Passa ai contenuti principali

Quello che le donne non dicono - Fiorella Mannoia, Enrico Ruggeri

Enrico Ruggeri autore di Quello che le donne non dicono

Enrico Ruggeri e l'anima delle donne

Non sono propriamente un fans di Enrico Ruggeri, ma devo ammettere che ha scritto, per terze persone, alcuni dei brani più belli della musica italiana. Basti pensare al "mare d'inverno" scritto per Loredana Bertè. Questo splendido regalo che l'autore ha fatto a Fiorella Mannoia è un vero capolavoro! A volte, riascoltandolo, mi domando come faccia Ruggeri a scavare così a fondo nell'animo delle donne. Ad arricchire questo, per altro già pregevole, lavoro ci ha pensato Fiorella Mannoia, con un'interpretazione da oscar!

Fiorella Mannoia interprete di Quello che le donne non dicono

La solitudine delle donne.

Spiegare il testo non è difficile, basta capire il contesto, o meglio, chi è che canta. Non la cantante ovviamente, ma il personaggio che si nasconde dietro al brano. Si tratta di una donna non più giovane, non più avvenente come ad un tempo, che soffre la solitudine. Le fresi che ce lo fanno capire sono molte, tutte poetiche e molto delicate nella forma, come la frase d'esordio: "ci fanno compagnia certe lettere d'amore", ovvero nella solitudine è facile cercare conforto nelle frasi che ci venivano scritte in gioventù. Anche la frase: "e dalle macchine per noi i complimenti del play boy, ma non li sentiamo più se c'è chi non ce li fa più" rende l'idea, anzi, la trovo doppiamente bella. Da un lato sottolinea ancora l'età, dall'altro crea un raffinato contrasto, l'autore (ma sarebbe più corretto dire l'autrice) prova nostalgia per i complimenti che le venivano fatti dalla macchina dei passanti, ne sente la mancanza, malgrado all'epoca fossero considerati fastidiosi e volgari.

L'amore non conosce età.

Un'altra frase molto efficace è "cambia il vento, ma noi no", ovvero, non siamo più come una volta, fisicamente, ma siamo sempre uguali, sempre desiderose d'amore. Ma la frase attorno alla quale gira tutta la canzone è senz'altro la più interessante: "ma se diciamo una bugia è una mancata verità". La bugia non è una frase detta, la bugia è l'atteggiamento. L'atteggiamento della donna che deve sembrare deferente verso le avance e verso i facili complimenti, ma che nella realtà li gradisce, ne sente la mancanza e il bisogno. Si tratta quindi di un esortazione verso il mondo maschile, di continuare a corteggiare le donne, anche se queste fingono di non volerlo.

La differenza tra una bugia e una mancata verità.

Commovente poi è il paragrafo:"... ma potrai trovarci ancora qui, nelle sere tempestose, portaci delle rose, nuove cose e ti diremo ancora un altro si". Ovvero: "siamo ancora capaci di amare, vogliamo ancora amare, l'amore non è solo una cosa da adolescenti. Quindi provaci ancora ed io, ancora una volta, ti dirò di si. E se in un primo impatto ti dovessi scoraggiare non rinfacciarmelo, era una bugia o, meglio, una mancata verità.

Testo di quello che le donne non dicono di Fiorella Mannoia ed Enrico Ruggeri.

Ci fanno compagnia certe lettere d'amore
parole che restano con noi,
e non andiamo via
ma nascondiamo del dolore
che scivola, lo sentiremo poi,
abbiamo troppa fantasia, e se diciamo una bugia
è una mancata verità che prima o poi succederà
cambia il vento ma noi no
e se ci trasformiamo un po'
è per la voglia di piacere a chi c'è già o potrà arrivare a stare con noi,
siamo così
è difficile spiegare
certe giornate amare, lascia stare, tanto ci potrai trovare qui,
con le nostre notti bianche,
ma non saremo stanche neanche quando ti diremo ancora un altro "si".
In fretta vanno via della giornate senza fine,
silenzi che familiarità,
e lasciano una scia le frasi da bambine
che tornano, ma chi le ascolterà...
E dalle macchine per noi
i complimenti dei playboy
ma non li sentiamo più
se c'è chi non ce li fa più
cambia il vento ma noi no
e se ci confondiamo un po'
è per la voglia di capire chi non riesce più a parlare
ancora con noi.
Siamo così, dolcemente complicate,
sempre più emozionate, delicate ,
ma potrai trovarci ancora quì
nelle sere tempestose
portaci delle rose
nuove cose
e ti diremo ancora un altro "si",
è difficile spiegare
certe giornate amare, lascia stare, tanto ci potrai trovare qui,
con le nostre notti bianche,
ma non saremo stanche neanche quando ti diremo ancora un altro "si"

Commenti

Post popolari in questo blog

Blowin' in the wind - Bob Dylan

Stati Uniti in guerra! Ed ecco la meraviglia del grande poeta! Blowin'in in the wind, come tutti i brani di Bob Dylan, si presenta con un testo semplice e profondo. Ancora una volta devo ricordarvi che siamo nel 1963 e che gli Stati Uniti sono in guerra. Ancora una volta il poeta ci parla di guerra, ma sempre dall'alto, senza alzare il dito, senza toni forti, senza accuse. Anzi, in questo brano sembra quasi che fare la guerra sia uno degli istinti dai quali l'uomo non si potrà mai liberare. Prima di spiegare il significato del testo ve lo pubblico nella versione originale in inglese e nella sua traduzione (per quanto tradurre una poesia sia di fatto impossibile) in italiano.

Sally - Vasco Rossi

Chi è Sally. Non tutti hanno ancora capito che quando Vasco scrive una canzone autobiografica si nasconde sempre dentro un alter ego femminile. Ne sono esempi canzoni come Albachiara (il cantante di Zocca che parla della sua diversità) o Jenny è pazza (il cantante che, come molti adolescenti, passa le ore chiuso in camera, inducendo gli altri a credere nella sua pazzia). Sally è uno di questi alter ego. Si tratta di una delle canzoni più riuscite del rocker, tanto che egli stesso ha dichiarato in un'intervista che a volte vorrebbe fare un concerto solo per cantare questo brano.

My way - traduzione e significato testo

Non ho specificato My way - Frank Sinatra poichè il testo è stato scritto da Paul Anka sulle note di "Comme d'habitude" di Claude Francois. Però il cantante canadese non si è limitato a tradurre il brano, ma lo ha riscritto da capo. Il testo di Paul Anka è quello che canteranno Elvis Presley, Mirelle Mathieu, Nina Hagen, Michael Buble, Sid Vicius e, naturlamente, The Voice. Noi faremo riferimento a questa versione.