Passa ai contenuti principali

Chiara Galiazzo - Straordinario

Chiara Galiazzo canta straordinario al festival di Sanremo

Straordinario di Chiara: un testo con un pizzico di originalità.

Ho previsto il vincitore di Sanremo, ora vediamo se indovino chi vincerà al botteghino, che poi è la vera gara che conta. Al primo posto ci metto Malika Ayenne, al secondo Nek (ogni suo brano spopola alla radio) e, al terzo posto, ci metto chiara. Chiara che, a mio avviso, si è presentata con una delle canzoni "meno peggio" di questo festival di Sanremo. Si lo so, il suono ha il sapore del "trito e ritrito" e il testo, ovviamente, parla d'amore. Però il tutto è amalgamato molto bene ed è uno dei pochi brani ad avere almeno un 1% di originalità. Aggiungo che il testo richiede pure una sottile riflessione. Spiegare il testo di questa canzone significa capire di cosa si sta parlando. È senza dubbio una canzone per le donne, più difficile da capire ed apprezzare per un maschio.

Il rapporto visto dalla donna e dal suo compagno.

La donna protagonista di questa canzone si rivolge al suo compagno: un compagno che indubbiamente ama. Il problema è nel modo differente di vivere il rapporto. Lui lo vive alla giornata, senza molto impegno e senza tanti progetti. Attenzione, non è che lui non sia innamorato e scarti l'ipotesi, in futuro, di dare il via a qualcosa di grande, solo che al momento non ci pensa.

I sogni straordinari delle donne.

Lei invece ha il cuore pieno di sogni, vede nelle stelle degli occhi che li guardano, ed ha una grande voglia di condividere tutto con lui, di buttarsi a piè dentro questa storia, senza paura di dover lasciare amici o abitudini, senza paura di stare male. E rivolge l'invito al suo compagno, cercando di fargli capire che se anche lui trova il coraggio di sognare che ha dentro lei, allora tutto diventerà straordinario.
Non male come idea, niente di straordinario, ma senza dubbio questo testo ha qualcosa in più rispetto a tutti gli altri del festival. Nella stesura è un po' melenso e prevedibile, ma non scontato come tutti gli altri. Il fatto che sia sdolcinato poi, si può anche perdonare, visto che sta descrivendo i sentimenti di una ragazza ingenua e innamorata. Nella canzone non si fa il minimo rifermento alla risposta del suo compagno, ne la nostra Chiara Gazliazzo lascia intendere la sua reazione. Non si tratta di una dimenticanza. È semplicemente la consapevolezza che si sta consumando un dialogo tra sordi. Sono quelle cose che i maschi non possono proprio capire e che, nella migliore delle ipotesi, possono solo dar luogo a litigi e finte promesse. Attenzione, non finte perchè lui la prenda in giro, ma per la semplice ragione che non ha capito bene che cosa voglia lei. Be, se una canzone merita successo al botteghino, secondo me è proprio questa (ragion per cui non la ho messa al primo posto, che spetta di diritto ad una canzone banale).

Testo di Straordinario di Chiara.

Mi chiedo spesso se tu sei
Felice come me
Se poi ti basta quello che ci unisce
Un po' d'amore e poche regole
Mi chiedi spesso di chi sono
Quegli occhi che ci guardano
Io ti rispondo sono stelle
Ma tu non ci credi neanche un po'
Allora saliremo sopra il cielo
A piedi nudi mano nella mano
Andiamo dritti fino al paradiso
Un po' più su
Dove tutto intorno esplode l'universo
E io che vedo solo il tuo sorriso
Che fa sembrare tutto straordinario
Come te
Se un giorno io volessi di più
Di tutto quello che già ho
Ti troverei dentro un'altra vita
Con lo stesso sguardo
Perso ma sincero
Ci siamo presi a pugni
E poi a baci fino a ridere
Le mani ci hanno fatto male
Senza volersi mai staccare
E saliremo insieme sopra il cielo
A piedi nudi mano nella mano
Andiamo dritti fino al paradiso
E un po' più su
Dove tutto intorno esplode l'universo
E io che vedo solo il tuo sorriso
Che fa sembrare tutto straordinario
Come te
Come questi anni che sono veloci
Che stancano i volti
Mentre formano i cuori
Sono gli anni più duri
Ma dicono i migliori
E saliremo insieme sopra il cielo
A piedi nudi mano nella mano
Andiamo dritti fino al paradiso
E un po' più su
Dove tutto intorno esplode l'universo
E io che vedo solo il tuo sorriso
Che fa sembrare tutto straordinario
Come te
Andiamo insieme fino in capo al mondo
Perdiamoci ma mano nella mano
Questo viaggio avrà un finale straordinario
Se viaggi con me
Mi chiedo spesso se tu sei
Felice come me

Commenti

Post popolari in questo blog

Sally - Vasco Rossi

Chi è Sally. Non tutti hanno ancora capito che quando Vasco scrive una canzone autobiografica si nasconde sempre dentro un alter ego femminile. Ne sono esempi canzoni come Albachiara (il cantante di Zocca che parla della sua diversità) o Jenny è pazza (il cantante che, come molti adolescenti, passa le ore chiuso in camera, inducendo gli altri a credere nella sua pazzia). Sally è uno di questi alter ego. Si tratta di una delle canzoni più riuscite del rocker, tanto che egli stesso ha dichiarato in un'intervista che a volte vorrebbe fare un concerto solo per cantare questo brano.

My way - traduzione e significato testo

Non ho specificato My way - Frank Sinatra poichè il testo è stato scritto da Paul Anka sulle note di "Comme d'habitude" di Claude Francois. Però il cantante canadese non si è limitato a tradurre il brano, ma lo ha riscritto da capo. Il testo di Paul Anka è quello che canteranno Elvis Presley, Mirelle Mathieu, Nina Hagen, Michael Buble, Sid Vicius e, naturlamente, The Voice. Noi faremo riferimento a questa versione.

Stupendo - Vasco Rossi

Il testamento spirituale di Massimo Riva. Questa è una delle mie preferite. La musica è del grande cantautore, ma, questa volta, al testo ci ha messo le mani il grandissimo Massimo Riva. Autore già di altri testi capolavoro come "dormi dormi" e "non mi va". La canzone assume un significato ancora più forte se si considera che di li a poco il grande autore/chitarrista morirà di overdose. Lo voglio sottolineare perchè troppo spesso abbiamo scoperto che presunti artisti maledetti, una volta spente le telecamere, facevano una vita da yuppies. Una brutta ipocrisia che rafforza ancor di più la, già sgradevole, sensazione di essere soli ed incompresi. Massimo riva in questo brano ha posto l'accento sul proprio malessere, sul male di vivere in una società che non condivideva i suoi valori. Di provare, letteralmente, il vomito nel vedere come molti dei ribelli degli anni 70 si sia perfettamente integrati in questo modello di potere. La sua morte/suicidio è stato come u…