Passa ai contenuti principali

Umberto Tozzi - Ti amo

umberto tozzi canta ti amo

Ti amo, quarant'anni e non capirla.

Poche canzoni come queste hanno segnato una generazione. Se andate a vedere i vari commenti su youtube sono tutti dello stesso tenore: "che bella canzone, quanti ricordi...". L'abbiamo ascoltata e cantata per anni, eppure, quando chiedo a qualcuno il significato del testo di questa canzone, mi sento sempre rispondere cose del tipo: "facile, è una canzone d'amore". Sicuri? Si, va bene, si sente ripetere mille e mille volte il ritornello "ti amo", ma ne siete sicuri? Allora spiegatemi cos'è un guerriero di carta igienica, e perché "un soldo ti amo", e cos'è questo vino leggero? Insomma, sembra un calderone di frasi senza senso e, forse, in parte lo è davvero.

Ossessionati dal dubbio.

Cominciamo col dire che se un testo ripete mille volte ti amo non è una canzone d'amore! È un "giochetto", nato dalla pittura, che ha avuto la sua massima implementazione nel cinema. Esisteva già nei quadri rinascimentali. Serve a sviare lo spettatore del vero messaggio, così che per carpirne il significato siamo obbligati ad ascoltarlo e riascoltarlo mille volte.
Approfitto per aggiungere anche una considerazione personale: avete per caso un amico (ma più spesso un'amica) che vi ripete mille volte di essere innamorato del proprio compagno come il primo giorno? Che lo ama da morire... che la loro coppia e perfetta... la rana e la fava...? Bene, quando io li sento, mi domando sempre chi stiano cercando di convincere: me o se stessi? Per la musica è uguale: se ti ripeto un concetto mille volte, forse sotto sotto voglio nascondere qualcosa. Tornando a noi, si, questa è una canzone sull'amore, ma una canzone d'amore!

Lui, lei e l'altra... tanto per cambiare!

Alla fine, se pur con uno spessore differente, si cade ancora una volta sul classico degli anni settanta: il marito, la moglie e l'amante. Questa canzone infatti è divisa in due parti: nella prima l'autore si rivolge all'amante, esternando il suo amore, ma anche i suoi dubbi e le sue paure, nella seconda alla moglie, alla quale invia quasi una preghiera disperata, implorandola di fargli riscoprire il fascino del matrimonio, quel fascino che si è perso. Perché il nostro autore soffre tremendamente la situazione, anzi, si disprezza proprio!

L'amante.

Nella prima parte parla alla sua amante. Un'amante che gli da sesso e passione, che lo fa tremare davanti al suo seno. L'autore è consapevole che sta facendo un gioco pericoloso, un gioco d'azzardo, come una monetina lanciata in aria. Una donna che lo fa impazzire a letto, alla quale chiede di dargli quella metà dell'amore che non riesce più ad ottenere dalla moglie: "l'amore che a letto si fa, datemi l'altra metà". Un'amante con la quale resterebbe tutto il tempo possibile, ma purtroppo è il primo maggio, e non ha scuse da raccontare alla moglie, è la festa del lavoro! E quindi torna a casa.

La moglie e il rapporto stanco.

Appena tornato dalla moglie le prime cose che gli escono dal cuore sono un "ti amo" e un "ti chiedo perdono". La domanda "ricordi chi sono?" non è rivolta da lui alla moglie, ma a se stesso. Ti ricordi ancora chi sei? Un marito e padre di famiglia? Apri la porta ad un guerriero di carta igienica è una delle frasi che sono ancora oggetto di discussione. Premettiamo che in quegli anni era un giocattolo in voga. Non esistevano tablet o playstation e, per giocare, ci si costruiva i soldatini con il cartoncino della carta igienica. In un intervista Bigazzi, l'autore del testo, disse che un uomo di carta igienica altro non è che un uomo buono per pulirsi il culo. Sta a sottolineare il senso di colpa. Alla moglie, differentemente dall'amante, non chiede passione, di fronte al seno della moglie non trema, anzi, è solo un vino leggero, che non è nemmeno in grado di inebriarlo. Chiede un bambino, che forse è l'unica cosa che può dare un po' di ossigeno al rapporto, un rapporto fatto ormai di frasi di circostanza, del tipo "ciao amore, che hai fatto quando non c'ero?", "hai cambiato le lenzuola?". Secondo il contributo di Valerio nei commenti, il vino leggero sarebbe il ciclo. Il contributo è da considerarsi di un certo peso, visto che Valerio dichiara di aver contribuito alla stesura del testo.

Niente polemiche.

Non finirò mai di ripeterlo: una canzone, come una poesia, non ha mai un'unica spiegazione o una spiegazione giusta. Per questo usiamo il termine "interpretazione", perché cambia da persona a persona. Il significato della stessa dipende esclusivamente sensibilità e dallo stato d'animo dell'ascoltatore. Per cui scrivete pure le vostre interpretazioni, e segnalatemi pure eventuali imprecisioni, ma evitate i soliti: "non hai capito un cazzo". ;)

Testo della canzone ti amo di Umberto Tozzi (scritto da Brignani).

ti amo,
in aria
ti amo
se viene testa vuol dire che basta
lasciamoci.
ti amo, io sono, ti amo, in fondo un uomo
che non ha freddo nel cuore, nel letto
comando io
ma tremo davanti al tuo seno,
ti odio e ti amo,
è una farfalla che muore sbattendo le ali
l'amore che a letto si fa
prendimi l'altra metà
oggi ritorno da lei
primo Maggio, su coraggio
Io ti amo e chiedo perdono
ricordi chi sono
apri la porta a un guerriero di carta igienica
e dammi il tuo vino leggero
che hai fatto quando non c'ero
e le lenzuola di lino
dammi il sonno di un bambino
che fa
sogna
cavalli e si gira
e un po' di lavoro
fammi abbracciare una donna che stira
cantando
e poi fatti un po' prendere in giro
prima di fare l'amore
vesti la rabbia di pace e sottane sulla luce
io ti amo e chiedo perdono
ricordi chi sono
ti amo, ti amo, ti amo ti amo
e dammi il tuo vino leggero
che hai fatto quando non c'ero
e le lenzuola di lino
dammi il sonno di un bambino
che fa
sogna
cavalli e si gira
e un po' di lavoro
fammi abbracciare una donna che stira
cantando
e poi fatti un po' prendere in giro
prima di fare l'amore
vesti la rabbia di pace e sottane sulla luce
io ti amo e chiedo perdono
ricordi chi sono
ti amo, ti amo, ti amo ti amo

Commenti

  1. Perfino un' interpretazione plausibile del testo enigmatico. Non sono d' accordo con tutti i detagli e la mia conoscenza limitata della lingua mi impedisce di capire tutte le finezze. Ma questo è il migliore di tutto che mai ho letto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh, dipende se Tozzi è tipo da rosso o da bianco; nel secondo caso potrebbe essere una squirtata

      Elimina
  2. apri la porta ad un guerriero di carta igienica....dammi il tuo vino leggero etc si riferisce al ciclo mestruale ed alla sua inclinazione ad abbeverarsi a tale fonte. La mia fonte e' certa avendo collaborato alla stesura

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Può dare più spiegazzione? Sono Belga e seguo un corso della lingua Italiana. Per compito devo fare un' analisi di questa canzone. Quindi tutta informazione è la benvenuta.

      Elimina
    2. ...l'idea del ciclo mestruale è fantastica Valerio...in che senso hai contributo al testo?...

      Elimina
    3. Infatti Valerio, sono curioso. In ogni caso aggiungo al testo

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Classifica delle 100 migliori canzoni italiane di sempre

Disclamer: fare una simile classifica è sempre una cosa sciocca. Il risultato sarà sempre e comunque sindacabile. Allora perché la faccio? Così, per ingannare il tempo e divertirmi un po. Bello sarebbe anche se desse l'inizio ad un sano dibattito. Non cadiamo nel tranello di dare il via a sterili litigi. Per chi volesse esistono già numerosi siti dove litigare.
Stilare una simile classifica non è facile ed il risultato dipende esclusivamente dai parametri che si intendono utilizzare. Quelli a cui mi andrò a riferire sono:

successo della canzoneimpatto sociale nel momento in cui è stata pubblicatalongevità del successouniversalità del messaggio e del suonoprofondità del testocapacità di superare le barriere del tempo. Ogni volta che rileggo la classifica ci farei dei cambiamenti. Questo perché certi fenomeni sociali riescono a far tornare verde un messaggio mentre altri, col tempo, perdono la loro forza. Di fronte all'attuale crisi europea, chi non ha trovato attuali le canzoni…

Stupendo - Vasco Rossi

Il testamento spirituale di Massimo Riva. Stupendo è una delle mie canzoni preferite del grande Blasco! La musica è sua, ma, questa volta, al testo ci ha messo le mani un immenso Massimo Riva. Autore già di altri testi capolavoro come "dormi dormi" e "non mi va". La canzone assume un significato ancora più forte se si considera che di li a poco il grande autore/chitarrista morirà di overdose. Morire di overdose nel 1999, più che una morte accidentale, sembra un suicidio. Questo da ancora più forza e credibilità ad un testo che parla del male di vivere e del sentirsi inadeguati per questa società marcia e corrotta. Lo voglio sottolineare perché troppo spesso abbiamo scoperto che presunti artisti maledetti, una volta spente le telecamere, facevano una vita da yuppies. Mi viene in mente qualcuno che fino a ieri cantava canzoni come "nessuno" e oggi "comunisti col rolex". Una brutta ipocrisia che rafforza ancor di più la, già sgradevole, sensazione…

Sally - Vasco Rossi

Chi è Sally. Non tutti hanno capito che, quando Vasco scrive una canzone autobiografica, si nasconde sempre dentro un alter ego femminile. Ne sono esempi canzoni come Albachiara (prima delle critiche andatevi a leggere il mio post "Albachiara non è una canzone d'amore), Jenny è pazza o brava Giulia (tanto per citarne qualcuna). Siccome continuo a ricevere insulti sui commenti, vi invito semplicemente ad andarvi a vedere la lunga intervista fatta a Bonolis dove spiega come ha scelto il nome Sally. Aggiunge pure che il suo alter ego è femminile perché "un uomo che non ha più voglia di fare la guerra" è una nullità, per cui ha scelto di nascodersi dietro un nome di donna. Io lo dicevo nel 2012 da questo blog (ma lo avevo capito molto prima), e, dopo 6 anni di futili insulti nei commenti, finalmente anche Vasco mi ha dato ragione. Non che ce ne fosse bisogno, il testo è molto chiaro, ma gli hater non sanno ascoltare. Si tratta di una delle canzoni più riuscite del rock…