Passa ai contenuti principali

Annalisa Scarrone - Una finestra tra le stelle

Annalisa Scarrone canta una finestra tra le stelle al festival di Sanremo
Annalisa e l'ennesima canzone d'amore.

Ed ecco l'ennesima canzone d'amore per questo festival di Sanremo. Davvero non se ne può più! E almeno fossero, non dico scritte bene, ma almeno originali. Forse l'unica un po' originale è stata quella di Chiara Galiazzo, ma poca cosa comunque. Peccato però, Annalisa ci ha forse fornito quella che è stata una delle migliori interpretazioni di questo mediocre festival. Anche la musica non è male. Quello che non va proprio sono le parole.

Il significato della canzone?

Dare un significato al testo di questa canzone? Impossibile, per il semplice fatto che non ha un significato. Si tratta solo della descrizione, più o meno poetica, delle emozioni che un bel ragazzo fa provare al protagonista. La finestra tra le stelle altro non è che un pezzo di universo distaccato da tutto il resto, dove loro due si costruiscono un pezzo di paradiso. La classica isola deserta insomma, dove vivere lontano da tutto e da tutti. Un'immagine anche carina, ma non troppo efficace. Non abbastanza da essere il titolo e il ritornello della stessa canzone. Poi, qua e la, si sentono delle frasi più o meno banali: "baciarti e sentire che l'ossigeno mi arriva dritto al cuore", "se mi tieni in un tuo abbraccio riesco a sentire anche il profumo della notte". Ma è davvero troppo poco. Peccato comunque, perchè ripeto che l'interpretazione di Annalisa non era affatto male, e neanche gli arrangiamenti. Questa è forse la canzone che avrebbe meritato di vincere il festival.

La promessa di una grande carriera artistica.

Una considerazione sulla cantante: ci sono davvero tutte le potenzialità perchè diventi una grande artista, potrebbe essere la nuova Laura Pausini. La voce c'è, la bellezza pure, una buona capacità interpretativa ed una mimica facciale molto potente. Deve però togliersi di dosso nel minor tempo possibile tutti gli stereotipi alla x-factor, a partire dal modo di muoversi e, in particolare, di muovere le braccia. A volte sembra di guardare cantare una grandissima artista, a volte sembra una studentessa che tiene un esame di conservatorio. Sicuramente, tra tutte quelle viste in questo festival, la più grande promessa della musica italiana.

Testo di Una finestra tra le stelle di Annalisa.

Cambio faccia cambio modo di pensare
Se una goccia di una lacrima versata
Ti accarezza il viso mentre ridi e dici
Che è la pioggia
Ed è più dolce la paura se mi tieni in un tuo abbraccio
Riesco a sentire anche il profumo della notte
Mentre continui a sorprendermi
Disegna una finestra tra le stelle da dividere col cielo
Da dividere con me
E in un istante io ti regalo il mondo
Baciarti e poi scoprire che l’ossigeno mi arriva dritto al cuore
Solo se mi baci te
E non sentire
Bisogno più di niente
Non fermare quel tuo modo di riempire le parole
Di colori e suoni in grado di cambiare
Il mondo che non ero in grado di vedere
Ed è più dolce la paura se mi tieni in un tuo abbraccio
Riesco a sentire anche il profumo della notte
Mentre continui a sorprendermi

Disegna una finestra tra le stelle da dividere col cielo
Da dividere con me
E in un istante io ti regalo il mondo
Baciarti e poi scoprire che l’ossigeno mi arriva dritto al cuore
Solo se mi baci te
E non sentire
Bisogno più di niente
Disegna una finestra tra le stelle da dividere col cielo
Da dividere con me
E in un istante io ti regalo il mondo
Baciarti e poi scoprire che l’ossigeno mi arriva dritto al cuore
Solo se mi baci te
E non sentire
Bisogno più di niente

Commenti

Post popolari in questo blog

Sally - Vasco Rossi

Chi è Sally. Non tutti hanno capito che quando Vasco scrive una canzone autobiografica si nasconde sempre dentro un alter ego femminile. Ne sono esempi canzoni come Albachiara (prima delle critiche andatevi a leggere il mio post "Albachiara non è una canzone d'amore), Jenny è pazza o brava Giulia, tanto per citarne qualcuna. Sally è uno di questi alter ego. Si tratta di una delle canzoni più riuscite del rocker di Zocca, tanto che egli stesso ha dichiarato in un'intervista che a volte vorrebbe fare un concerto solo per poter cantare questa canzone.

Classifica delle 100 migliori canzoni italiane di sempre

Disclamer: fare una simile classifica è sempre una cosa sciocca. Il risultato sarà sempre e comunque sindacabile. Allora perché la faccio? Così, per ingannare il tempo e divertirmi un po. Bello sarebbe anche se desse l'inizio ad un sano dibattito. Non cadiamo nel tranello di dare il via a sterili litigi. Per chi volesse esistono già numerosi siti dove litigare.
Stilare una simile classifica non è facile ed il risultato dipende esclusivamente dai parametri che si intendono utilizzare. Quelli a cui mi andrò a riferire sono:

successo della canzoneimpatto sociale nel momento in cui è stata pubblicatalongevità del successouniversalità del messaggio e del suonoprofondità del testocapacità di superare le barriere del tempo. Ogni volta che rileggo la classifica ci farei dei cambiamenti. Questo perché certi fenomeni sociali riescono a far tornare verde un messaggio mentre altri, col tempo, perdono la loro forza. Di fronte all'attuale crisi europea, chi non ha trovato attuali le canzoni…

Stupendo - Vasco Rossi

Il testamento spirituale di Massimo Riva. Stupendo è una delle mie canzoni preferite del grande Blasco! La musica è sua, ma, questa volta, al testo ci ha messo le mani un immenso Massimo Riva. Autore già di altri testi capolavoro come "dormi dormi" e "non mi va". La canzone assume un significato ancora più forte se si considera che di li a poco il grande autore/chitarrista morirà di overdose. Morire di overdose nel 1999, più che una morte accidentale, sembra un suicidio. Questo da ancora più forza e credibilità ad un testo che parla del male di vivere e del sentirsi inadeguati per questa società marcia e corrotta. Lo voglio sottolineare perché troppo spesso abbiamo scoperto che presunti artisti maledetti, una volta spente le telecamere, facevano una vita da yuppies. Mi viene in mente qualcuno che fino a ieri cantava canzoni come "nessuno" e oggi "comunisti col rolex". Una brutta ipocrisia che rafforza ancor di più la, già sgradevole, sensazione…