Passa ai contenuti principali

Quale musica piace agli animali?

cane che canta mentre il padrone suona la chitarra

Che musica piace al tuo cane o al tuo gatto?

Chi non ha mai sentito parlare del pifferaio magico? Una favola per bambini, ma che, come ogni favola, nasconde un fondo di verità. Sembra infatti vero che il suono del flauto piaccia ai topi. Sembra anzi che ogni mammifero abbia un suo strumento preferito.
Perché parlo di questo? Sono stato questa mattina in una stalla del mio paese (Azzano Decimo) e li veniva diffusa con dei mediocri altoparlanti. È stato il fattore a spiegarmi che, statistiche alla mano, le vacche producono più latte ascoltando musica (a scanso di equivoci e commenti inutili: la dicitura corretta è vacche, non mucche!!!). Ricordo un proverbio che diceva che con la musica persino le mucche fanno il latte più buono (nel proverbio si usava la parola mucche, forse chi lo ha inventato non era una persona edotta). La cosa che mi ha lasciato perplesso però non era la musica in se stessa, ma quale musica! A queste povere bovine veniva imposto di ascoltare musica lirica 12 ore al giorno!!! Forse forse gli andava meglio alle vacche di mio nonno che lo dovevano sopportare mentre cantava me "compare giacometo".

Non prendiamoci troppo sul serio! Al mio gatto piace...

Non è mia intenzione, in questa sede, disquisire sul significato del testo delle canzoni che propiniamo a queste care bestiole. So che in anni di convivenza col loro amico bipede qualcosa in più avranno imparato, ma temo che ancora non siano interessate a sapere se Guglielmo Tell riuscirà o meno a centrare la mela! Voglio invece, per pura curiosità, fare una ricerca su quale sia lo strumento preferito di ogni animale (o almeno il genere musicale preferito).
Prima ancora di cominciare vi comunico che al mio gatto piaceva un sacco Mellow Yellow di Donovan. Non disprezzava nemmeno i Pink Floyd. Non sto scherzando, lo ho fatto notare anche ai miei amici, quando gli si metteva uno di questi brani si distendeva su di un fianco e si rilassava, mantenendo però la coda in costante movimento. In ogni caso sembra che lo strumento preferito dei gatti sia il violoncello. Faccio poi notare che la solita Università Americana ha creato un'apposita compilation di musica per i gatti. Gli americani sono fatti così, sono sempre i migliori a studiare cose inutili!
Abbiamo già detto che ai topi piace il piffero, mentre alle vacche la musica lirica (quindi il canto umano).
Ai cani sembra piacere il blues, ma non ditelo agli autori. A nessuno piacerebbe scoprire di suonare musica da Cani!
La band preferita dai delfini sembrano essere i Radiohead, mentre alle balene piace il flauto. Come è noto odiano invece il rumore prodotto dai sonar, al punto da indurle al suicidio! Soprattutto quello ad alta potenza utilizzato per la ricerca di giacimenti petroliferi.

Cosa ascoltano i pappagalli e le cocorite?

Una ricerca dimostra poi come i pappagalli producano dopamina mentre ascoltano musica, l'ormone della felicità. Questo sembra  valere per qualunque musica, addirittura anche per il suono di fondo della televisione. Per quanto riguarda le cocorite la questione è invece controversa: alle cocorite piace la musica, mentre ai maschi crea un forte fastidio. Sembra che alle femmine piaccia perché ricorda il rituale di corteggiamento maschile e che, di conseguenza, dispiaccia ai maschi che lo considerano il canto di un rivale. Il canto di un uccello dipende poi dal suo stato di salute e dall'alimentazione. Le cocorite possono fare miracoli se alimentate in modo corretto, come il vino per i cantanti blues d'altronde!
Ho poco tempo, ma mi riprometto di approfondire la cosa, intanto chiedo cortesemente a chi avesse informazioni, di lasciarle scritte nei commenti, magari complete di link! Valgono anche opinioni personale e teoremi più o meno credibili!


Commenti

Post popolari in questo blog

Sally - Vasco Rossi

Chi è Sally. Non tutti hanno capito che quando Vasco scrive una canzone autobiografica si nasconde sempre dentro un alter ego femminile. Ne sono esempi canzoni come Albachiara (prima delle critiche andatevi a leggere il mio post "Albachiara non è una canzone d'amore), Jenny è pazza o brava Giulia, tanto per citarne qualcuna. Sally è uno di questi alter ego. Si tratta di una delle canzoni più riuscite del rocker di Zocca, tanto che egli stesso ha dichiarato in un'intervista che a volte vorrebbe fare un concerto solo per poter cantare questa canzone.

Classifica delle 100 migliori canzoni italiane di sempre

Disclamer: fare una simile classifica è sempre una cosa sciocca. Il risultato sarà sempre e comunque sindacabile. Allora perché la faccio? Così, per ingannare il tempo e divertirmi un po. Bello sarebbe anche se desse l'inizio ad un sano dibattito. Non cadiamo nel tranello di dare il via a sterili litigi. Per chi volesse esistono già numerosi siti dove litigare.
Stilare una simile classifica non è facile ed il risultato dipende esclusivamente dai parametri che si intendono utilizzare. Quelli a cui mi andrò a riferire sono:

successo della canzoneimpatto sociale nel momento in cui è stata pubblicatalongevità del successouniversalità del messaggio e del suonoprofondità del testocapacità di superare le barriere del tempo. Ogni volta che rileggo la classifica ci farei dei cambiamenti. Questo perché certi fenomeni sociali riescono a far tornare verde un messaggio mentre altri, col tempo, perdono la loro forza. Di fronte all'attuale crisi europea, chi non ha trovato attuali le canzoni…

Stupendo - Vasco Rossi

Il testamento spirituale di Massimo Riva. Stupendo è una delle mie canzoni preferite del grande Blasco! La musica è sua, ma, questa volta, al testo ci ha messo le mani un immenso Massimo Riva. Autore già di altri testi capolavoro come "dormi dormi" e "non mi va". La canzone assume un significato ancora più forte se si considera che di li a poco il grande autore/chitarrista morirà di overdose. Morire di overdose nel 1999, più che una morte accidentale, sembra un suicidio. Questo da ancora più forza e credibilità ad un testo che parla del male di vivere e del sentirsi inadeguati per questa società marcia e corrotta. Lo voglio sottolineare perché troppo spesso abbiamo scoperto che presunti artisti maledetti, una volta spente le telecamere, facevano una vita da yuppies. Mi viene in mente qualcuno che fino a ieri cantava canzoni come "nessuno" e oggi "comunisti col rolex". Una brutta ipocrisia che rafforza ancor di più la, già sgradevole, sensazione…