Passa ai contenuti principali

Alta Marea - Antonello Venditti

Antonello Venditti canta Alta Marea

Antonello Venditti poeta.

Oggi parliamo ancora del significato del testo di una canzone del grande cantautore romano Antonello Venditti, che, purtroppo, ho imparato ad apprezzare da poco. La canzone è Alta Marea. Ho cercato a lungo, all'interno del brano, significati nascosti e metafore, che spesso si trovano nei suoi pezzi. In realtà questa volta ne è piuttosto carente, si tratta invece di una poesia nuda e cruda! Semplici frasi destinate a sollevare in noi emozioni, senza il bisogno di essere interpretate o spiegate.

Gli anni '70 e la voglia di viaggiare

Il contesto è molto anni '70, per chi fosse nato di recente è difficile da capire. Attenzione! Non è difficile capire il significato del testo, quanto le emozioni che scatena in noi "vecchi". Negli anni '70, in conseguenza della rivoluzione culturale del '68 e di un'impressionante crescita economica, la società era davvero cambiata. Parliamo di amori: una volta c'era il caro proverbio: "mogli e buoi dei paesi tuoi". Detto in altro modo, si nasceva in un paesino di contadini e ci si sposava con una ragazza del paese. Negli anni '70 gli orizzonti si allargavano: ci si poteva fidanzare con una ragazzi che abitava a Roma, Napoli o addirittura in Sardegna. Era qualcosa di affascinante: gli orizzonti si estendevano, le culture si fondevano e si aveva sempre più consapevolezza di  come l'amore fosse universale e viaggiasse sopra le frontiere. Non si era ancora arrivati all'epoca della fidanzata dell'est o della latina americana. I confini dell'universo erano ancora le Alpi,  solo qualche audace avventuriero osava spingersi in terre lontane, come la costa azzurra, la Carinzia o Londra (che di li a breve diventerà una specie di Mecca).

Viaggiare e sognare

Ora, in questo contesto, il viaggio era parte integrante della storia. Era lui stesso affascinante ed era, quasi sempre, un'avventura unica. Pensate a Guccini e al suo Statale 17, tanto per fare un'esempio. Perché? Perché i mezzi all'epoca non erano i mezzi di oggi e, soprattutto, perché non c'erano i soldi. Quindi per andare da Napoli a Reggio Calabria erano necessarie diverse ore, in un treno caldo, sovraffollato e, spesso sudicio. Se poi dovevate raggiungere una frazione poteva essere necessario camminare anche 4 ore. Questo nella migliore delle ipotesi, perché il treno era già roba da ricchi. I più alla moda viaggiavano direttamente in autostop.
E cosa si faceva durante questi viaggi? Si fantasticava su quello che ci attendeva, ci si guardava intorno e, soprattutto, si faceva conoscenza con altri viaggiatori. Si, perché all'epoca non esistevano cellulari, tablet, portatili o altro, quindi quando viaggiavi o leggevi, o dormivi o parlavi con chi ti stava vicino. Nascevano amicizie colossali in quei contesti, e, spesso queste continuavano. Magari con visite reciproche. Mi spiego meglio, se un veneziano conosceva un palermitano durante il viaggio in treno, magari si scambiavano l'indirizzo e si sarebbero fatti una reciproca visita l'anno seguente.

Avventure che hanno fatto la nostra storia

Quando poi erano trascorsi diversi anni ci si ritrovava spesso a parlare di quei viaggi avventurosi: se la storia aveva avuto un lieto fine per raccontare cosa avevamo fatto per conquistare la mamma. Di come, per amore, avessimo attraversato mezzo mondo in autostop, piuttosto che bicicletta o in treno senza biglietto (mio nonno mi raccontava spesso di come andasse da Gorizia a Pordenone in bicicletta per vedere la nonna). Se la storia andava male per ricordare di come eravamo pazzi e di cosa non avremmo fatto anche per un bacio!
Bene, il maestro Venditti in questa canzone parla proprio delle emozioni che si provavano durante questi viaggi. Si tenga presente che, non avendo i cellulari o Internet a disposizione, spesso, durante la strada, ci si chiedeva pure se la nostra amata ci stesse ancora aspettando o se, nel frattempo, le cose fossero cambiate.
Cosa fa il nostro durante il viaggio? Fuma una sigaretta dietro l'altra (sigarette mai spente), vede la notte finire ed arrivare l'alba (serve a sottolineare quanto il viaggio sia lungo), ascolta la radio e sente il "suo cuore più forte di questo motore". Ovvero, per quanto il viaggio sia duro, la motivazione data dal suo amore resta comunque uno stimolo ad andare avanti. 

L'Alta Marea e i nostri sogni

"La mente vola fuori dal tempo e si ritrova sola" indica un'emozione che è difficile da spiegare a chi non l'ha mai provata. Se hai guidato tutta la notte e stai ancora guidando mentre albeggia, puoi provare questa strana sensazione di surreale, dove pensi a tutto, non ti rendi conto di dove sei, sei quasi distaccato dal corpo.
Poi molto più semplicemente rivolge il pensiero alla sua lei, che come l'alta marea vede per alcuni momenti e poi scompare. Si domanda cosa faccia lei quando lui non c'è, si domanda del mistero dell'amore, che lo spinge a simili avventure per una donna...
Ripeto, temo sia difficile assaporarne il senso a chi è nato dopo gli anni '70, a noi invece rievoca sempre delle bellissime immagini, delle meravigliose avventure, di una grande voglia di sentirsi vivi! Grande Antonello!!!

Testo della canzone Alta Marea di Antonello Venditti

Autostrada deserta
al confine del mare
sento il cuore più forte di questo motore

Sigarette mai spente
sulla radio che parla
io che guido seguendo le luci dell'alba
Lo so lo sai
la mente vola
fuori dal tempo
e si ritrova sola
senza più corpo
né prigioniera
nasce l'aurora

Tu sei dentro di me
come l'alta marea
che scompare riappare portandoti via

Sei il mistero profondo
la passione l'idea
sei l'immensa paura che tu non sia mia
Lo so lo sai
il tempo vola
ma quanta strada
per rivederti ancora
per uno sguardo
per il mio orgoglio
quanto ti voglio

Tu sei dentro di me
come l'alta marea
che riappare scompare portandomi via

Sei il mistero profondo
la passione l'idea
sei l'immensa paura che tu non sia mia,
Lo so lo sai
il tempo vola
ma quanta strada
per rivederti ancora
per uno sguardo
per il mio orgoglio
quanto ti voglio,

Commenti

Post popolari in questo blog

Blowin' in the wind - Bob Dylan

Stati Uniti in guerra! Ed ecco la meraviglia del grande poeta! Blowin'in in the wind, come tutti i brani di Bob Dylan, si presenta con un testo semplice e profondo. Ancora una volta devo ricordarvi che siamo nel 1963 e che gli Stati Uniti sono in guerra. Ancora una volta il poeta ci parla di guerra, ma sempre dall'alto, senza alzare il dito, senza toni forti, senza accuse. Anzi, in questo brano sembra quasi che fare la guerra sia uno degli istinti dai quali l'uomo non si potrà mai liberare. Prima di spiegare il significato del testo ve lo pubblico nella versione originale in inglese e nella sua traduzione (per quanto tradurre una poesia sia di fatto impossibile) in italiano.

Sally - Vasco Rossi

Chi è Sally. Non tutti hanno ancora capito che quando Vasco scrive una canzone autobiografica si nasconde sempre dentro un alter ego femminile. Ne sono esempi canzoni come Albachiara (il cantante di Zocca che parla della sua diversità) o Jenny è pazza (il cantante che, come molti adolescenti, passa le ore chiuso in camera, inducendo gli altri a credere nella sua pazzia). Sally è uno di questi alter ego. Si tratta di una delle canzoni più riuscite del rocker, tanto che egli stesso ha dichiarato in un'intervista che a volte vorrebbe fare un concerto solo per cantare questo brano.

My way - traduzione e significato testo

Non ho specificato My way - Frank Sinatra poichè il testo è stato scritto da Paul Anka sulle note di "Comme d'habitude" di Claude Francois. Però il cantante canadese non si è limitato a tradurre il brano, ma lo ha riscritto da capo. Il testo di Paul Anka è quello che canteranno Elvis Presley, Mirelle Mathieu, Nina Hagen, Michael Buble, Sid Vicius e, naturlamente, The Voice. Noi faremo riferimento a questa versione.