Passa ai contenuti principali

David Bowie - Where are we now?

Significato del testo della canzone di David Bowie where are you now
David Bowie si fa sentire raramente di questi tempi, ma su una cosa  non esistono dubbi: non è mai prevedibile. La canzone "Where are we now", ovvero, dove siamo adesso ha un testo tutt'altro che banale, come potrebbe sembrare ad un primo ascolto.
Non è la canzone di una persona che si è persa durante una passeggiata. Il luogo dove si è perso è "nella giungla" (Dschungel in tedesco) di Potsdamer Platz, piazza simbolo del muro di Berlino. 
Had to get the train 
From Potsdamer Platz 
You never knew that 
That I could do that 
Just walking the dead 
 
Sitting in the Dschungel 
On Nürnberger Straße .

La sua attenzione cade su di un uomo, un uomo perso nel tempo, un uomo già morto.

E come lui migliaia di persone attraversano quella piazza, senza una ragione, tutte persone già morte ("dead man walking" come dicono negli stati uniti per i condannati).

E quindi torna ossessiva la domanda: dove siamo? Ma perchè questa domanda? Dove siamo in che senso? Per capirlo, probabilmente, bisognerebbe avere la mia età. Quando cadeva il muro di Berlino l'umanità si arricchiva di grandi ideali, il nemico storico (la Russia, lo Stalinismo, la superpotenza straniera) cessavano di essere, e, come conseguenza, il mondo non avrebbe più dovuto concentrare le proprie energie a combattere e temere un nemico ormai inesistente, ma pensare solo a creare un futuro radioso per tutti gli uomini.

Poi, la felicità che ci si aspettava sarebbe caduta su tutti gli uomini come un miracolo, non è arrivata. Anzi, sembra che anche il tanto acclamato liberismo stia deludendo, che lo sfruttamento dell'uomo sull'uomo esista ancora, che le ingiustizie non siano cessate, e, paradossalmente, di guerre ce ne siano ancora di più.

Nel 1989 abbiamo cominciato un percorso, ma poi abbiamo abbandonato la strada maestra, e adesso ci stiamo domandando: dove siamo?

Commenti

  1. secondo me siamo al punto iniziale, ma con una grande differenza: non c'è più la contrapposizione palese. Venendo a mancare quella, vengono a mancare i punti di riferimento x una parte e x l'altra. Il bene ed il male, il vero e il falso, sono inscindibili e perdono il loro valore ed il loro spessore e significato nel momento stesso in cui se ne cancella uno. Con la caduta del muro sembrava ovvio che le cose potessero e dovessero solo migliorare ed invece e solo venuto a mancare il punto di contrappeso all'opulenza globale dei poteri economico-politici dell'occidente. Evidenziando tutti i suoi limiti che oggi viviamo sulla nostra pelle. Giovanni

    RispondiElimina
  2. Già, nelle dittature almeno hanno il vantaggio di sapere chi è il loro nemico. Noi non sappiamo nemmeno quello. Anzi, siamo i nemici di noi stessi, visto che facciamo parte della macchina che ci sta schiacciando

    RispondiElimina
  3. Molto interessante!

    RispondiElimina
  4. Ma David Bowie non si è mai occupato di politica. Siete sicuri che sia così? Possibile che voi comunisti dobbiate sempre difendere lo stalinismo?

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Sally - Vasco Rossi

Chi è Sally. Non tutti hanno ancora capito che quando Vasco scrive una canzone autobiografica si nasconde sempre dentro un alter ego femminile. Ne sono esempi canzoni come Albachiara (il cantante di Zocca che parla della sua diversità) o Jenny è pazza (il cantante che, come molti adolescenti, passa le ore chiuso in camera, inducendo gli altri a credere nella sua pazzia). Sally è uno di questi alter ego. Si tratta di una delle canzoni più riuscite del rocker, tanto che egli stesso ha dichiarato in un'intervista che a volte vorrebbe fare un concerto solo per cantare questo brano.

My way - traduzione e significato testo

Non ho specificato My way - Frank Sinatra poichè il testo è stato scritto da Paul Anka sulle note di "Comme d'habitude" di Claude Francois. Però il cantante canadese non si è limitato a tradurre il brano, ma lo ha riscritto da capo. Il testo di Paul Anka è quello che canteranno Elvis Presley, Mirelle Mathieu, Nina Hagen, Michael Buble, Sid Vicius e, naturlamente, The Voice. Noi faremo riferimento a questa versione.

Stupendo - Vasco Rossi

Il testamento spirituale di Massimo Riva. Questa è una delle mie preferite. La musica è del grande cantautore, ma, questa volta, al testo ci ha messo le mani il grandissimo Massimo Riva. Autore già di altri testi capolavoro come "dormi dormi" e "non mi va". La canzone assume un significato ancora più forte se si considera che di li a poco il grande autore/chitarrista morirà di overdose. Lo voglio sottolineare perchè troppo spesso abbiamo scoperto che presunti artisti maledetti, una volta spente le telecamere, facevano una vita da yuppies. Una brutta ipocrisia che rafforza ancor di più la, già sgradevole, sensazione di essere soli ed incompresi. Massimo riva in questo brano ha posto l'accento sul proprio malessere, sul male di vivere in una società che non condivideva i suoi valori. Di provare, letteralmente, il vomito nel vedere come molti dei ribelli degli anni 70 si sia perfettamente integrati in questo modello di potere. La sua morte/suicidio è stato come u…