Passa ai contenuti principali

Ci vuole un fisico bestiale - Luca Carboni

Fisico Bestiale Luca Carboni
Perché scrivo di questa canzone 20 anni dopo? Sinceramente non lo so, la ho ascoltata per radio e mi è venuta voglia di scriverci su qualcosa. È curioso che una canzone dal significato chiaro come questa, può diventare un po' ostica dopo tanto tempo. I modi di dire sono cambiati e anche i valori morali della società in cui viviamo. Ed allora un ragazzino di oggi potrebbe non capire fino in fondo quello che per noi era una cosa ovvia, quasi scontato. Ma veniamo al dunque.

Cos'è un fisico bestiale?

Cosa significa avere un fisico bestiale? Era un modo di dire molto in voga: un fisico bestiale era un fisico in forma smagliante, bello, giovane, scattante, sportivo, affascinante... insomma, il meglio del meglio. Avere un fisico bestiale era davvero una grande benedizione! Un fisico bestiale lo avevano Mickey Rourke, Sylverter Stallone, ma anche Sharon Stone. Insomma: avere un fisico bestiale significava essere un numero 1. Siamo nei primi anni 90, gli ideali del '68 sono ormai un nostalgico ricordo per adulti ingenui che non sono mai cresciuti e la cultura liberista/competitiva che Regan e la Tatcher hanno venduto al mondo è stata ampiamente assorbita dall'Italia nel corso degli anni '80. A questo ha contribuito anche la televisione che, in quegli anni, entrava in ogni casa con trasmissioni di dubbia qualità, come il "drive in" o i fagiolini di Raffaella Carrà.
Anni 90: vincenti, perdenti e yuppies
Eccoci quindi arrivati agli anni '90, ormai la competizione c'è la abbiamo nel DNA, ed il mondo è diviso in due: chi ha il fisico bestiale ed è in grado di combattere, emergere e competere e chi non c'è l'ha, ed è destinato ad essere un cittadino di serie B. Con ironia, critica e quel malcelato pessimismo che è il marchio di fabbrica del grande cantautore bolognese, Luca Carboni dedica a questi Yuppies degli anni '90 questa canzone.

Luca Carboni e le sfide della vita

Ci vuole un  fisico bestiale per essere cittadini di serie A, e quando c'è la fai, che cosa ti aspetta? Intanto non dovrai più avere paura del giudizio degli altri - come se fosse il giudizio degli altri quello che davvero. Poi un fisico bestiale ti aiuterà a combattere le sfide della vita, visto che nessuno è disposto ad accettarti per quello che sei veramente. Ci vuole un fisico bestiale perchè siamo sempre ad un incrocio, dobbiamo fare delle scelte, c'è una sfida da combattere ogni giorno, insomma, sei in un mondo competitivo ed hai bisogno di fisico se vuoi rimanere a galla. E se hai questo fisico bestiale, se ti alleni ad essere bastardo, se combatti con le unghie e con i denti ad ogni sfida, allora avrai il privilegio di essere tra i vincenti. E a cosa ti da diritto tutto questo? Ti da diritto a partecipare alle cene dei vincenti (oggi diremmo le cene di Briatore e Gialuca Vacchi), e tutti moriranno di invidia a saperti li con loro, ma, in realtà, si tratta di una squallida cena in compagnia tipi furbi ed arroganti. Una bella cena tra bastardi insomma, di altri che, come te, condividono il privilegio di avere un fisico bestiale. Ma essere arroganti è importante in questo mondo, perché siamo tutti ignoranti, ma vogliamo insegnare, siamo tutti malati, ma ci sentiamo dottori. In altre parole poco conta quello che sei veramente, conta quello che vedono gli altri, come ti vendi. Non diceva un noto politico-imprenditore che la scuola deve insegnare ai ragazzi ad essere imprenditori di se stessi?? E quindi cosa c'è di meglio che un visico bestiale da esporre, per nascondere il proprio vero io, con tutti i suoi difetti e tutte le sue vergogne?
Ovviamente tutto questo va letto in chiave ironica, anzi, critica. Luca Carboni ha sempre mostrato di detestare questa società dove la gente si guadagna un ruolo con l'arroganza a danno dei più deboli. La conzone fu una specie di tormentone estivo. Bene da un lato, perché ha avuto il successo che si meritava e, immagino, abbia dato la giusta soddisfazione al suo autore, male, perché i più l'avranno presa come una filastrocca, senza capirne il significato più profondo. Cosa purtroppo frequnte con le canzoni di Luca Carboni e non solo. Mi viene in mente Capparezza che ha implorato di non suonare "vieni a ballare in Puglia" ai matrimoni, possibile che nessuno abbia capito che è una canzone sulla morte? Parafrasandolo, il testo direbbe "vieni a morire in Puglia", si, perché in puglia si muore di mafia, di inedia, di ignoranza, di omertà, di ipocrisia tutti i giorni (secondo l'autore naturalmente - io adoro la Puglia).

Luca: ragalaci ancora delle grandi canzoni!

Ancora una considerazione: ogni volta che mi trovo a parlare del grande Luca Carboni mi ritrovo a parlare di capolavori di vent'anni fa. Partito con un primo album che merita di essere messo tra i più grandi album della musica italiana di sempre, ha fatto poi dei pezzi pregevoli, ma è andato lentamente svanendo. Sia chiaro che questa è la mia impressione, ma quanto vorrei riascoltare un Carboni grande come quello che ce lo ha fatto conoscere, che incideva pezzi storici come "Silvia lo sai" o "Farfallina". Poi chissà, se tornasse alle origini, magari io sarei il prima o contestarlo dicendo che non si è evoluto... la dura vista dell'artista è anche questo.

Testo della canzone ci vuole un fisico bestiale di Luca Carboni

Ci vuole un fisico speciale
per fare quello che ti pare
perché di solito a nessuno
vai bene così come sei
Tu che cercavi comprensione sai
ti trovi lì in competizione sai
Ci vuole un fisico bestiale
per resistere agli urti della vita
a quel che leggi sul giornale
e certe volte anche alla sfiga
Ci vuole un fisico bestiale sai, speciale sai
anche per bere e per fumare
Ci vuole un fisico bestiale
perché siamo sempre ad un incrocio
sinistra, destra oppure dritto
il fatto è che è sempre un rischio
Ci vuole un attimo di pace
di fare quello che ci piace
E come dicono i proverbi
e lo dice anche mio zio
mente sana in corpo sano
e adesso son convinto anch'io
Ci vuole molto allenamento
per stare dritti controvento
Ci vuole un fisico bestiale
per stare nel mondo dei grandi
e poi trovarsi a certe cene
con tipi furbi ed arroganti
Ci vuole un fisico bestiale sai, speciale sai
può anche fare molto male sai
Ci vuole un fisico bestiale
il mondo è un grande ospedale
e siamo tutti un po' malati
ma siamo anche un po' dottori
E siamo tutti molto ignoranti sai
ma siamo anche un po' insegnanti sai
Ci vuole un fisico bestiale
perché siam barche in mezzo al mare

Commenti

Post popolari in questo blog

Sally - Vasco Rossi

Chi è Sally. Non tutti hanno capito che quando Vasco scrive una canzone autobiografica si nasconde sempre dentro un alter ego femminile. Ne sono esempi canzoni come Albachiara (prima delle critiche andatevi a leggere il mio post "Albachiara non è una canzone d'amore), Jenny è pazza o brava Giulia, tanto per citarne qualcuna. Sally è uno di questi alter ego. Si tratta di una delle canzoni più riuscite del rocker di Zocca, tanto che egli stesso ha dichiarato in un'intervista che a volte vorrebbe fare un concerto solo per poter cantare questa canzone.

Classifica delle 100 migliori canzoni italiane di sempre

Disclamer: fare una simile classifica è sempre una cosa sciocca. Il risultato sarà sempre e comunque sindacabile. Allora perché la faccio? Così, per ingannare il tempo e divertirmi un po. Bello sarebbe anche se desse l'inizio ad un sano dibattito. Non cadiamo nel tranello di dare il via a sterili litigi. Per chi volesse esistono già numerosi siti dove litigare.
Stilare una simile classifica non è facile ed il risultato dipende esclusivamente dai parametri che si intendono utilizzare. Quelli a cui mi andrò a riferire sono:

successo della canzoneimpatto sociale nel momento in cui è stata pubblicatalongevità del successouniversalità del messaggio e del suonoprofondità del testocapacità di superare le barriere del tempo. Ogni volta che rileggo la classifica ci farei dei cambiamenti. Questo perché certi fenomeni sociali riescono a far tornare verde un messaggio mentre altri, col tempo, perdono la loro forza. Di fronte all'attuale crisi europea, chi non ha trovato attuali le canzoni…

Stupendo - Vasco Rossi

Il testamento spirituale di Massimo Riva. Stupendo è una delle mie canzoni preferite del grande Blasco! La musica è sua, ma, questa volta, al testo ci ha messo le mani un immenso Massimo Riva. Autore già di altri testi capolavoro come "dormi dormi" e "non mi va". La canzone assume un significato ancora più forte se si considera che di li a poco il grande autore/chitarrista morirà di overdose. Morire di overdose nel 1999, più che una morte accidentale, sembra un suicidio. Questo da ancora più forza e credibilità ad un testo che parla del male di vivere e del sentirsi inadeguati per questa società marcia e corrotta. Lo voglio sottolineare perché troppo spesso abbiamo scoperto che presunti artisti maledetti, una volta spente le telecamere, facevano una vita da yuppies. Mi viene in mente qualcuno che fino a ieri cantava canzoni come "nessuno" e oggi "comunisti col rolex". Una brutta ipocrisia che rafforza ancor di più la, già sgradevole, sensazione…