Passa ai contenuti principali

Yellow Flicker Beat - Lorde

lorde canta Yellow Flicker Beat
Lorde ci sorprende con un brano Chillwave.

La giovanissima cantante neozelandese Lorde, all'anagrafe Ella Marija Lani Yelich-O'Connor, già conosciuta grazie al singolo Rolyals, ha raggiunto i vertici delle principali classifiche mondiali grazie a questo brano, Yellow Flicker Beat, nato come colonna sonora del film Hunger Games: il canto della rivolta. È un brano che si fa apprezzare da subito, grazie al suo sound certamente originale, che fa massiccio uso di elettronica, e che si rifà al genere Chillwave e, più in generale, al fenomeno indie. Quest'ultimo, in fondo, tradito, visto che la cantautrice ha poi firmato un contratto con la Universal.
Il testo lo trovo addirittura geniale! Oltretutto, sarà che lo sto ascoltando il 30 dicembre, a modo suo lo considero natalizio. Ovviamente non conforme alle regole standard per un canto di Natale. Cosa ci trovo di natalizio, malgrado i toni forti, a volte cupi e a volte violenti? L'atmosfera fiabesca. Attenzione, non di fiaba alla Walt Disney, quanto piuttosto di fiaba moderna, tipo la storia infinita o labirinth. Ma di cosa parla esattamente questa canzone? Eccovi la traduzione del testo.

Traduzione e spiegazione del testo Yellow Flicker Beat di Lorde.

I’m a princess cut from marble, smoother than a storm
And the scars that mark my body, they’re silver and gold
My blood is a flood of rubies, precious stones
It keeps my veins hot, the fires find a home in me
I move through town, I’m quiet like a fire
And my necklace is of opal, I tie it and untie
And our people talk to me, but nothing ever hits
So people talk to me, and all the voices just burn holes
Io sono una principessa scolpita nel marmo, più forte di una tempesta
E le ferite che segnano il mio corpo sono d’oro e d’argento
Il mio sangue è un fiume di rubini e pietre preziose
Mantiene le mie vene calde, i fuochi trovano una casa in me
Mi muovo attraverso la città, sono tranquilla come un fuoco
E la mia collana è di opale, la lego e la sciolgo
E la nostra gente mi parla, ma niente mi tocca
Così la gente mi parla, e le loro voci colo bruciano buchi
Ecco la descrizione di una fata, una dea, una principessa fiabesca. Fatta di marmo, fuoco e diamanti. Indistruttibile, invincibile, intoccabile da chiunque, specialmente dalle male lingue. È una principessa descritta come in un libro di due secoli fa, ma, di fatto, è una principessa moderna, che non si difende da orchi e dragoni, ma dalla città e dalla cattiveria della gente.
I’m going in (ooh)
This is the start of how it all ends
They used to shout my name, now they whisper it
I’m speeding up and this is the
Red, orange, yellow flicker beat sparking up my heart
We’re at the start, the colors disappear
I never watch the stars there’s so much down here
So I just try to keep up with them
Red, orange, yellow flicker beat sparking up my heart
I dream all year, but they’re not the same kinds
And the shivers move down my shoulder blades in double time
And now people talk to me I’m slipping out of reach now
Sto per andare
È l'inizio della fine
Gridavano il mio nome, ora sussurrano che
Sto accelerando e questo è il
Rosso, arancio, giallo battito tremolante che accende il mio cuore
Stiamo partendo, i colori scompaiono
Non guardo mai le stelle, c’è così tanto qui
Cerco solo di tenere il passo con loro
Rosso, arancio, giallo battito tremolante che accende il mio cuore
Io sogno tutto l’anno, ma loro (le stelle) non sono la stessa cosa
E i brividi scendono dalle mie spalle a passo accelerato
E ora la gente parla con me, sto scivolando lontano da loro ora
Qui la principessa che combatte contro la cattiveria terrena risulta ancora più evidente. Una principessa che parla dei suoi sogni, che non sono le stelle, ma sono molto più terreni. Una principessa che vuole scappare da questo mondo, che non riesce a stare al passo con questo mondo, che vuole solo allontanarsi da questo mondo. Non credo vi sia alcun riferimento al suicidio, quanto piuttosto alla droga. La droga è un potente allucinogeno che ti allontana dal mondo e che ti fa sentire qualcosa di diverso, di irreale (come una principessa di marmo).
People talk to me, and all their faces blur
But I got my fingers laced together and I made a little prison
And I’m locking up everyone who ever laid a finger on me
I’m going in (ooh)
This is the start of how it all ends
They used to shout my name, now they whisper it
I’m speeding up and this is the
Red, orange, yellow flicker beat sparking up my heart
We’re at the start, the colors disappear
I never watch the stars there’s so much down here
So I just try to keep up with them
Red, orange, yellow flicker beat sparking up my heart
And this is the red, orange, yellow flicker beat
Sparking up my heart
And this is the red, orange, yellow flicker beat-beat-beat-beat
La gente parla di me, e tutti i loro volti si confondono
Ma ho le dita legate insieme e ho fatto un po’ di prigione
E rinchiuderò con tutti quelli che non hanno mai posato un dito su di me (dato una mano nda)
Sto per andare
È l’inizio di come tutto questo non finisca mai
Gridavano il mio nome, ora sussurrano che
Sto accelerando e questo è il
Rosso, arancio, giallo battito tremolante che accende il mio cuore
Abbiamo strappato la partenza, i colori scompaiono
Non guardo mai le stelle c’è così tanto qui
Cerco solo di tenere il passo con loro
Rosso, arancio, giallo battito tremolante che accende il mio cuore
E questo è il rosso, arancio, giallo battito tremolante che accende il mio cuore
E questo è il rosso, arancio, giallo tremolante battito battito battito battito
Attenzione, che l'espressione "accelerare" in alcune lingue, come inglese o spagnolo, sta proprio ad indicare il fatto di assumere droga. È L'inizio della fine, del viaggio che non finisce mai (il tunnel), ed emerge anche la rabbia di coloro che parlano male di lei e che non le hanno mai dato una mano. Si noti che chi prima pronunciava il suo nome ora lo sussurra soltanto. Come si fa per i drogati e gli assassini, di cui si parla sempre alle spalle e a bassa voce. E alla fine il battito leggero ed insicuro. Il battito del cuore che i tossici sentono nelle orecchie quando sono sotto l'effetto della droga.
Non è detto, comunque, che sia questo il senso del brano. Questo è quello che ci ho visto io e, probabilmente, sono anche fuori strada. Eppure il testo mi ricorda questo tipo di emozioni. In un panorama abbastanza mediocre di giovani artisti, questo mi sembra un'eccellenza, sia dal punto di vista musicale che come testo. Speriamo sia l'inizio di una grande carriera. In bocca al lupo Lorde!

Commenti

Post popolari in questo blog

Sally - Vasco Rossi

Chi è Sally. Non tutti hanno ancora capito che quando Vasco scrive una canzone autobiografica si nasconde sempre dentro un alter ego femminile. Ne sono esempi canzoni come Albachiara (il cantante di Zocca che parla della sua diversità) o Jenny è pazza (il cantante che, come molti adolescenti, passa le ore chiuso in camera, inducendo gli altri a credere nella sua pazzia). Sally è uno di questi alter ego. Si tratta di una delle canzoni più riuscite del rocker, tanto che egli stesso ha dichiarato in un'intervista che a volte vorrebbe fare un concerto solo per cantare questo brano.

My way - traduzione e significato testo

Non ho specificato My way - Frank Sinatra poichè il testo è stato scritto da Paul Anka sulle note di "Comme d'habitude" di Claude Francois. Però il cantante canadese non si è limitato a tradurre il brano, ma lo ha riscritto da capo. Il testo di Paul Anka è quello che canteranno Elvis Presley, Mirelle Mathieu, Nina Hagen, Michael Buble, Sid Vicius e, naturlamente, The Voice. Noi faremo riferimento a questa versione.

Stupendo - Vasco Rossi

Il testamento spirituale di Massimo Riva. Questa è una delle mie preferite. La musica è del grande cantautore, ma, questa volta, al testo ci ha messo le mani il grandissimo Massimo Riva. Autore già di altri testi capolavoro come "dormi dormi" e "non mi va". La canzone assume un significato ancora più forte se si considera che di li a poco il grande autore/chitarrista morirà di overdose. Lo voglio sottolineare perchè troppo spesso abbiamo scoperto che presunti artisti maledetti, una volta spente le telecamere, facevano una vita da yuppies. Una brutta ipocrisia che rafforza ancor di più la, già sgradevole, sensazione di essere soli ed incompresi. Massimo riva in questo brano ha posto l'accento sul proprio malessere, sul male di vivere in una società che non condivideva i suoi valori. Di provare, letteralmente, il vomito nel vedere come molti dei ribelli degli anni 70 si sia perfettamente integrati in questo modello di potere. La sua morte/suicidio è stato come u…