Passa ai contenuti principali

Passato Sanremo

Fiori della città del festival di sanremo
Ho sempre detestato il festival dei fiori. Attenzione, non che non apprezzi la manifestazione. Anzi, si tratta di un'importante festival canoro che, negli anni, ha sfornato pezzi di musica che hanno finito per diventare dei classici. Il problema è un'altro: la classifica. A Sanremo c'è un vincitore, e quindi tutti partecipano per guadagnarsi il primo premio. C'è un solo modo per vincere: proporsi con una canzone che piaccia subito, che piaccia al popolino, che sia perfettamente aderente alla moda del momento. Proprio qui sta il punto. Sanremo ha sempre avuto un fortissimo impatto mediatico e, nei mesi successivi alla manifestazione, tutte le radio sono da sempre impegnate a farci riascoltare i brani in concorso.


Con quali conseguenze? Be, una prima di tutte: in Italia si è sempre detto che la musica è stata carente di ricerca, spesso troppo banale, troppo scontata, troppo legata agli anni 60. Ed ecco che, mentre vari autori cercavano di portare generi nuovi, come il rock, la discomusik, il jazz o addirittura di inventarli, come De Andrè, Paolo Conte o Giorgio Gaber, da febbraio tutto viene "piallato" e si torna alla solita canzonetta all'italiana.
Ecco perchè ho sempre detestato Sanremo, perchè la sua eccessiva importanza, unita alla necessità di fare musica populista, ha sempre castrato tutta la ricerca musicale italiana, e ci ha "costretto" ad ascoltare per quarant'anni fenomeni come Albano, i ricchi e poveri e Toto Cutugno. Attenzione, non è che io condanni questi autori, dico solo che hanno tolto ossigeno a tutti i fenomeni che lottavano per emergere in Italia.
Ma perchè Sanremo non ha più l'impatto mediatico di un tempo? Motivi ce ne sono parecchi:
  • nuovi fenomeni come x-factor o derivati
  • nascita di nuovi media come Internet
  • presenza di altri festival "specialistici"
Qualcuno noterà che ho omesso il fatto che Sanremo è più un fenomeno di gossip piuttosto che un festival canoro, ma secondo me questa è la sola cosa che lo tiene in piedi. Un'altro aspetto è il calo della qualità delle canzoni. So che di questo si potrebbe parlare per ore e ore, ma oggettivamente, diamo uno sguardo al alcuni Sanremo presi a caso degli anni 80 e vi elenco qualche canzone:
  • 1986
    Adesso Tu - Eros Ramazzotti
    E' tutto un'attimo - Anna Oxa
    Via Margutta - Santarossa
    Canzone Triste - Zucchero
  • 1987
    Si può dare di più - Tozzi Morandi Ruggeri
    Nostalgia Canaglia - Al Bano e Romina
    Io Amo - Fausto Leali
    Quello che le donne non dicono - Fiorella Mannoia
Ho preso due Sanremo a caso e 8 di queste canzoni sono entrate nella leggenda! Sarebbe uguale per tutti gli altri. Adesso vi chiedo: quale canzone ricordate degli ultimi 10 festival? Che dire? A me questa crisi piace perchè lascia spazio a tutto il laboratorio musicale che c'è in Italia, e finalmente da spazio a chi propone qualcosa di nuovo e alternativo. Spero che questa spazio non venga occupato da reality e altri fenomeni da baraccone. 
Largo ai giovani e... se son rose fioriranno!

Commenti

  1. I was looking for an explanation about "E tutto un attimo" and you come with this personal discourse about the things that you hate? from the Italian music?? Either the entity who is trying to answer at the many questions aobut this and that.. doesn't know how to solve all this questions and in top of it? you come with futile stupidity about your PERSONAL point of view

    RispondiElimina
  2. The is a site with only personal point of view!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Classifica delle 100 migliori canzoni italiane di sempre

Disclamer: fare una simile classifica è sempre una cosa sciocca. Il risultato sarà sempre e comunque sindacabile. Allora perché la faccio? Così, per ingannare il tempo e divertirmi un po. Bello sarebbe anche se desse l'inizio ad un sano dibattito. Non cadiamo nel tranello di dare il via a sterili litigi. Per chi volesse esistono già numerosi siti dove litigare.
Stilare una simile classifica non è facile ed il risultato dipende esclusivamente dai parametri che si intendono utilizzare. Quelli a cui mi andrò a riferire sono:

successo della canzoneimpatto sociale nel momento in cui è stata pubblicatalongevità del successouniversalità del messaggio e del suonoprofondità del testocapacità di superare le barriere del tempo. Ogni volta che rileggo la classifica ci farei dei cambiamenti. Questo perché certi fenomeni sociali riescono a far tornare verde un messaggio mentre altri, col tempo, perdono la loro forza. Di fronte all'attuale crisi europea, chi non ha trovato attuali le canzoni…

Stupendo - Vasco Rossi

Il testamento spirituale di Massimo Riva. Stupendo è una delle mie canzoni preferite del grande Blasco! La musica è sua, ma, questa volta, al testo ci ha messo le mani un immenso Massimo Riva. Autore già di altri testi capolavoro come "dormi dormi" e "non mi va". La canzone assume un significato ancora più forte se si considera che di li a poco il grande autore/chitarrista morirà di overdose. Morire di overdose nel 1999, più che una morte accidentale, sembra un suicidio. Questo da ancora più forza e credibilità ad un testo che parla del male di vivere e del sentirsi inadeguati per questa società marcia e corrotta. Lo voglio sottolineare perché troppo spesso abbiamo scoperto che presunti artisti maledetti, una volta spente le telecamere, facevano una vita da yuppies. Mi viene in mente qualcuno che fino a ieri cantava canzoni come "nessuno" e oggi "comunisti col rolex". Una brutta ipocrisia che rafforza ancor di più la, già sgradevole, sensazione…

Sally - Vasco Rossi

Chi è Sally. Non tutti hanno capito che, quando Vasco scrive una canzone autobiografica, si nasconde sempre dentro un alter ego femminile. Ne sono esempi canzoni come Albachiara (prima delle critiche andatevi a leggere il mio post "Albachiara non è una canzone d'amore), Jenny è pazza o brava Giulia (tanto per citarne qualcuna). Siccome continuo a ricevere insulti sui commenti, vi invito semplicemente ad andarvi a vedere la lunga intervista fatta a Bonolis dove spiega come ha scelto il nome Sally. Aggiunge pure che il suo alter ego è femminile perché "un uomo che non ha più voglia di fare la guerra" è una nullità, per cui ha scelto di nascodersi dietro un nome di donna. Io lo dicevo nel 2012 da questo blog (ma lo avevo capito molto prima), e, dopo 6 anni di futili insulti nei commenti, finalmente anche Vasco mi ha dato ragione. Non che ce ne fosse bisogno, il testo è molto chiaro, ma gli hater non sanno ascoltare. Si tratta di una delle canzoni più riuscite del rock…