiato 
E mi son fatto rubare forse gli anni migliori 
Dalle mie paranoie e dai mille errori 
Sono strano lo ammetto, e conto più di un difetto 
Ma qualcuno lassù mi ha guardato e mi ha detto: 
'Io ti salvo stavolta, come l'ultima volta'.
Non ha mai creduto che la vita fosse facile, perché ha sempre riservato un po' di dolcezza e tanta amarezza e tutti questi avvenimenti, belli e brutti, lo hanno cambiato profondamente. Tradito perché si nascondeva dalle sue stesse paranoie e dai suoi errori, ha persona gli anni migliori della sua vita e per questo ora si sente una persona un po' strana, fuori posto. Ma qualcuno da lassù gli vole molto bene e gli ricordo, come l'ultima volta, che deve continuare a vivere la vita in attesa che arrivi il momento di quel domani che tanto ambisce.
Quante ne vorrei fare ma poi rimango fermo, 
Guardo la vita in foto e già è arrivato un altro inverno, 
Non cambio mai su questo mai, distruggo tutto sempre, 
Se vi ho deluso chieder scusa non servirà a niente.
Vorrebbe essere più coraggioso e agire di più, ma alla fine lascia che l'attimo gli scorra davanti senza fare niente. Mentre si guarda le ferite e le sconfitte che la vita gli ha inflitto si accorge vagamente che il tempo passa inesorabile e lui rimane sempre lì, fermo nelle sue idee consapevole di autodistruggersi. Sapendo di aver deluso se stesso e tutti gli altri fa delle scuse di cui è consapevole che non serviranno a niente, perché non cambierà ciò che pensa di se stesso.

La canzone si conclude con il ritornello in cui dice che vorrebbe che arrivi presto quel giorno in cui potrà essere una persona migliore, ma a personale parere credo che dovrebbe iniziare a fregarsene dei suoi errori e piacersi per quello che è. Perché A NOI PICI COSì COME SEI!!!!


Commenti

  1. Ma in verità la canzone è di Nesli!!!!!!

    RispondiElimina
  2. peccato che il testo origina le sia stato scritto da Francesco Tarducci alias Nesli,......

    RispondiElimina
  3. la canzone è bellissima mi rispecchia tanto molto molto emozionante...

    RispondiElimina
  4. e chissà se quel giorno arriverà mai

    RispondiElimina
  5. No scusa, ma fai sul serio???? Non ti è mica venuto in mente che il testo non è suo??? E' una COVER! SVEGLIA!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh solo che ha lodato per tutto il tempo Tiziano dicendo Tiziano quà, Tiziano là, quando invece tutti questi complimenti dovrebbero essere indirizzati a Nesli che è stato il poeta che ha scritto questa perla!! Questa cosa mi fa un po arrabbiare perchè ora tutti stanno lodando Ferro, quando lui ha fatto solo una cover anche se è stato molto bravo nell'interpretazione, e non dicono niente a Nesli che è l'artefice, solo perchè non è molto famoso e la maggior parte della gente neanche lo conosce. Vabbè tanto il giudizio mio non conta più di tanto. comuque Tiziano è bravissimo nel cantare questa canzone con la sua bellissima voce, ma l'interpretazione di un artista come Nesli è insuperabileeeee!!!!!

      Elimina
  6. Le parole scendono dritte al cuore, ed e molto significativa. Complimenti nesli!!! Drugo75

    RispondiElimina
  7. Peccato che tutti questi complimenti non sono da destinare a Ferro ma al vero autore della canzone, che io ritengo personalmente piu' un poeta e la sua poesia : Nesli - La Fine.
    Ciò che ha scritto riguarda la sua vita, ciò che lui ha passato, non si tratta di quella di Ferro. Si, Ferro l'ha sentita molto vicina alla sua di storia e ha voluto farne una cover ma essenzialmente si tratta della storia di Francesco,di Nesli.

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Sally - Vasco Rossi

Chi è Sally. Non tutti hanno ancora capito che quando Vasco scrive una canzone autobiografica si nasconde sempre dentro un alter ego femminile. Ne sono esempi canzoni come Albachiara (il cantante di Zocca che parla della sua diversità) o Jenny è pazza (il cantante che, come molti adolescenti, passa le ore chiuso in camera, inducendo gli altri a credere nella sua pazzia). Sally è uno di questi alter ego. Si tratta di una delle canzoni più riuscite del rocker, tanto che egli stesso ha dichiarato in un'intervista che a volte vorrebbe fare un concerto solo per cantare questo brano.

My way - traduzione e significato testo

Non ho specificato My way - Frank Sinatra poichè il testo è stato scritto da Paul Anka sulle note di "Comme d'habitude" di Claude Francois. Però il cantante canadese non si è limitato a tradurre il brano, ma lo ha riscritto da capo. Il testo di Paul Anka è quello che canteranno Elvis Presley, Mirelle Mathieu, Nina Hagen, Michael Buble, Sid Vicius e, naturlamente, The Voice. Noi faremo riferimento a questa versione.

Stupendo - Vasco Rossi

Il testamento spirituale di Massimo Riva. Questa è una delle mie preferite. La musica è del grande cantautore, ma, questa volta, al testo ci ha messo le mani il grandissimo Massimo Riva. Autore già di altri testi capolavoro come "dormi dormi" e "non mi va". La canzone assume un significato ancora più forte se si considera che di li a poco il grande autore/chitarrista morirà di overdose. Lo voglio sottolineare perchè troppo spesso abbiamo scoperto che presunti artisti maledetti, una volta spente le telecamere, facevano una vita da yuppies. Una brutta ipocrisia che rafforza ancor di più la, già sgradevole, sensazione di essere soli ed incompresi. Massimo riva in questo brano ha posto l'accento sul proprio malessere, sul male di vivere in una società che non condivideva i suoi valori. Di provare, letteralmente, il vomito nel vedere come molti dei ribelli degli anni 70 si sia perfettamente integrati in questo modello di potere. La sua morte/suicidio è stato come u…